Gli Usa inaugurano il loro presidio militare permanente nel "fianco orientale della Nato"

Gli Usa inaugurano il loro presidio militare permanente nel "fianco orientale della Nato"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Siamo abituati ad ascoltare da opinionisti vari, giornalisti ed esponenti politici che la Russia rappresenta una minaccia. Intanto però sono gli Stati Uniti a continuare ad espandere e rafforzare la loro presenza militare a migliaia di chilometri di distanza dal continente americano, nei pressi dei confini russi. 

Con una cerimonia svoltasi martedì, l'esercito statunitense ha ufficialmente aperto il suo primo presidio militare permanente sul "fianco orientale" della NATO. La porzione orientale del blocco nord-atlantico, che si estende dai Paesi Baltici al Mar Nero, è composta da otto nazioni, tutte ex membri dell'URSS o del Patto di Varsavia.

Il V Corpo dell'esercito americano avrà ora una presenza duratura a Camp Kosciuszko in Polonia.

Il comandante generale del V Corpo, il tenente generale John Kolasheski, ha spiegato che il presidio dimostra che Washington sta approfondendo i suoi impegni militari nell'Europa orientale. "Il rapporto tra Stati Uniti e Polonia è un esempio dell'approfondimento dei legami in tutta l'alleanza", ha detto, aggiungendo che "la cerimonia di attivazione di oggi è un promemoria tangibile della crescita delle nostre relazioni".

Quando l'Unione Sovietica si è sgretolata all'inizio degli anni '90, i leader occidentali hanno ripetutamente assicurato a Mosca che la NATO non si sarebbe espansa negli Stati dell'ex URSS né avrebbe stabilito basi in Europa orientale. Tuttavia, da quando l'amministrazione di George H.W. Bush ha offerto queste garanzie, tutti i successivi presidenti degli Stati Uniti hanno violato l'impegno e hanno spinto l'impronta militare della NATO più vicino ai confini della Russia, evidenzia il Libertarian Institute. 

Il ministro della Difesa polacco Mariusz Braszczak - come riporta il Washington Post - ha descritto il presidio come "storico", affermando che Varsavia ha "lottato per anni per questo - per questa parola 'permanente' - e ora è diventato un fatto". E ha continuato: "Questo è un momento storico, un segno che gli Stati Uniti sono impegnati con la Polonia e la NATO, e che siamo uniti di fronte all'aggressione russa".

Il Pentagono ha attualmente due ufficiali di stanza a Camp Kosciuszko e 200 truppe aggiuntive nella base a rotazione. Poiché Washington aveva già mantenuto circa 10.000 truppe in Polonia in precedenza, un analista dell'Istituto polacco di affari internazionali, Artur Kacprzyk, ha sostenuto che il significato del nuovo presidio "è principalmente simbolico".

La Polonia è stata uno snodo fondamentale per le spedizioni di armi occidentali all'Ucraina, data la sua posizione. Anche se Camp Kosciuszko non si trova vicino al confine, un diplomatico nordamericano ha spiegato che il presidio è stato creato per affrontare la Russia. In una dichiarazione condivisa su Twitter, l'ambasciatore statunitense in Polonia Mark Brzezinski ha affermato che la decisione di aprire una base a lungo termine dimostra che "gli Stati Uniti sono impegnati con la Polonia e con l'alleanza della NATO, e che siamo uniti di fronte all'aggressione russa", usando una terminologia quasi identica a quella del capo della difesa di Varsavia.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti