ESERCITO ISRAELIANO SPARA SENZA MOTIVO AI BAMBINI PALESTINESI

ESERCITO ISRAELIANO SPARA SENZA MOTIVO AI BAMBINI PALESTINESI

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Una nuova indagine del Guardian ha rivelato che i cecchini israeliani uccidono un numero enorme di bambini palestinesi al di fuori delle zone di combattimento e continuano a farlo perché, nonostante le regole dichiarate dall’esercito  israeliano che  “attacca solo terroristi e obiettivi militari”, non sarannoritenuti responsabili dei loro attacchi contro i civili.

Uno dei medici che lavoravano come volontario negli ospedali di Gaza, Fozia Alvi, ha detto che nell’unità di terapia intensiva ha notato due minori con ferite al viso e tubi respiratori nelle trachee. Secondo un’infermiera, avevano colpi sparati da cecchini nel cervello. “Non potevano parlare, erano paraplegici. […] Non erano gli unici. Ho visto anche bambini piccoli con ferite dirette causata da colpi sparati da cecchini sia alla testa che al petto. Non erano combattenti, erano bambini piccoli”, ha detto Alvi.

Secondo alcuni medici volontari stranieri, il tipo di ferite, così come i racconti dei palestinesi che hanno portato i bambini in ospedale, dimostrano che i minori erano un bersaglio diretto degli israeliani. Nel frattempo, i resoconti dei testimoni oculari e i video registrati mostrano che i soldati israeliani hanno sparato contro civili che si trovavano fuori dalle zone di combattimento.

Il medico statunitense Vanita Gupta ha anche rivelato che a gennaio tre bambini gravemente feriti sono stati portati all’ospedale dove lavorava e i suoi parenti hanno detto che i bambini erano in strada quando sono stati attaccati, anche se non c’è stata nessun’altra sparatoria nella zona. Secondo le sue parole, questo è successo quando le truppe israeliane si erano ritirate a circa 4 chilometri dalla zona, quindi i palestinesi hanno iniziato a tornare alle loro case.

Inoltre, i palestinesi di Gaza riferiscono che gli israeliani hanno iniziato a usare droni armati nei loro attacchi in grado di sorvolare le strade e attaccare la popolazione. Alcuni di questi droni sono usati come cecchini telecomandati per sparare contro i civili palestinesi.

Secondo Thaer Ahmad, un medico statunitense che ha fatto volontariato all’ospedale Nasser, il secondo più grande della Striscia di Gaza, nella città di Jan Yunis, i droni israeliani a volte volavano in grandi gruppi, ordinavano ai palestinesi di liberare la zona e li sparavano dal cielo. Ha aggiunto che un drone ha persino sparato in testa a uno dei medici dell’ospedale.

Vari ex soldati delle Forze di Difesa Israeliane (FDI) che hanno parlato con il Guardian e hanno visto immagini di corpi di bambini colpiti da proiettili. Le ferite sono compatibili con i proiettili di calibro 50, che di solito vengono sparati da mitragliatrici montate su veicoli blindati, hanno sottolineato che queste armi hanno sistemi di mira avanzati che permettono loro di dirigere i colpi.

Un ex cecchino israeliano che ha parlato a condizione di anonimato ha affermato che, secondo le regole di fuoco aperto dell’esercito, i soldati possono sparare a chiunque una volta che un’area è stata dichiarata zona di combattimento. Ha affermato che, anche se la maggior parte dei soldati vuole uccidere coloro che devono essere uccisi, “ci sono quelli che considerano tutti gli arabi come il nemico e trovano qualsiasi motivo per sparare, o nessun motivo”.

Ha sottolineato inoltre che un sistema di impunità protegge questi soldati. “Anche se sono al di fuori dei regolamenti, il sistema li proteggerà. Gli altri soldati dell’unità non si opporranno o celebreranno la morte di un altro arabo. Non c’è responsabilità, quindi nemmeno le regole più rigide hanno alcun significato reale”.

Il Guardian nota che Tel Aviv “rifiuta” le accuse che i suoi cecchini sparano deliberatamente ai civili. “Le FDI attaccano solo terroristi e obiettivi militari”, afferma il governo israeliano, assicurando che i suoi soldati “rispettano il diritto internazionale e prendono precauzioni per mitigare i danni ai civili”. Tuttavia, i medici dicono il contrario.

Vale la pena ricordare che, quando sono iniziate le ostilità nell’enclave palestinese, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato che l’IDF è “l’esercito più morale del mondo” e non danneggia “civili non coinvolti”. (RT)

Andrea Puccio – www.occhisulmondo.info 

 

-------------

L'AntiDiplomatico e LAD edizioni sono impegnati a sostenere l'associazione "Gazzella", in prima linea nel sostegno della popolazione di Gaza. 

Con l'acquisto di "Il Racconto di Suaad" (Edizioni Q - LAD edizioni) dal nostro portale, finanzierete le attività di "Gazzella".

Andrea Puccio

Andrea Puccio

Andrea Puccio - www.occhisulmondo.info

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti