Europol avverte: rischio che le armi fornite all'Ucraina possano cadere nelle mani sbagliate

Europol avverte: rischio che le armi fornite all'Ucraina possano cadere nelle mani sbagliate

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il capo dell'Agenzia dell'Unione europea per la cooperazione di polizia (Europol), Catherine De Bolle, ha avvertito in un'intervista al quotidiano tedesco Welt am Sonntag  del pericolo che le armi fornite dall'Occidente all'Ucraina possano cadere nelle mani sbagliate. 

Secondo l'alto funzionario, il conflitto finirà a un certo punto e "vogliamo evitare una situazione come quella della guerra balcanica di 30 anni fa", riferendosi ai conflitti che si sono innescati dopo il crollo della Jugoslavia. In questo senso, ha aggiunto che le armi di quel conflitto sono ancora oggi utilizzate dai gruppi criminali, secondo ZDF e Deutsche Welle .

Europol prevede di creare un gruppo di lavoro internazionale per affrontare la situazione. L'agenzia segue anche le "attività segrete di uscita e ingresso di noti terroristi ed estremisti violenti tra l'Ucraina e l'UE". 

Parallelamente, De Bolle ha sottolineato che coloro che si recano in Ucraina ora "non sono un gruppo omogeneo" che differisce tra loro "per le loro esperienze e ideologie". Secondo il capo dell'istituzione, tra coloro che si sono recati nel Paese slavo ci sono "rimpatriati disillusi " che non hanno potuto far fronte alla brutalità del conflitto. 

Europol registra invece un aumento del numero di attacchi informatici in vista dell'attuale crisi. Molti di loro sono attacchi denial of service (DDoS), con i quali cercano di paralizzare i server Internet creando un sovraccarico artificiale, mentre utilizzano programmi di ricatto elettronico ("ransomware") che crittografano i file dei computer di altre persone per impedirne un ulteriore utilizzo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti