Generale ceco Rehka: la NATO "è attualmente sulla buona strada" per la guerra con la Russia

Generale ceco Rehka: la NATO "è attualmente sulla buona strada" per la guerra con la Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Kyle Anzalone – AntiWar

Il comandante delle forze armate della Repubblica Ceca ha affermato che l'Alleanza del Nord Atlantico e la Russia sono sulla strada per una guerra diretta. Il generale ha descritto la potenziale guerra come lo "scenario peggiore", ma ha sottolineato che rimane una possibilità concreta. 

Il generale Karel Rehka, capo di stato maggiore delle forze armate ceche, lunedì scorso ha parlato al parlamento del suo paese della possibilità di una guerra tra NATO e Russia. “Nessuno lo vuole affatto, ma non è impossibile. È necessario smettere di dire che questo non è possibile, perché è semplicemente possibile. Può succedere ed è necessario prepararsi a lungo termine", ha avvertito. 

"Consideriamo la guerra tra la Russia e l'Alleanza del Nord Atlantico come lo scenario peggiore, ma non è impossibile", ha continuato Rehka. "È possibile... [la Russia] è attualmente sulla strada di un conflitto con l'Alleanza".

Le tensioni tra Mosca e l'Occidente sono aumentate vertiginosamente nelle ultime settimane. In una riunione del Gruppo dei Sette (G7) all'inizio di questo mese, Washington e i suoi alleati hanno annunciato un piano per trasferire gli F-16 in Ucraina. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha affermato che  dare aerei da combattimento avanzati a Kiev è una "escalation inaccettabile" e ha avvertito che l'Occidente sta "giocando con il fuoco".

Inoltre, Kiev ha effettuato una serie di attacchi all'interno della Russia. Il 3 maggio, due droni sono stati lanciati contro il Cremlino nel tentativo di assassinare  il presidente russo Vladimir Putin. La scorsa settimana, una  milizia neonazista  alleata di Kiev ha usato armi americane per lanciare un raid transfrontaliero contro Mosca. Mentre, martedì, Kiev ha attaccato Mosca con diversi droni. 

Rehka ha ricordato che sia Mosca che Bruxelles vorrebbero evitare un conflitto diretto. "Ma questo non significa che la Russia lo voglia o che lo pianifichi", ha detto Rehka. “Certamente non ora, proprio come non lo vogliamo. Tutti sanno che sarebbe una tragedia”. 

Mentre gli alti funzionari dei paesi della NATO sperano di evitare un conflitto diretto con la Russia, allo stesso tempo queste nazioni continuano a oltrepassare le linee rosse fissate da Mosca. Il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan ha recentemente ribadito che Kiev potrebbe usare le armi che riceve da Washington per  attaccare  la penisola di Crimea. Il segretario di Stato Antony Blinken aveva precedentemente  riconosciuto  che prendere di mira la Crimea era una "linea rossa" per il Cremlino. 

Questo articolo è stato originariamente pubblicato dall Libertarian Institute .

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti