Forbes definisce "misterioso" il sottomarino di nuova generazione sviluppato da Russia e Cina

Forbes definisce "misterioso" il sottomarino di nuova generazione sviluppato da Russia e Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


La notizia di uno sviluppo congiunto di un sottomarino da parte di Russia e Cina ha dato origine a numerose opinioni di esperti russi e stranieri sui suoi obiettivi. La rivista Forbes ha definito "misterioso" il progetto, mentre gli analisti russi, consultati da Sputnik, parlano di "fiducia senza precedenti" tra i due Paesi.
 
Russia e Cina stanno progettando congiuntamente un sottomarino non nucleare di nuova generazione, ha dichiarato a Sputnik un rappresentante del Servizio federale di cooperazione militare e tecnica (FSMTS) durante il Forum Army 2020. 
 
"Stiamo lavorando con la parte cinese alla progettazione congiunta di un sottomarino non nucleare di nuova generazione. È troppo presto per parlare della data di completamento dei lavori", ha precisato la fonte.
 
Tecnologie avanzate dalla Russia
 
Oltre ai sottomarini di attacco nucleare, le forze navali russe e cinesi, a differenza della Marina degli Stati Uniti, hanno sottomarini da attacco non nucleari, osserva HI Sutton, autore dell'articolo per Forbes. Secondo l'editorialista, sono più economici, hanno una serie di vantaggi rispetto ai sottomarini a propulsione nucleare e possono essere esportati in altri paesi.
Tuttavia, l'autore osserva che "è ancora un mistero" che tipo di sottomarino sarà il progetto russo-cinese e quale sarà il suo scopo.
 
"La Russia è nota per la sua lunga tradizione nella costruzione di sottomarini e ha creato molti dei sottomarini più grandi e potenti del mondo, quindi non sorprende che le tecnologie di costruzione dei sottomarini russi siano considerate molto più avanzate di quelle cinesi", secondo HI Sutton.
 
Possibili vantaggi della Cina
 
Ma nella progettazione dei sottomarini, la Cina ha preso la sua strada e ha la capacità tecnica nazionale per costruire sottomarini di qualsiasi classe, aggiunge. "E sebbene ci siano ancora classi di sottomarini in cui la Russia è chiaramente davanti alla Cina, la sua posizione sulla progettazione di sottomarini non nucleari non è così chiara. E le capacità della Cina in questa direzione non dovrebbero essere sottovalutate".
 
Secondo l'analista, la Cina potrebbe avere un vantaggio nello sviluppo dei propulsori. Il paese asiatico sta costruendo sottomarini a propulsione indipendente dall'aria (PIA), mentre la Russia sta solo cercando di implementare questa tecnologia, sebbene all'inizio della Guerra Fredda sia stata pioniera della PIA.
 
"Data la capacità della Russia di progettare e costruire sottomarini, il problema probabilmente non sono tanto le difficoltà tecniche quanto il finanziamento", afferma HI Sutton. 
 
L'uso di batterie promettenti può diventare un'altra area di interesse. I sottomarini stanno ora passando alle batterie agli ioni di litio. I primi sottomarini al mondo a utilizzarli furono i giapponesi, seguiti dai sudcoreani e dagli italiani. Si dice anche che la Cina stia abbracciando la tecnologia, quindi l'uso di tali batterie è un'altra area in cui la Pechino potrebbe superare la Russia, afferma l'editorialista. 
 
"Un'altra opzione è combinare uno scafo costruito da un paese con sistemi di combattimento e armi costruiti in un altro paese. Si tratta, ad esempio, di installare un sonar russo e armi russe su un sottomarino cinese, o installare una batteria cinese su un sottomarino russo. e un PIA cinese ", ipotizza l'analista. 
 
Un sottomarino da vendere?
 
Nel frattempo, l'ufficio di progettazione russo Malajit sta promuovendo il proprio progetto di sottomarino non nucleare R-750V Serval con un PIA di tipo chiuso con un motore a turbina a gas che utilizza ossigeno liquido. Questo modello è presentato al Forum Army 2020.
 
Anche i costruttori navali cinesi promuovono i propri progetti. "Pertanto, non è chiaro dove o come questo nuovo sottomarino progettato congiuntamente si adatterebbe alla futura composizione della Marina di entrambi i paesi", afferma l'editorialista.
 
L'analista ritiene possibile che il nuovo sottomarino non sia progettato per le marine dei due paesi, ma per essere venduto ad altre nazioni. 
 
Allo stesso tempo, HI Sutton è dell'opinione che il progetto alla fine potrebbe non portare a nulla.
"Russia e Cina competono sul mercato internazionale, principalmente vendendo sottomarini d'attacco convenzionali. La quota della Cina in questo mercato è in aumento e vende sottomarini a Thailandia, Bangladesh e Pakistan. (…) La Russia continua ad aumentare gli ordini per la costruzione di sottomarini non centrali nucleari esistenti ", osserva.
 
Interesse reciproco
 
Gli esperti russi, a loro volta, vedono abbastanza chiari gli obiettivi del sottomarino congiunto russo-cinese. Il capitano della riserva Konstantín Sivkov ha detto alla Sputnik cosa si aspettano i due paesi da questo progetto.
 
"Penso che la Cina sia interessata a ottenere tecnologie russe per garantire una bassa rumorosità. Oggi ci sono solo due paesi al mondo - Russia e Stati Uniti - che dispongono di tali tecnologie. A sua volta, il nostro interesse è assicurarci che , in condizioni di finanziamento e capacità di produzione limitata, possiamo ottenere risorse aggiuntive lavorando insieme. È un interesse reciproco", ha spiegato l'esperto militare russo.
 
Da parte sua, il professore dell'Università statale di San Pietroburgo Vladimir Kolotov ha sottolineato che il semplice fatto di tale cooperazione mostra un livello di fiducia senza precedenti tra Russia e Cina.
 
"Questo tipo di progetto - sviluppo di armi promettenti - può essere realizzato solo tra paesi con un livello estremamente alto di fiducia reciproca e una probabilità estremamente bassa di possibili conflitti. Solo in questo caso le autorità realizzano progetti comuni di questo tipo. Ogni paese Investe in questo progetto la risorsa in cui ha un vantaggio", ha ricordato.
 
Secondo l'analista russo, attualmente i sottomarini "sono un fattore molto serio nella politica estera e di difesa". Kolotov ha anche osservato che "le minacce esistenti per la Russia e alla Cina sono ampiamente comuni".
 
 

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti