Donbass, una fotografia della situazione bellica al momento

Donbass, una fotografia della situazione bellica al momento

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le repubbliche popolari del Donbass sono sotto il fuoco dell’esercito ucraino che bombarda pesantemente. Un attacco molto forte come non avveniva da anni. 

I residenti di Donetsk hanno riferito che il bombardamento della città, che ha avuto luogo la notte e la mattina del 20 febbraio, è stato il più massiccio dal 2017.

Le forze armate dell'Ucraina hanno iniziato a bombardare la città intorno alla mezzanotte del 20 febbraio, il bombardamento è terminato verso le 4 del mattino, ora di Mosca. 

Come si evince da questa cartina, le forze armate di Kiev bombardano con insistenza le roccaforti della 7a brigata dell'esercito nella Svitlodarskaya Bulge all'incrocio dei nodi di difesa del 1° e 2° corpo dell'LDNR.

 

Tatticamente, le forze armate di Kiev stanno cercando di tagliare i collegamenti tra le autproclamate repubbliche di Donetsk e Lugansk. 

Dal Donbass denunciano che l’Ucraina ha violato il cessate il fuoco utilizzando armi pesanti. 

Un totale di 49 violazioni del cessate il fuoco da parte delle forze armate ucraine sono state registrate nel territorio dell'autoproclamata Repubblica popolare di Lugansk (LPR) nella sola giornata di ieri, ha affermato la missione LPR presso il Centro congiunto per il controllo e il coordinamento (JCCC).

"Il 19 febbraio 2022 sono state registrate un totale di 49 violazioni del cessate il fuoco commesse dalle forze armate ucraine. In alcune di esse sono state utilizzate armi pesanti", ha affermato la missione tramite il suo canale Telegram.

Gli attacchi hanno preso di mira 27 aree residenziali della repubblica.

La situazione lungo la linea di contatto nell'Ucraina orientale è peggiorata la mattina del 17 febbraio. 

La DPR e la LPR hanno riportato alcuni dei bombardamenti più intensi degli ultimi mesi da parte delle forze di Kiev. Il bombardamento ha danneggiato alcune strutture civili e provocato la morte di due civili a Lugansk.

 

Granate in territorio russo

Intanto due granate di Kiev colpiscono il territorio russo. "Uno dei proiettili è esploso a circa due chilometri dal confine russo-ucraino alla periferia del villaggio di Mityakinskaya, il distretto Tarasovsky della regione di Rostov. Un altro proiettile ha distrutto un annesso sul territorio di una casa privata nella fattoria Manotsky, il distretto Tarasovsky”, hanno riferito funzionari dell’FSB a Ria Novosti. 

In precedenza era stato riferito che una granata aveva colpito un edificio residenziale in una fattoria nella regione russa di Rostov. Non sono state segnalate vittime, ma solo danneggiamenti al tetto della struttura. 

Poco prima un’altra granata era esplosa nel distretto Tarasovsky della regione di Rostov. L'esplosione è avvenuta la mattina del 19 febbraio alle 04:00 circa, ora di Mosca. La granata poco lontano da alcune abitazioni, secondo quanto hanno riferito i residenti della zona alle forze dell’ordine. 

In seguito all’accaduto il Comitato investigativo russo (autorità d'investigazione federale principale in Russia) ha aperto un caso penale. L’autorità di Mosca indaga per “tentato omicidio”. 

Il presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky, respinge le accuse e ritiene che le notizie sull'esplosione di granate nella regione di Rostov - che si trova vicino al confine con l'Ucraina - siano delle provocazioni ordite dalla Russia.

I rifugiati continuano ad arrivare in Russia dal Donbass

Quasi un milione di residenti del Donbass hanno chiesto la cittadinanza russa, ha detto il deputato russo della regione di Rostov, Viktor Vodolatsky, come riferisce la TASS.

Secondo il deputato, circa 950.000 persone hanno chiesto la cittadinanza russa. Più di 770.000 persone l'hanno già ricevuta.

Un treno con i rifugiati delle autoproclamate Repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk è arrivato nella regione russa di Voronezh dalla regione di Rostov. Circa 1.000 rifugiati sono arrivati nella regione di Voronezh. Le autorità della regione di Voronezh hanno implementato lo stato di emergenza a causa del crescente numero di rifugiati dal Donbass.

Il presidente Putin, subito dopo la decisione delle repubbliche del Donbass di procedere all’evacuazione di massa della popolazione civile, ha dato ordine di organizzare l’accoglienza al meglio e di provvedere al pagamento di 10mila rubli a ogni rifugiato. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo di Francesco Santoianni Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...