Denuncia della Russia: l'Ucraina utilizza armi chimiche con il silenzio-assenso degli USA

Denuncia della Russia: l'Ucraina utilizza armi chimiche con il silenzio-assenso degli USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Gli ucraini utilizzano regolarmente sostanze velenose e agenti chimici vietati, tra cui la cloropicrina irritante, nella zona dell'operazione speciale. Lo ha dichiarato il 28 maggio il capo delle truppe di difesa dalle radiazioni, chimica e biologica (RCDBZ) delle Forze armate russe, il tenente generale Igor Kirillov.

“Con la tacita approvazione di Washington, l'uso di sostanze velenose e agenti chimici antisommossa da parte dei militanti ucraini durante le loro operazioni speciali è diventato sistematico”, ha detto Kirillov durante un briefing.

“Numerosi casi di utilizzo da parte ucraina della sostanza irritante cloropicrina, spesso mescolata con cloroacetofenone, sono stati registrati nella regione di Donetsk, negli insediamenti di Bogdanovka, Gorlovka, Kremenovka e Artyomovsk (Bakhmut)”, ha aggiunto. 

Kirillov ha sottolineato che mentre il cloroacetofenone è classificato come agente chimico antisommossa, la cloropicrina è elencata nell'Allegato 3 della Convenzione sulle armi chimiche.

Kirillov ha ricordato – come evidenzia Sputnik - che i neonazisti ucraini hanno usato per la prima volta la pericolosa sostanza cloropicrina contro gli oppositori di Euromaidan durante l'assedio della Casa dei Sindacati a Odessa il 2 maggio 2014. 

“Ci sono motivi per credere che l'azione compiuta a Odessa sia stata premeditata, meticolosamente pianificata per sfruttare gli effetti delle sostanze tossiche utilizzate, con l'obiettivo di infliggere il massimo delle vittime”, ha aggiunto Kirillov.

Ha poi sottolineato che le forze dell'ordine russe hanno condotto un'indagine che ha permesso di identificare gli autori dell'atto terroristico.

Secondo Kirillov, l'uso di questa sostanza tossica è stato indicato dal possesso da parte dei militanti di maschere antigas filtranti già pronte, dalla comparsa del caratteristico fumo giallo-verde scoppiato nella Casa dei Sindacati e dai tentativi di mascherare l'uso di sostanze chimiche tossiche con le conseguenze dell'incendio.

Recentemente, Kiev ha utilizzato granate a gas contenenti la sostanza irritante CS contro i militari russi. 

“La parte russa ha registrato e confermato casi di utilizzo da parte delle Forze armate ucraine di munizioni non solo caricate con cloropicrina ma anche con altri irritanti chimici. Granate a gas di produzione USA contenenti la sostanza CS sono state utilizzate contro i militari russi nelle regioni di Krasny Liman e Boguslav", ha reso noto Kirillov.

“Granate a mano con sostanze chimiche irritanti, etichettate come Teren-6, sono state lanciate dagli UAV ucraini sulle posizioni delle truppe russe, e una scorta contenente queste munizioni è stata scoperta nel territorio di Donetsk. Secondo le testimonianze dei prigionieri di guerra ucraini, i gruppi d'assalto delle Forze armate ucraine sono equipaggiati con queste granate", ha aggiunto il funzionario della Difesa di Mosca.

Le forze armate ucraine hanno utilizzato anche l'agente chimico BZ contro i militari russi.

“Le formazioni armate ucraine utilizzano anche altri agenti chimici elencati. Ci riferiamo ai casi di utilizzo dell'agente chimico da combattimento BZ contro i militari russi nell'agosto 2022 e dell'acido sililico nel febbraio 2023“, ha dichiarato durante il briefing.

Kirillov ha osservato che le forze armate ucraine utilizzano anche altre sostanze chimiche.

“Ci riferiamo all'uso dell'agente chimico da combattimento BZ contro i militari russi nell'agosto 2022 e dell'acido sililico nel febbraio 2023”.

“Le dichiarazioni dei rappresentanti militari ucraini sul possesso di composti organici del fosforo, compresi gli analoghi dell'agente chimico da combattimento Tabun (GA), destano particolare preoccupazione”, ha aggiunto Kirillov.

Ha aggiunto che l'Ucraina sta richiedendo antidoti e maschere antigas in quantità eccessive, indicando piani per l'uso di sostanze tossiche.

“Le richieste dell'Ucraina per la fornitura di antidoti, maschere antigas e altri dispositivi di protezione personale in volumi chiaramente eccessivi testimoniano i piani per l'uso su larga scala di sostanze tossiche”, ha dichiarato Kirillov.

Inoltre, i nazionalisti ucraini continuano nei loro tentativi di distruggere le strutture a rischio chimico nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk.

“I tentativi dei nazionalisti ucraini di distruggere le strutture a rischio chimico nei territori delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk persistono, creando così una minaccia di contaminazione chimica per la popolazione civile delle regioni”, ha dichiarato Kirillov.

Ha ricordato che impianti industriali come Zarya nella città di Rubezhnoye, Azot a Severodonetsk e l'impianto Koksokhim ad Avdeyevka sono stati ripetutamente oggetto di massicci attacchi missilistici.

In precedenza, il 13 maggio, i residenti di Semenivka, nella Repubblica Popolare di Donetsk, hanno dichiarato che le forze armate ucraine hanno utilizzato agenti di guerra chimica contro i civili del villaggio. Un uomo che vive nell'insediamento ha notato che dopo l’esplosione dei proiettili, le persone hanno avuto il respiro corto, un sapore metallico in bocca, vomito e lacrimazione.

Il 24 aprile, l'esperto militare in pensione della Repubblica Popolare di Luhansk (LPR), il tenente colonnello Andriy Marochko, ha dichiarato che l'AFU ha iniziato a utilizzare più frequentemente proiettili chimici nelle sezioni di Svatovsk e Kremeni del fronte. Gli attacchi utilizzano componenti di fosforo, cloruro e azoto, oltre a non meglio specificati aerosol con effetti nervini e irritanti.

Gli Stati Uniti continuano a sviluppare nuove armi chimiche

Il Pentagono continua a sviluppare nuove munizioni chimiche non letali e altri sistemi di lancio di armi chimiche.

“Secondo le informazioni disponibili, il Pentagono continua a sviluppare nuove munizioni chimiche non letali e altri sistemi di lancio di armi chimiche, come proiettili di mortaio da 120 mm, proiettili di artiglieria da 155 mm e proiettili per carri armati da 120 mm”, ha affermato Kirillov durante il briefing.

L'OPCW chiude un occhio sul fatto che gli Stati Uniti conservano ancora masse reattive altamente tossiche negli impianti di distruzione delle armi chimiche. “Vorrei richiamare ancora una volta la vostra attenzione sul fatto che, secondo le scadenze fissate dall'OPCW, gli Stati Uniti avrebbero dovuto completare la distruzione delle loro scorte dichiarate di armi chimiche entro il 2007. Tuttavia, nonostante il potenziale economico, non hanno raggiunto questo obiettivo fino al 2023, posticipando due volte la scadenza, adducendo difficoltà finanziarie, organizzative e tecniche. Gli Stati Uniti conservano ancora masse reattive altamente tossiche negli impianti di distruzione delle armi chimiche. L'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche non sembra accorgersi di questo fatto".

Gli Stati Uniti hanno anche sviluppato un quadro giuridico che regola un'ampia gamma di scenari per l'uso di agenti chimici da parte delle forze armate USA, ha aggiunto Kirillov.

“Washington non solo non ha rinunciato all'uso di agenti chimici, ma ha anche sancito la possibilità del loro utilizzo a livello legislativo. Così, gli Stati Uniti hanno adottato un manuale di armi combinate sull'uso di armi non letali", ha detto Kirillov ai giornalisti, aggiungendo che esso definisce la procedura per l'uso di armi chimiche non letali da parte delle unità militari durante le operazioni speciali, umanitarie, antiterroristiche e di mantenimento della pace.

Se in precedenza gli Stati Uniti parlavano di usare tali armi solo in risposta all'aggressione chimica nemica, un aspetto importante delle nuove regole è la possibilità di usare sostanze chimiche tossiche unilateralmente".

“Così, gli Stati Uniti hanno creato un quadro giuridico che regola un'ampia gamma di scenari per l'uso di armi chimiche da parte delle forze armate”, ha detto Kirillov.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti