Fadi Quran (Al-Shabaka) - La strategia dietro l'attacco iraniano

Fadi Quran (Al-Shabaka) -  La strategia dietro l'attacco iraniano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Fadi Quran* - pubblicato su X

(Traduzione di Maria Morigi)


“A Stanford, ho frequentato un corso di perfezionamento sulla strategia militare condotto da una persona con decenni di esperienza, incluso il servizio ai più alti livelli nell’esercito e nel governo. Una lezione che ricordo sempre è stata questa: ci ha chiesto: “Se gli Stati Uniti decidessero di attaccare l’Iraq con un nuovo jet stealth che non avevano mai usato prima e che sfuggisse a tutti i radar? L’attacco è stato un successo?. È stato strategico?” Molti in classe hanno alzato la mano per dire “sì, ha raggiunto il suo obiettivo”.

Ma il professore ha detto: “Forse non lo è stato”. Perché? “Perché ora i tuoi avversari conoscono le tue capacità ed è solo questione di tempo prima che trovino il modo di aggirarli. Se questo attacco potesse essere effettuato con armi convenzionali, sarebbe meglio tenere le armi migliori finché non ne avrai bisogno. Usarli crea uno svantaggio”.

La mia analisi è che la portata dell’attacco iraniano, la diversità dei luoghi presi di mira e le armi utilizzate, hanno costretto Israele a scoprire la maggior parte delle tecnologie antimissilistiche di cui dispongono gli Stati Uniti nella regione. Gli iraniani non hanno usato armi che Israele non sapeva avessero, ne ha semplicemente usate molte. Ma gli iraniani probabilmente ora hanno quasi una mappa completa di come appare il sistema di difesa missilistico israeliano, così di dove in Giordania e nel Golfo gli Stati Uniti hanno installazioni. Sa anche quanto tempo ci vuole per prepararli, come risponde la società israeliana… ecc. Questo è un enorme costo strategico per Israele, mentre i regimi arabi ora vengono criticati dai loro popoli, in particolare dalla monarchia giordana, per non aver fatto nulla per proteggere gli abitanti di Gaza ma hanno fatto di tutto per proteggere Israele. Fondamentalmente, l’Iran può ora decodificare tutte le informazioni raccolte da questo attacco per rendere credibile un attacco molto più mortale.

Mentre gli Stati Uniti e Israele dovranno riprogettare allontanandosi dal loro modello attuale che è stato compromesso. Il successo nel fermare questo attacco coreografato è quindi ancora molto costoso. Inoltre, con la minaccia di una guerra regionale che né gli Stati Uniti né i regimi arabi vogliono sentire più vicina, è probabile che la loro pressione su Israele affinché faccia marcia indietro aumenterà, rendendo un cessate il fuoco più fattibile. Chiunque presuppone che si tratti solo di teatralità non tiene conto del contesto in cui i militari valutano la strategia rispetto alla tattica. Il teatro è un fattore importante, ma raccogliere informazioni sulla posizione del “nemico” è più prezioso, soprattutto se si crede che si trovi in una lunga guerra di logoramento. Netanyahu e il governo israeliano preferiscono una guerra rapida, calda e urgente in cui possano attirare l’America. Gli iraniani preferiscono una guerra di logoramento più lunga che privi Israele delle sue capacità di deterrenza, lo renda un alleato per gli arabi e per gli Stati Uniti troppo costoso.”


* Fadi Quran è membro politico di Al-Shabaka (The Palestine Policy Network) e organizzatore della comunità di lotta popolare. Ha ricoperto il ruolo di Advocacy Officer delle NU presso l’unità di ricerca e patrocinio legale di Al-Haq (org. palestinese indipendente per i diritti umani con sede a Ramallah).

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti