Glisofato, le pressioni della Bayer contro il Messico (email trapelate)

Glisofato, le pressioni della Bayer contro il Messico (email trapelate)

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Funzionari di diverse agenzie statunitensi e la multinazionale Bayer hanno fatto pressioni sul governo messicano per riconsiderare il divieto dell'uso del glifosato, un erbicida ampiamente utilizzato in agricoltura che esperti e gruppi ambientalisti attribuiscono effetti negativi sulla salute.

Attraverso richieste di trasparenza, il Center for Biological Diversity (CBD) ha ottenuto e-mail che rivelano che i funzionari dell'Ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti (USTR) e dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente (EPA) hanno scambiato informazioni con CropLife America sulla posizione del Messico riguardo all'uso del controverso agrochimico. 

CropLife America è un'unione che rappresenta i giganti del settore agrochimico, tra cui Bayer, che a sua volta possiede la Monsanto, la controversa azienda che commercializzava il glifosato attraverso il prodotto Roundup, l'erbicida più venduto al mondo.

 

LEGGI: Servire Dio e Mammona di Leo Essem

 

 

Nelle comunicazioni interne dei funzionari dell'Ufficio del rappresentante commerciale, rivelate dal quotidiano britannico The Guardian, si evidenzia come l'industria agrochimica stia facendo pressioni affinché gli Stati Uniti incorporino questo problema nell'accordo commerciale che ha con il Messico e il Canada, noto come T-MEC, entrato in vigore il 1 luglio 2020.

La strategia include l'avvertimento al Messico che le sue azioni riguardanti il ??glifosato e le colture transgeniche sollevano preoccupazioni "riguardo il rispetto" del T-MEC.

 In questo modo, l'industria farebbe pressioni sul Paese latinoamericano affinché modifichi la sua politica in cambio del non subire sanzioni per la presunta violazione dell'accordo commerciale. 

"Come potremmo usare l'USMCA per risolvere questi problemi ", emerge da una comunicazione interna di funzionari dell'Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti. 

Nelle informazioni ottenute dal Center for Biological Diversity , viene citata una comunicazione del direttore degli Affari governativi internazionali di Bayer, Stephanie Murphy, con l'allora direttore del Commercio internazionale e della politica ambientale dell'Ufficio del rappresentante commerciale, Leslie Yang , sulla posizione del Messico riguardo all'uso del glifosato.

Murphy menziona il collegamento del T-MEC su questo problema e riconosce che i dirigenti della Bayer hanno lavorato "a stretto contatto" con il Foreign Agricultural Service (FAS), che fa parte del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti, presso l'ambasciata degli Stati Uniti in Messico.

In un'e-mail inviata il 5 dicembre 2019, Murphy ha fatto riferimento alla decisione del Ministero dell'Ambiente e delle Risorse Naturali (Semarnat) del Messico di  vietare a un individuo di importare 1.000 tonnellate di glifosato . 

"Per ora, Bayer non è stata interessata dalle importazioni" , afferma Murphy, anche se avverte che la società potrebbe subire danni in futuro. 

Da parte sua, il 19 maggio 2020, l'allora rappresentante commerciale degli Stati Uniti, Robert Lighthizer, inviò una lettera al Segretario dell'Economia messicano, Graciela Márquez, in cui sollecitava il governo latinoamericano a "rivalutare" la sua posizione riguardo all'importazione di glifosato, un erbicida che è stato associato a vari effetti sulla salute, "da vertigini e irritazioni della pelle allo sviluppo del cancro", secondo Greenpeace Messico.

"Il glifosato ha una comprovata esperienza di sicurezza ed è uno degli erbicidi più rigorosamente studiati al mondo. Esorto il Messico a rivalutare queste domande e concedere i permessi di importazione " , ha scritto Lighthizer nella lettera, avvertendo che alcuni obblighi del T-MEC , che avrebbe un impatto sul commercio bilaterale . 

Pressione dell'industria

La pressione dell'industria agrochimica e dei funzionari statunitensi fu messa a nudo dall'allora capo di Semarnat, Víctor Toledo.

In una conversazione privata trapelata ai media, Toledo si è lamentata del fatto che il governo degli Stati Uniti e funzionari di "20 ambasciate in Messico" hanno mostrato una risposta "schiacciante" all'intenzione di Semarnat di  vietare 111 erbicidi e pesticidi altamente pericolosi .

Finora, la pressione dell'industria agrochimica e dei funzionari statunitensi non ha avuto l'effetto previsto sulla nazione latinoamericana.

Decreto in Messico

Il 31 dicembre 2020, il presidente Andrés Manuel López Obrador ha pubblicato un decreto nella Gazzetta Ufficiale della Federazione (DOF), costringendo le istituzioni pubbliche a "sostituire gradualmente l'uso, l'acquisizione, la distribuzione, la promozione e l'importazione della sostanza chimica chiamata glifosato e il prodotti agrochimici utilizzati nel nostro paese ". 

Nel decreto si ordina che questi prodotti agrochimici siano sostituiti " da alternative sostenibili e culturalmente appropriate" che siano "sicure per la salute umana, la diversità bioculturale del Paese e l'ambiente". 

Secondo i dati dell'Istituto nazionale di statistica e geografia (Inegi), citato da Semarnat, il 60,6% degli ettari di produzione in Messico utilizza erbicidi chimici . Sebbene l'agenzia non conosca la quantità esatta di glifosato utilizzata nel paese, afferma che è la sostanza che usano di più.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni) di Giuseppe Masala Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni)

Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni)

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti