Disoccupati e immigrati: Letta getta la maschera

Disoccupati e immigrati: Letta getta la maschera

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

"C'è una questione molto importante: dobbiamo capire che in molti campi probabilmente c'è bisogno di manodopera che viene dall'immigrazione. Dobbiamo renderci conto che i giovani italiani sono pochissimi, troppo pochi rispetto a quello di cui abbiamo bisogno. Dobbiamo concepire il nostro futuro in modo diverso, con maggiore capacità di accoglienza e determinazione”, queste le incredibili parole del segretario del Partito democratico, Enrico Letta, ospite del programma Porta a Porta. 

Evidentemente il Partito Democratico - e le formazioni che lo hanno preceduto - non pago di aver devasto il mondo del lavoro in Italia a partire dal pacchetto Treu fino ad arrivare al jobs act, ha deciso di andare fino in fondo. Direttamente alla schiavitù. Ormai la deriva neoliberista di questa formazione politica ha portato il partito adesso guidato da Enrico Letta a destra dei Chicago Boys, gli economisti fautori e iniziatori del neoliberismo nel Cile fascista del generale Augusto Pinochet. 

D’altronde con le sue politiche in materia economica il Partito Democratico non ha mai nascosto l’immensa ammirazione per le scellerate politiche implementate senza soluzione di continuità nel paese sudamericano dalla dittatura fascista di Pinochet fino ai giorni nostri. Non è un caso che le forze popolari, comunisti in testa, riscuotano sempre maggior successo in un sistema caratterizzato dalla cosiddetta ‘crescita impoverente’. Un paese come il Cile può vantare indici economici di tutto rispetto, con multinazionali e grandi aziende che ingrassano i loro bilanci, mentre i lavoratori divengono sempre più poveri, vessati, precari, flessibili, a basso costo e resi inoffensivi. 

Il liberismo infatti possiede questa caratteristica intrinseca: arricchisce le élite mentre impoverisce le masse. 

Dove conduce la proposta di Letta? Riporta indietro le lancette della storia nel Cile pinochettista. I lavoratori italiani sono già stati fortemente massacrati, precarizzati, resi inoffensivi, senza diritti e tutele. L’arrivo di nuova manodopera a basso costo, pronta a lavorare per quattro spiccioli sarebbe la mazzata finale. 

Ancora una volta il Partito Democratico si caratterizza per essere il partito più insidioso per i lavoratori italiani. Infatti parte della popolazione - una quota sempre più piccola - continua a considerarlo partito di riferimento. Argine alle destre. L’erede di una certa sinistra che guardava al mondo del lavoro, mentre invece continua a portare avanti solo e sempre macelleria sociale. 

Ma d’altronde si sa: gli schizzi di sangue stonano meno sul grembiule rosso.

A ennesima riprova della natura liberista e reazionaria di questa compagine reazionaria abbiamo il silenzio sull’ultima uscita improvvida dell’Unione Europea. Da Bruxelles hanno fatto sapere che l’Italia dovrebbe rimuovere il blocco dei licenziamenti perché crea disparità tra chi ha un contratto a tempo indeterminato e i lavoratori a tempo e precari. Un goffo e strumentale tentativo di contrapporre i cosiddetti ‘garantiti’ ai lavoratori precari e autonomi. Secondo i fanatici del neoliberismo dell’Unione Europea visto che ci sono lavoratori senza tutele, bisogna livellare tutti verso il basso. Il PD e Letta tacciono, quindi acconsentono. Non c’è da stupirsi.

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti