Dopo Repubblica, il Corriere: è caccia (vergognosa) al "putiniano"!

Dopo Repubblica, il Corriere: è caccia (vergognosa) al "putiniano"!

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Caccia al putiniano!

Ha dato il via Repubblica con un infame articolo di Gianni Riotta e ora prosegue il Corriere con Polito, Gramellini e l'immarcescibile Mieli. È iniziata la caccia al putiniano. 

La strategia è più o meno sempre la stessa, già rodata in altri ambiti: portare tutto sul piano morale, semplificare all'inverosimile, colpevolizzare con immagini cruente, quindi polarizzare la discussione, additare come nemici della patria, della civiltà, dei bambini e del genere umano chi non si allinea, chi infrange la sacra narrazione che divide il mondo in buoni e cattivi, e poi escludere gli intellettuali dalla discussione scaricando su di loro valanghe di letame (Polito e Gramellini oggi su Canfora e Di Cesare).

Da qui poi si passa al lavoro che porta a far nascere sui social un movimento di estremisti svitati, cappeggiati magari da qualche presunto filosofo da mandare in tv, sempre pronto a tenere alta la bandiera dell'idiozia e di tutti quei pensierini cretini che fanno comodo all'establishment perché ridicoli e indifendibili. Nel frattempo qualsiasi ragionamento serio e misurato diventa impossibile.

A questa strategia si aggiungono poi le manovre che fanno capo a Fubini e a tutti quei giornalisti economisti che gongolano quando sta per iniziare una crisi economica. Sono come i topi quando sentono odore di formaggio. Cominciano a fremere, si agitano per la brama insostenibile, i loro occhi brillano. Non gli par vero di poter tornare a parlare di austerità, di cinghie da stringere, di salari da abbassare, di licenziamenti da decidere e di precarietà nel lavoro da introdurre. La guerra li manda in solluchero. 

Ci si domanda se in fondo i veri putiniani non siano loro.

Paolo Desogus

Paolo Desogus

Professore associato di letteratura italiana contemporanea alla Sorbonne Université, autore di Laboratorio Pasolini. Teoria del segno e del cinema per Quodlibet.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti