E ora nessuno si sogni di firmare il Mes: quei 125 miliardi servono TUTTI al popolo italiano

E ora nessuno si sogni di firmare il Mes: quei 125 miliardi servono TUTTI al popolo italiano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 


di Antonio Di Siena


Ora che finalmente il governo italiano ha fatto mezza cosa sensata, mi auguro che il 16 marzo nessuno si sogni di andare a firmare il MES.
 

Perché sarebbe veramente grottesco sottoscrivere un accordo che impegna l’Italia a versare 125 miliardi a Bruxelles per aiutare gli altri Stati Ue, quando non riusciamo a trovare i soldi che servono a impedire il collasso della nostra economia. Il tutto mentre gli amici europei ci negano pure le mascherine.


Vedete, io non voglio fare il pesante e parlare sempre delle stesse cose. Ma a sto giro c’è bisogno che tutti prendano coscienza di una cosa.


Perché mentre noi ce ne stiamo chiusi in casa questi stanno per dare all’Europa una montagna di soldi che servirebbero urgentemente agli italiani. Gli stessi soldi che fra quindici giorni l’Europa ci ridarà indietro ma sotto forma di prestito.


Un prestito però che sarà subordinato alle famose riforme. Che altro non sono che consistenti tagli alla spesa pubblica. Quelli stessi tagli che hanno ridotto i posti letto in ospedale e in questi giorni stanno obbligando i medici a lasciar morire vostra madre per salvare vostro cognato.


Se firmano il Mes nel bel mezzo di una emergenza nazionale sono dei traditori, servi degli interessi stranieri.


E come tale vanno trattati.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti