Dichiarazioni “provocatorie” su organizzazione Mondiali di calcio. Qatar convoca ambasciatore tedesco

Dichiarazioni “provocatorie” su organizzazione Mondiali di calcio. Qatar convoca ambasciatore tedesco

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Funzionari del Qatar hanno annunciato, ieri, di aver convocato l'ambasciatore tedesco Claudius Fischbach a Doha per protestare contro le "dichiarazioni inaccettabili, riprovevoli e provocatorie fatte da un ministro tedesco in merito ai Mondiali di calcio, che saranno ospitati dall'emirato del Golfo fra tre settimane".

Il ministero degli Affari esteri del Qatar ha dichiarato di aver convocato l'ambasciatore tedesco e di avergli consegnato una nota ufficiale di protesta, esprimendo il disappunto dello Stato e il suo totale rifiuto delle dichiarazioni” del ministro dell'Interno tedesco Nancy Faeser riguardo all'organizzazione dei Mondiali da parte del Qatar.

 

La reazione del Qatar è arrivata un giorno dopo che Faeser ha dichiarato durante un'intervista con l'  ffiliata tedesca  della CNN ARD  che l'assegnazione di importanti eventi sportivi come l'imminente Coppa del Mondo dovrebbe essere collegata a criteri, "vale a dire, rispetto dei diritti umani e principi di sostenibilità".

La Faeser ha anche aggiunto che avrebbe voluto sentire l'opinione della società civile sull'eventuale realizzazione di progressi, ha riferito ARD.

Nella nota di protesta la diplomazia del Qatar ha sottolineato "il totale rifiuto da parte dello Stato del Qatar di queste dichiarazioni contro un Paese il cui ospitare la competizione globale rappresenta giustizia per una regione che soffre da decenni di uno stereotipo ingiusto".

Inoltre, è stato evidenziato la sorpresa per le dichiarazioni del ministro tedesco prima della sua visita ufficiale a Doha la prossima settimana, considerando che la questione "contraddice alle norme e alle tradizioni diplomatiche".

Inoltre, Majid bin Muhammad al-Ansari, portavoce ufficiale del Ministero degli Affari Esteri, ha precisato che le dichiarazioni del ministro tedesco sono state "respinte, riprovevoli e provocatorie per il popolo del Qatar".

Ansari ha sottolineato che “non è accettabile che i politici registrino posizioni per il consumo interno a scapito delle relazioni dei loro Paesi con altri Paesi”.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti