George Galloway eletto al Parlamento inglese. La reazione (scomposta) dei media mainstream

George Galloway eletto al Parlamento inglese. La reazione (scomposta) dei media mainstream

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Dopo l'elezione di George Galloway al Parlamento britannico a Rochdale, il primo ministro Rishi Sunak ha espresso forte preoccupazione, definendo "oltremodo allarmante" la vittoria dell'ex esponente laburista.

Galloway ha risposto con dure critiche nei confronti di Sunak, sottolineando la sua mancanza di rispetto nei confronti del primo ministro. Durante la celebrazione di questa vittoria, Galloway è stato assediato dai giornalisti, mentre i suoi sostenitori accusavano la stampa mainstream di distorcere la situazione e cercare di invalidare il risultato elettorale, come evidenziato da Consortium News.

Lo storico esponente della sinistra britannica ha respinto tali accuse, ribadendo la legittimità della sua vittoria elettorale e sottolineando l'integrità del processo di elezione. "La nostra vittoria è stata libera e giusta," ha dichiarato. Anche se il Labour non aveva un candidato ufficiale a causa di controversie interne, Galloway ha difeso la validità del risultato e ha respinto le insinuazioni sulle promesse non fattibili fatte durante la campagna elettorale. "Non ho fatto promesse che non posso mantenere," ha enfatizzato. Inoltre, ha ribadito l'importanza della sua campagna contro il massacro a Gaza, dichiarando: "La mia priorità è rappresentare i miei elettori e portare avanti l'agenda che ho promesso." Galloway ha anche sottolineato il significato della sua vittoria come una sfida al predominio dei due principali partiti politici britannici, indicando la possibilità di un cambiamento nel panorama politico del Regno Unito. "Abbiamo dimostrato che si possono ottenere cambiamenti significativi".

Inoltre, ha ribadito che la sua vittoria è una minaccia per il dominio dei due principali partiti. "Non sorprende che Sunak sia allarmato dalle elezioni," ha detto a tal proposito. "È stato sconfitto non solo da me, ma anche da un candidato indipendente di cui nessuno aveva mai sentito parlare". Ha poi aggiunto che i politici e i media mainstream sono "isterici" per la sua vittoria "perché sanno che se quello che è successo qui accade anche altrove, si possono aspettare grandi cambiamenti nella politica britannica."

Galloway ha detto che ci sono centinaia di collegi dove i candidati indipendenti e i candidati del suo Partito dei Lavoratori della Gran Bretagna possono battere il Labour e "così cambiare completamente l'aritmetica" delle imminenti elezioni generali di quest'anno. "Non sorprende che Starmer sia preoccupato. Non sorprende che Sunak sia allarmato. Perché qui (giovedì) a Rochdale è nato un nuovo potere politico. Siamo i pionieri".



----------------

DONBASS: 10 ANNI DI STORIA CENSURATA

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti