Francesco Erspamer - Destra, sinistra e il "brodo neoliberista"

Francesco Erspamer - Destra, sinistra e il "brodo neoliberista"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Francesco Erspamer*


È vero, non c’è più una destra e non c’è più una sinistra, entrambe dissoltesi nel brodo neoliberista. Ma ciò non significa che non ci sia bisogno di una destra e di una sinistra, anzi, di più destre e più sinistre: le une contro le altre armate perché la condizione necessaria della democrazia è il pluralismo politico, che implica separazione, non il multiculturalismo globale e conformista. Per questo non ho niente contro Meloni: se fossi di destra la detesterei in quanto è una filoamericana almeno quanto Schlein, dunque una finta conservatrice, una finta nazionalista, una finta cattolica, una finta fascista. Ma non sono di destra e non tocca a me sognare una vera destra. Se agli italiani che si sentono o dicono di destra va bene Meloni come a suo tempo andò bene Berlusconi, fatti loro.

Io sono di sinistra e mi tocca pertanto il compito, ancora più disperato, di provare a pensare una vera sinistra, che non significa antimeloniana o antifascista e in fondo neppure antiliberista: una sinistra che si limiti a essere «anti-qualcosa» non è sinistra ma una banale emanazione dell’impero delle multinazionali, all’interno del quale esiste un solo valore, il successo materiale e individuale (con i suoi culti: del nuovo, della tecnologia fine a sé stessa, della libertà come edonismo), un valore che si può ancora rifiutare (diventando irrilevanti) o dal quale, più probabilmente, ci si può far condurre alla disperazione o alla rassegnazione: nessun problema, a patto che non tentiate di contrapporgli un altro modello, nel qual caso sareste immediatamente etichettati come statalisti dalla destra e come razzisti dalla sinistra (fra qualche anno basterà l’epiteto di «putinisti») e tacciati di terrorismo.

Sì, lo scoraggiamento è comprensibile, peraltro indotto dalla macchina propagandistica più potente e invasiva della Storia (tutti gli schermi o schermini dei quali vi servite ne fanno parte). Però un ribellismo ingenuo, educato o isterico, verbale o violento che sia, non è una soluzione; al contrario, rafforza il potere: e non perché ne legittimi le strutture repressive, come accadeva una volta, ma perché lo aiuta a frammentare la società, a completarne la deregolamentazione, a cancellare le istituzioni, le culture e le tradizioni che per qualche migliaio di anni hanno bene o male (spesso, male) arginato la barbarie dell’individualismo.

Non è ancora tempo per la politica: prima occorre ricostruire la «polis», dunque delle aggregazioni sociali che si riconoscano in autonome gerarchie di valori condivisi. Condivisi. Non «universali» come pretendono i liberisti di destra o «umani» come pretendono i liberisti di sinistra, entrambi per sfuggire alla responsabilità e fatica del bene comune, che sempre comporta rinunce, sacrifici, compromessi; così più facile chiamare destino o necessità ciò che conviene ai potenti e si possa ottenere sùbito, e chissenefrega dei posteri.

Di questo vorrei discutere, dopo qualche mese di totale distacco da un ambiente, quello dei cosiddetti «social», che si è dimostrato, dopo le illusioni di qualche anno fa, del tutto omogeneo al sistema neoliberista, se non sua diretta emanazione. D’altra parte i mezzi, a differenza dei fini, non li si può inventare: ci si deve accontentare di ciò che è disponibile. Anche facebook. Purché non ci si adegui al suo formato, alla sua programmatica superficialità, alla sua ossessione per l’immediata attualità e per ciò che è di moda e in quanto tale non giudicabile. Come dicevo, penso che sia tempo di tornare a parlare di valori, di principii, di obbiettivi, di strategia. Senza alcuna speranza di ottenere risultati in tempi brevi: in quanto consapevoli delle enormi difficoltà che ci troveremo ad affrontare ma anche perché immuni dal vizio liberista della fretta.

*Post Facebook del 30 settembre 2023

Francesco Erspamer

Francesco Erspamer

 

Professore di studi italiani e romanzi a Harvard; in precedenza ha insegnato alla II Università di Roma e alla New York University, e come visiting professor alla Arizona State University, alla University of Toronto, a UCLA, a Johns Hopkins e a McGill

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti