Gkn, riaperte procedure licenziamenti. Operai: "Presi in giro"

Gkn, riaperte procedure licenziamenti. Operai: "Presi in giro"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un duro colpo, una vera e propria doccia gelata per i lavoratori della Gkn di Campi Bisenzio, l'azienda ha deciso di riaprire la procedura di licenziamento dopo il respingimento del provvedimento da parte del Tribunale del Lavoro di Firenze lo scorso settembre.

I lavoratori hanno dato la notizia tramite la loro pagina Facebook, con poche, ma significative parole: "Arrivata raccomandata. Gkn si prepara a riaprire la procedura di licenziamento. Decretate ora. Ancora una volta presi in giro."

 

Eppure, ad ottobre la viceministra Alessandra Todde aveva parlato di ''grande passo'', confermando ''l'impegno a trovare una soluzione della vertenza''. I sindacati pensavano addirittura che l'azienda ritirasse la messa in liquidazioni, così come i licenziamenti. Invece no.

Proprio ieri, in vista, di un'assemblea generale, i lavoratori avevano previsto questo scenario e denunciato come in altre vertenze lavorative di altre grandi realtà industriali ci fosse un meccanismo, un inganno nella chiusura delle aziende: dopo l'indignazione iniziale e qualche sciopero le lotte morivano fra ammortizzatori sociali, tavoli ministeriali e promesse.

Le maestranze Gkn sanno bene come sono andate le cose in questi anni e di poter essere come altri loro compagni di sventura, proprio per questo hanno sempre agito come se la loro vertenza era non solo loro ma quella di tutti, lavoratori anche studenti, paradigmatica si un sistema economico che prima ti usa e poi ti getta. con licenziamenti e delocalizzazioni.

Nei giorni scorsi avevano, tra l'altro, avvertito la necessità di organizzare uno sciopero "generale e generalizzato" per tutte le realtà a rischio che non avrebbe dovuto essere solo una giornata fine a se stessa.

Questa lotta riguarda tutti, ma soprattutto è uno spartiacque per tutti i lavoratori, mobilitarsi è necessario.

Dagli operai Gkn, dopo l'amarezza di questa ultima notizia, la lotta non si fermerà.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Vertice Blinken-Lavrov: gli Usa "gonfiano i muscoli" ma... di Marinella Mondaini Vertice Blinken-Lavrov: gli Usa "gonfiano i muscoli" ma...

Vertice Blinken-Lavrov: gli Usa "gonfiano i muscoli" ma...

CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO di Savino Balzano CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO

CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti