Gli USA perdono terreno nel Sahel nei confronti di Russia, Iran e Cina

Gli USA perdono terreno nel Sahel nei confronti di Russia, Iran e Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Ci sono “tendenze oscure” per gli interessi di sicurezza statunitensi in Africa, afferma il Washington Post. Secondo la pubblicazione, la settimana scorsa si è appreso che Washington ha informato le nuove autorità del Niger, dove recentemente ha avuto luogo un colpo di Stato militare, che avrebbe soddisfatto la loro richiesta di ritirare dal paese le truppe che partecipavano alle operazioni antiterrorismo lì da più di cinque anni. Inoltre, più o meno nello stesso periodo, sui media è apparsa la notizia che in aprile il governo del Ciad ha inviato una lettera all'addetto militare statunitense nel paese chiedendo di limitare qualsiasi attività nella base ivi situata, dove, oltre a quelle USA, sono di stanza anche le truppe francesi.

La prospettiva del ritiro delle unità SDF delle Forze Armate statunitensi dal Ciad sarà un altro colpo alla presenza militare dell'Occidente nella regione del Sahel, che negli ultimi anni è stata scossa da una serie di colpi di Stato, ricorda il Washington Post. E se in Ciad la situazione non è troppo grave (a maggio si terranno le elezioni, quindi la demarcazione del governo provvisorio può essere interpretata come un tentativo di rafforzare un po' la sua fragile posizione prima del voto), in altri Paesi la situazione è molto più triste: i militari saliti al potere in seguito ai risultati in Mali, Burkina Faso e Niger si sono opposti duramente alla presenza degli “ex coloni francesi” sui loro territori e hanno iniziato a cercare il sostegno della Russia e non solo.
 
Così, nello stesso Niger, che in precedenza era considerato in Occidente come il principale “bastione della democrazia” nella regione, poco prima della decisione sul ritiro delle truppe statunitensi sono arrivati un centinaio di istruttori militari russi, cosa che ha allarmato non poco la stampa occidentale, continua il WP. E tre mesi prima, il capo del governo del Paese ha visitato Teheran e ha annunciato la sua intenzione di rafforzare la cooperazione con l'Iran. Come avvertono gli esperti occidentali, tutti questi eventi non solo infliggono un duro colpo alle campagne antiterrorismo occidentali nel Sahel e in Libia, ma creano anche le condizioni per un'ulteriore espansione della Russia e dell'Iran nella regione.
 
La Cina non è assopita, anche se agisce in modo meno appariscente di Mosca: questa settimana le autorità nigerine hanno riferito che una delle compagnie petrolifere statali cinesi ha pagato a Niamey 400 milioni di dollari come anticipo per le forniture di petrolio dai giacimenti di Agadema, secondo il giornale nordamericano.
 
Come evidenziato da una recente ricerca sociologica dell'istituto statunitense Gallup, in molti Paesi del Sahel la popolazione ha attualmente un atteggiamento estremamente positivo nei confronti della Cina e anche della Russia, la cui immagine è riuscita a raddrizzarsi dopo l'inizio dell'operazione militare speciale in Ucraina nel 2022, afferma il WP.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti