Gli Stati Uniti si rifiutano di risarcire gli iracheni torturati ad Abu Ghraib

Gli Stati Uniti si rifiutano di risarcire gli iracheni torturati ad Abu Ghraib

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il governo degli Stati Uniti non è riuscito ancora a risarcire le vittime irachene delle torture ad Abu Ghraib e in altre prigioni gestite dagli Stati Uniti in Iraq, secondo un report di Human Rights Watch (HRW) pubblicato ieri

HRW ha riferito di aver tentato di contattare il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti a giugno per richiedere informazioni riguardanti il risarcimento per i sopravvissuti alla tortura in Iraq, ma non ha ricevuto risposta.

Gli Stati Uniti invasero illegalmente l’Iraq nel 2003 e sconfissero rapidamente l’esercito iracheno. Tuttavia, presto ci fu un’insurrezione per combattere gli occupanti statunitensi. Nel 2004 scoppiò uno scandalo quando emersero fotografie che mostravano guardie statunitensi torturare iracheni detenuti nelle carceri gestite dagli Stati Uniti perché sospettati di appartenere o sostenere l'insurrezione.

Le guardie statunitensi sottoposero i detenuti iracheni ad abusi fisici, psicologici e sessuali, compreso l'uso di scosse elettriche e finte esecuzioni.

In risposta allo scandalo, l’amministrazione di George W. Bush affermò che tutti gli iracheni che avevano subito “gravi e brutali abusi e crudeltà per mano di alcuni membri delle forze armate degli Stati Uniti” durante l’occupazione illegale del paese da parte degli Stati Uniti sarebbero stati risarciti. Tuttavia, il rapporto di HRW ha ribadito che il governo americano non ha mai risarcito le vittime irachene per le torture subite.

"Vent'anni dopo, gli iracheni che sono stati torturati dal personale americano non hanno ancora un percorso chiaro per presentare una richiesta di risarcimento o ricevere qualsiasi tipo di risarcimento o riconoscimento da parte del governo americano", ha denunciato Sarah Yager, direttrice di HRW a Washington.

“I funzionari statunitensi hanno indicato che preferiscono lasciare la tortura nel passato, ma gli effetti a lungo termine della tortura sono ancora una realtà quotidiana per molti iracheni e le loro famiglie”.

Le autorità statunitensi hanno condannato diverse guardie di grado inferiore per aver eseguito le torture, ma i funzionari politici e militari statunitensi di livello superiore hanno goduto dell'impunità.

HRW ha documentato il caso di Taleb al-Majli, il quale ha raccontato di essere stato torturato dalle forze statunitensi dopo essere stato detenuto nella prigione di Abu Ghraib nel novembre 2003. Fu rilasciato senza accusa nel 2005 ma non ha ricevuto alcun risarcimento nonostante abbia perseguito ogni possibile via legale.

“Quell’anno e quattro mesi hanno cambiato in peggio il mio intero essere. Ha distrutto me e la mia famiglia. È la ragione dei problemi di salute di mio figlio e il motivo per cui le mie figlie hanno abbandonato la scuola. Ci hanno rubato il futuro”, ha lamentato Majli a HRW. "Non sapevo cos'altro avrei potuto fare o dove altro andare."

Jonathan Tracy, un ex avvocato militare statunitense che ha trattato le denunce di danni a Baghdad nel 2003, ha detto a HRW che il governo degli Stati Uniti dovrebbe indagare su tutte le accuse di tortura contro Washington durante le sue guerre all'estero.

“Le autorità statunitensi dovrebbero avviare procedimenti giudiziari adeguati contro chiunque sia implicato, qualunque sia il suo grado o posizione. Gli Stati Uniti dovrebbero fornire risarcimenti, riconoscimenti e scuse ufficiali ai sopravvissuti agli abusi e alle loro famiglie”, ha concluso Yager.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti