Dopo la Rai anche per il TG5 il missile ucraino che ha massacrato la popolazione del Donbass è "sul cuore di Kiev"

Dopo la Rai anche per il TG5 il missile ucraino che ha massacrato la popolazione del Donbass è "sul cuore di Kiev"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
 
 
 
L’impero delle bugie [con aggiornamento]
 
Foto in alto: titoli di apertura del Tg5 (14.03.22 edizione delle 20) che raccontano di “missili su auto e tram nel centro storico di KIEV, vittime fra i civili”.
 
Foto in basso: il Tochka-U caduto ieri mattina nel centro di DONETSK che ha colpito auto e bus facendo almeno venti vittime civili tra cui alcuni bambini.
 
Lo capite che dire Kiev con sotto le immagini di Donetsk non è soltanto un errore ma significa qualcosa di molto più profondo?
 
Lo capite che questi hanno preso le immagini di un missile ucraino caduto sul Donbass e le hanno spostate di ben 950 km?
 
Lo capite che vi mentono spudoratamente?
 
Se non lo capite dovreste darvi una bella svegliata e anche alla svelta. Perché l’obiettivo è creare un’opinione pubblica di guerra pronta a sostenere convintamente un intervento diretto nel conflitto. Diversamente vi risveglierete in piena terza guerra mondiale senza manco capire come cazzo ci siete finiti.
 
I video originali del Tg5 e dell’attacco di ieri in Donbass li trovate qui https://t.me/antoniodisiena
 
Mi segnalano che il “problema” è solo nei titoli del Tg5 e non anche nel servizio completo, nel quale invece le immagini corrispondono. Il problema resta tutto però. Con il mondo sull’orlo del baratro non è tollerabile che dei professionisti montino un titolo di apertura facendo scorrere le immagini del Donbass con un grosso missile in bella vista senza mai pronunciare la parola Donetsk. Inducendo chiunque a credere che quello che stanno vedendo sia accaduto in un posto diverso da dove si è effettivamente verificato. Pertanto giudicate voi.

Antonio Di Siena

Antonio Di Siena

Avvocato, blogger e autore di "Memorandum. Una moderna tragedia greca" (Gruppo L.A.D.)

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti