Daniele Bellocchio a l’AD: “Racconto le guerre dimenticate dell’Africa e le miniere di cobalto”

Daniele Bellocchio a l’AD: “Racconto le guerre dimenticate dell’Africa e le miniere di cobalto”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Giulia Bertotto per l’AntiDiplomatico

Il giornalista freelance Daniele Bellocchio si occupa da più di dieci anni di svolgere reportage dal Congo, nel quale è stato otto volte per documentare gli stupri di guerra, le azioni del gruppo ribelle M23, le infiltrazioni jihadiste e la crisi migratoria. Qualche sera fa è intervenuto nel programma Piazza Pulita su La7, intervistato da Max Andreetta. Bellocchio ha spiegato che la maggior parte dei veicoli elettrici in circolazione è alimentata dal “cobalto, elemento che permette di avere maggiore autonomia di guida, traguardo che vogliono raggiungere tutti i produttori di auto elettriche” e ha proseguito dicendo che il 60% delle riserve mondiali di questo minerale si trova in Congo. Queste miniere sono un inferno buio e angusto: i minatori, spesso anche donne e bambini, con picconi e pale scavano per decine di ore al giorno senza tregua, senza tutele e diritti, pagati massimo 5 dollari al giorno, e non è raro che si possa perdere la vita a causa dei crolli improvvisi. Abbiamo intervistato Daniele Bellocchio per scoprire le cause più profonde di questa catena produttiva dell’orrore.

Bellocchio, lei è sceso con i minatori nelle viscere oscure del cobalto. Ci può descrivere come è stata questa esperienza, sia sul piano professionale che umano?

Era il febbraio del 2022, il percorso burocratico per arrivare alla miniera è lungo e arduo, si devono ottenere una serie di permessi e anche dal punto di vista logistico non è facile; si cammina per ore sulle montagne e si attraversa una fittissima giungla. Sono stato lì sotto circa cinque ore, la claustrofobia è forte. Ma soprattutto quello che provavo era un senso di forte contraddizione interiore: la videocamera con cui riprendevo per denunciare la schiavitù dei minatori-perché di questo si tratta- aveva bisogno dei componenti per cui il popolo congolese si trova in qualche modo costretto a stare lì. Ho avuto la comprensione nitida e assoluta di come tutto il nostro sistema si regga sull’ingiustizia, un’ingiustizia ontologica. Anche se si è una persona coscienziosa che vuole dedicarsi a queste ingiustizie si è comunque parte di quel circuito di angherie e sopraffazione che si vuole far conoscere all’opinione pubblica.

C’è un forte contrasto tra la foresta, umida e lussureggiante, con tutte le sue creature e le sue insidie e i nostri dispositivi tecnologici, luminosi ma in un certo senso sterili, pieni di chip asettici. Sul territorio, chi paga quel dollaro ai minatori?

Il processo estrattivo vede due modalità: una è quella delle miniere industriali, l’altra quella delle miniere artigianali. Le prime si compongono di processi meccanici, maggiori garanzie per i lavoratori e un processo più controllato. Da esse viene il 70% del fabbisogno di cobalto. Il restante 30% deriva da quelle artigianali, che sono i siti di cui stiamo parlando. Si tratta di una percentuale enorme di cui il mercato ha necessità. Dopo che i minatori hanno estratto il cobalto lo danno ai negozianti i quali comprano o a percentuale o ad un prezzo fisso il minerale e poi lo portano ai depositi, centri di stoccaggio dove anche le miniere industriali fanno arrivare il loro cobalto. Questo significa che il cobalto industriale e quello artigianale si mescolano (per poi essere portato in Cina), e noi non possiamo sapere se nel nostro device, in ogni singolo apparecchio tecnologico, c’è cobalto derivato dal lavoro (con i suoi diversi gradi di abuso) o dalla schiavitù. Deve esserci la volontà da parte delle multinazionali di tracciare queste filiere e sceglierne la provenienza. I consumatori devono pretenderlo.

La Repubblica Democratica del Congo è il paese francofono più popoloso del mondo, ospita una delle più grandi foreste equatoriali della terra e la sua economia è basata principalmente sul settore primario, cioè agricoltura ed estrazione mineraria, che cosa altro può dirci di questo paese?

Il Congo è uno degli stati più pericolosi e letali al mondo dopo la Seconda guerra mondiale per via di quello che è stato definito “scandalo geologico”, in quanto è il paese più ricco del mondo di materie prime di cui l’Occidente sviluppato ha bisogno e che la Repubblica ha sempre fornito: schiavi, gomma, coltan per la telefonia, diamanti, e oggi il cobalto1.

Questo saccheggio senza tregua ha il prezzo del sangue della sua gente. Dagli anni ’90 ad oggi si stima che ci siano stati più di sei milioni di morti causati da conflitti ad alta e bassa intensità. Un genocidio vero e proprio. Si tratta di un paese emblematico e di una zona strategica per comprendere il continente africano, naturalmente anche per la sua collocazione fisica centralissima.

Quali religioni si praticano?

La più diffusa è la religione cristiana, e si annoverano cattolici, evangelisti, protestanti, magari sincretizzati con culti e riti di animismo locale e c’è anche una comunità minoritaria musulmana.

Sono almeno due i delitti commessi nella filiera del cobalto. Innanzitutto lo sfruttamento disumano diretto di queste persone e delle loro famiglie e inoltre la catastrofe ambientale. Si aggiunge la truffa ecologica, la beffa green a danno del consumatore della parte fortunata del globo. Lei ha spiegato che il prodotto finito che arriva da noi è sostenibile ma il processo di raccolta e lavorazione che lo conduce al mercato europeo è fatto di sversamenti tossici, inquinamento delle acque, bestiame ammalato. Insomma come sempre anche il green è spesso una questione di disuguaglianze. Non c’è equilibrio ambientale senza giustizia sociale. La domanda è: è green, ma green per chi?

Aggiungo che anche tutta la fase del trasporto del cobalto, caricato su navi cargo, spesso lavorato in Cina, è causa di pesanti danni ambientali. Il processo di lavorazione prevede poi l’utilizzo di combustibili.

Dopo la mia partecipazione a “Piazza Pulita” si è scatenata una polarizzazione tra sostenitori dell’auto elettrica e non, ma il punto non è questo. Abbiamo il dovere di gravare il meno possibile sulla natura e sugli ecosistemi ma dobbiamo farlo senza ipocrisie, e non sulla pelle di chi viene martoriato nelle miniere. Ogni popolo ha la piena facoltà di autodeterminarsi ma ancora oggi nonostante secoli di colonialismo si attribuisce all’Africa ogni suo problema con una sorta di fatalismo, come se avesse un destino segnato e non ci fossero anche responsabilità da parte dell’Europa. I vertici nazionali e soprattutto le multinazionali devono assumersi la responsabilità di queste materie che ottengono a bassissimo costo, ma al prezzo di migliaia di vite umane.

Pare che Chico Mendes abbia detto che “senza lotta di classe l'ambientalismo è semplicemente giardinaggio”.

Credo che questa massima sia davvero efficace. Altrimenti ci si riduce a decorare e abbellire il cortile delle nazioni più ricche mentre si desertifica di opportunità e si riempie di spazzatura il giardino dei vicini. Non è un sistema che può andare ancora avanti lasciandoci indenni. Le migrazioni di massa e il clima di guerra che leggiamo sui giornali e ascoltiamo in radio e tv sono la conseguenza pericolosa e spaventosa di queste dinamiche di sopraffazione.

Non possiamo parlare di sfruttamento coloniale e delle forme raffinate che ha raggiunto oggi questo fenomeno senza dire qualcosa anche sul genocidio in corso a Gaza. Innanzitutto dovrebbe esserci un cessate il fuoco. Per poi capire se la soluzione “due popoli due stati” è ancora percorribile.

Occorre un immediato cessate il fuoco per poi studiare delle soluzioni di convivenza realistiche e oneste per entrambi i popoli. Solitamente non parlo della causa palestinese: in primis perché non è mai stato un tema al quale mi sono dedicato in maniera approfondita, sul piano giornalistico. Mi occupo di altre realtà e di altri luoghi del mondo in cui si consumano pulizie etniche e massacri e credo si debba dare la giusta e dovuta attenzione a tutte le atrocità e guerre, anche a quelle impropriamente definite dimenticate. Ad esempio il conflitto in Nagorno Karabakh, l’intera Africa che è travolta da colpi di stato come in Sudan, Mali, Niger, Burkina Faso o è in mano “governi canaglia” piazzati lì per fare i nostri interessi. A Cuba c’è ancora l’embargo e l’isola rischia di implodere come Haiti per ragioni di ortodossia politica. Il sistema mediatico in un mondo così veloce come questo dovrebbe assumersi la responsabilità di voler indagare maggiormente certe realtà. In un sistema così interconnesso gli esteri non si possono considerare secondari e il reportage e l’approfondimento sono estremamente e quanto mai preziosi, e per questo vanno supportati e promossi.

1 Su questo tema il nostro interlocutore consiglia di leggere “Rosso cobalto. Come il sangue del Congo alimenta le nostre vite” di Siddhart Kara, edizioni People.  

 

Giulia Bertotto

Giulia Bertotto

Giulia Bertotto, giornalista per diverse testate online, è laureata in Filosofia a La Sapienza di Roma e ha un master in Consulenza Filosofica e Antropologia Esistenziale, ha scritto due raccolte poetiche, un saggio, e partecipato alla stesura di diversi volumi con altri autori. Svolge e stravolge interviste, recensioni di film e libri, cronache da eventi e proteste. Articoli per sopportare il mondo, versi e rime per evaderlo.

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti