Generale Tricarico a La7: “La parola ‘negoziato’ è scomparsa perché Biden non vuole la pace”

Generale Tricarico a La7: “La parola ‘negoziato’ è scomparsa perché Biden non vuole la pace”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

“La parola ‘negoziato’ non è mai stata pronunciata né dal presidente degli Usa Biden, né dal segretario della Nato Stoltenberg, né dal segretario di Stato americano Blinken, né dal primo ministro britannico Johnson. Questo è molto grave, perché i primi tentativi per raggiungere un accordo sono avvenuti in modo molto improbabile. So quel che dico: Joe Biden non vuole la pace“.

Non sono parole di una persona qualunque, a pronunciarle, oggi, durante la trasmissione in onda su La7, ‘Tagada’”, il già Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, il Generale Leonardo Tricarico.

Parole che fotografano bene lo scenario di Guerra in Ucraina.

Il generale ha poi aggiunto:”Un tentativo serio di strutturazione importante dei negoziati non è mai stato fatto da nessuno e soprattutto dagli Usa e dalla Gran Bretagna. Se andiamo a scorrere tutti gli interventi pubblici o non pubblici dei personaggi che ho menzionato, non troveremo mai parole come ‘negoziato’ o frasi come ‘cessate il fuoco’. Evidentemente non vogliono la pace. Se non la vuole Biden, non la vogliono tutti gli altri, perché Stoltenberg è la diretta cassa di risonanza di Biden e gli inglesi addirittura superano per perentorietà e aggressività gli americani. Questa è la situazione, è inutile girarci intorno: Biden vuole vedere Putin nella polvere “.

Dal momento che sono parole di una persona che ha qualche dimestichezza con la questione della Difesa rende bene l’idea di quale pericolo corriamo in Europa.

Perché semmai Biden ridurrà Putin in polvere. In questo stato ci finirà in Europa, l’Ucraina e i suoi cittadini.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti