Ecco perché gli F-16 in Ucraina non possono avere la meglio sui MiG-31 russi

Ecco perché gli F-16 in Ucraina non possono avere la meglio sui MiG-31 russi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La rivista Newsweek riferisce che un  gruppo di futuri piloti di caccia F-16 ucraini si sono diplomati in una scuola di volo militare britannica. L’Occidente si avvicina così a provocare ancora una ulteriore escalation con la fornitura di questi caccia al regime di Kiev. 

Il ministero della Difesa britannico ha annunciato venerdì che i primi 10 piloti ucraini che hanno intrapreso un "addestramento intensivo" con gli istruttori della Royal Air Force si sono diplomati alla scuola di volo e ora procederanno ad un programma di addestramento al volo avanzato fornito dall'aeronautica francese. Successivamente, i piloti verranno istruiti sugli F-16.

"I 10 piloti hanno ricevuto un addestramento di base al volo, alla scuola di terra e alla lingua nel Regno Unito e un giorno costituiranno la prima linea di difesa per proteggere i cieli dell'Ucraina dalle forze del [presidente russo Vladimir] Putin", si legge in un comunicato stampa del Ministero della Difesa.

Il Ministro della Difesa Grant Shapps ha dichiarato che i piloti "hanno ricevuto uno dei migliori addestramenti disponibili e sono ora un passo più vicini ad unirsi alla lotta contro l'invasione illegale di Putin".

"Negli ultimi due anni, il Regno Unito è stato all'avanguardia nella costruzione delle capacità aeree dell'Ucraina, potenziando i suoi aerei con attrezzature aggiuntive e fornendo per primo all'Ucraina missili da crociera a lungo raggio", ha aggiunto Shapps.

"L'Ucraina ha usato la sua forza aerea con effetti devastanti, degradando la flotta russa del Mar Nero e danneggiando gravemente il suo quartier generale", ha dichiarato. "Questa pietra miliare è un altro passo avanti per le capacità aeree dell'Ucraina: insieme ai nostri alleati stiamo dimostrando che continueremo a stare al fianco dell'Ucraina".

Il Regno Unito è uno dei membri dell'Air Capability Coalition, un gruppo guidato da Stati Uniti, Danimarca e Paesi Bassi, che sta preparando i piloti e il personale di supporto ucraini a operare con gli F-16.

La coalizione dovrebbe consegnare il primo lotto di jet da combattimento all'Ucraina entro l'estate del 2024, anche se il programma di consegna è stato ripetutamente prorogato a causa di controversie politiche e logistiche.

Kiev ha esortato i partner occidentali ad accelerare il processo di addestramento e armamento dei suoi "Top Gun", come il Ministero della Difesa ucraino ha definito i suoi piloti esperti.

Un gruppo di 12 piloti ucraini dovrebbe sottoporsi ad addestramento negli Stati Uniti quest'anno, con il direttore della Guardia Nazionale dell'Aeronautica, il tenente generale Michael Loh, che aveva detto ai giornalisti a febbraio che i primi quattro erano "abbastanza vicini" alla fine del loro addestramento.

Tutti e 12 dovrebbero diplomarsi tra maggio e agosto. Loh ha detto a settembre che ci vorranno dai tre ai nove mesi affinché i piloti completino il loro addestramento sull'F-16, con i primi quattro che già volano da soli sull'aereo "ogni giorno".

Altrove, la Danimarca ha iniziato ad addestrare i primi otto dei suoi candidati F-16 ucraini in agosto, appena un mese dopo che gli Stati Uniti avevano dato il via libera alla fornitura della piattaforma da caccia all’Ucraina. La Danimarca sta inoltre addestrando almeno 65 membri dell'equipaggio di supporto che manterranno l'aereo.

Danimarca, Paesi Bassi, Norvegia e Belgio hanno impegnato circa 45 F-16 per l'Ucraina, che secondo il New York Times sono sufficienti a formare tre piccoli squadroni.

I funzionari russi hanno inquadrato tutti gli aiuti militari occidentali come un prolungamento e un'escalation della guerra, come riporta Newsweek. 

La risposta russa

Che arrivino o meno questi caccia F-16 la Russia ha un vantaggio aereo importante: la temibile combinazione dell'intercettore Mikoyan MiG-31 e del suo missile a lunghissimo raggio R-37M. L'Ucraina non ha modo di fermare i MiG-31 o i Kinzhal. Gli ucraini definiscono il MiG-31 un'arma di terrore che può sconvolgere la vita quotidiana in Ucraina.

Il MiG-31 armato di R-37M è, dall'ottobre 2022, la principale minaccia contro la forza aerea ucraina. Secondo quanto riferito, i MiG-31 hanno abbattuto diversi aerei ucraini, soprattutto utilizzando l'R-37 a lungo raggio.

Nell'agosto 2023, un MiG-31 russo armato di R-37 ha spaventato un P-8A Poseidon norvegese, costringendolo a fare un'inversione di rotta. Nel dicembre 2023, un caccia ucraino MiG-29 è stato abbattuto da un missile aria-aria a lungo raggio R-37M, secondo quanto riferito da un MiG-31.

Nell'agosto 2023, la Polizia nazionale ucraina ha dichiarato che un missile R-37 era stato utilizzato in un attacco aereo nella regione di Kramatorsk. I piloti ucraini sperano che i caccia F-16 di prossima fornitura, armati con missili AIM-120 AMRAAM, siano una difesa, come riferisce The EurAsian Times. 

I caccia forniti dalla NATO al regime di Kiev, F-16 MLU Block 20, non sono migliori dei MiG-29 ucraini. Se devono respingere i MiG-31, avranno bisogno di un aggiornamento con radar, avionica e missili aria-aria AIM-120 a lungo raggio (180 km di gittata).

Gli F-16 con gli AIM-120 (una volta che li avranno) saranno ancora in svantaggio rispetto ai MiG-31 che sparano con gli R-37M, ma il divario si ridurrà. Quindi al massimo con questi F-16 l’Ucraina potrebbe costringere i MiG-31 più all'interno della Russia. 

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti