Gaza, ultimo giorno di tregua, diplomazie al lavoro per estendere l’accordo Israele-Hamas

Gaza, ultimo giorno di tregua, diplomazie al lavoro per estendere l’accordo Israele-Hamas

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il conflitto tra Israele e Resistenza palestinese è entrato nel suo cinquantaduesimo giorno. Oggi, tra l’altro, è l’ultimo giorno di tregua mediato dal Qatar tra le parti in conflitto.

Finora, gli attacchi israeliani contro la Striscia di Gaza hanno provocato la morte di 20.031 palestinesi, tra i quali 8.176 bambini, 7.000 persone restano ancora sotto le macerie, secondo i dati del responsabile dell'Osservatorio euromediterraneo per i diritti umani, Ramy Abdu.

Dall’entrata in vigore della tregua, Hamas ha rilasciato 58 persone, tra cui cittadini di Israele, Tailandia, Stati Uniti e Russia. Israele ha liberato 117 palestinesi dalle sue prigioni.

Intanto, si cerca un’estensione dell’accordo. Egitto, Qatar e Stati Uniti premono per una proroga della tregua di quattro giorni.

Anche il rappresentante della politica estera dell'UE Josep Borrell ha sollecitato una proroga della tregua: "La pausa dovrebbe essere prolungata per renderla sostenibile e duratura mentre si lavora per una soluzione politica" secondo quanto dichiarato da Borrell questa mattina.

Il primo ministro Benjamin Netanyahu, intanto, ieri, ha voluto dare una prova di arroganza visitando, in gran segreto, le truppe israeliane Gaza, ribadendo: “Niente ci fermerà”.

Il delirio di Netanyahu mostrandosi in elmetto e giubbotto antiproiettile non ha certo impressionato la Resistenza palestinese.

Secondo Basem Naim, dirigente di Hamas, “l’ingresso segreto di Netanyahu nella Striscia di Gaza per scattare alcune foto di propaganda non è un segno di potere, ma piuttosto un segno di fallimento.”

Il rappresentante di Hamas ha ricordato che “il regime di occupazione cerca di impedire e interrompere la gioia dei palestinesi per il rilascio dei prigionieri, perché il regime sionista non è riuscito a liberare i prigionieri con la forza.”

Dall’Iran, arriva una lettura complessiva del conflitto. Per il generale Seyed Abdolrahim Mousavi, “le sette settimane di questa guerra hanno portato all’umiliante sconfitta del regime sionista.” Non solo, ma Mousavi ha osservato che “il bombardamento di obiettivi civili non ha portato alcun risultato per Israele, poiché ha perso molte attrezzature militari e personale nella battaglia di terra e non è riuscito ad arrestare i leader di Hamas.”

Non sono mancati attacchi al principale alleato di Israele, ovvero gli Stati Uniti d’America, ribadendo che questo conflitto ha svelato ancora una volta la vera natura di Washington e i suoi doppi standard.

“Gli Stati Uniti hanno cercato di presentare positivamente il loro sostegno ai diritti umani e alla democrazia, a costi significativi e attraverso il loro impero mediatico, ma la guerra a Gaza ha rivelato la sua vera natura”, ha ribadito il generale iraniano.

Herzog: Germania “vero amico” rispetto agli altri leader europei “ipocriti”

Intanto, sono sorte delle discrepanze tra i Israele e paesi dell’Unione europea sfocando in veri e propri incidenti diplomatici, come quello tra Tel Aviv e Madrid. Il governo di Pedro Sanchez aveva criticato Israele per le sofferenze del popolo palestinese nella Striscia di Gaza.

A tal proposito, il presidente israeliano, Isaac Herzog non ha placato la polemica, anzi, ringraziando il suo omologo tedesco Frank-Walter Steinmeier, per la sua "presa di posizione chiara" a favore del suo paese, evidenziando, al contrario, accusando altri paesi del blocco di adottare "doppi standard" e di "ipocrisia".

Lo scontro diplomatico, oltre che con la Spagna, si è consumato anche con l’Irlanda.

Il pretesto dell’attacco diplomatico di Israele contro il primo ministro irlandese Leo Varadkar è stato un tweet in cui affermava che una ragazza israelo-irlandese di nome Emily Hand, "scomparsa", era stata, quindi, ritrovata, riferendosi a uno dei 17 ostaggi che Hamas ha liberato sabato scorso.

 Eli Cohen, ministro degli Esteri israeliano, ha replicato accusando Varadkar di “cercare di legittimare e normalizzare il terrorismo”, mentre per Herzog sono state "inaccettabili" le parole del premier irlandese, sottolineando che la minorenne "non era scomparsa, non era perduta", ma "era stata brutalmente rapita sotto la minaccia delle armi da mostruosi e vili assassini".

Successivamente il ministro irlandese per le Imprese, il commercio e l'occupazione, Simon Coveney, ha precisato che "perdersi ed essere ritrovati è un termine biblico che, infatti, [il primo ministro] ha utilizzato nel tweet".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti