Da Pechino: l'aumento dell'attività militare statunitense nel Mar Cinese Meridionale aumenta il rischio di guerra

Da Pechino: l'aumento dell'attività militare statunitense nel Mar Cinese Meridionale aumenta il rischio di guerra

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Esperti cinesi avvertono che il rischio di un conflitto militare nel Mar Cinese Meridionale è in aumento, dopo che gli Stati Uniti hanno notevolmente intensificato le proprie operazioni nell'ultimo anno.

In un rapporto "incompleto"  pubblicato venerdì scorso dalla Strategic Situation Survey Initiative (SCSPI) nel Mar Cinese Meridionale, è stato rivelato che, solo nel 2021, le squadre di sbarco anfibie e le portaerei d'attacco hanno effettuato 12 esercitazioni in quel mare, quasi il doppio di l'anno precedente, e sono state registrate anche almeno 22 sortite di bombardieri strategici e 11 transiti di sottomarini nucleari .

L'SCSPI, che tiene traccia di materiale open source sulle operazioni militari in questa regione, ha anche rivelato nel suo rapporto che gli Stati Uniti hanno effettuato 1.200 voli di ricognizione nell'ultimo anno, mentre le sue navi spia hanno effettuato frequenti operazioni nelle acque per un totale di 419 giorni di navigazione. Allo stesso modo, è stato riferito che "le operazioni mensili di ricognizione hanno raggiunto un nuovo record”, con un totale di 94 sortite con grandi aerei spia a novembre.

Esperti cinesi avvertono che il rischio di un conflitto militare nel Mar Cinese Meridionale è in aumento dopo che gli Stati Uniti hanno notevolmente intensificato le loro operazioni nell'ultimo anno.

Gli esperti indicano che almeno 95 esercitazioni militari statunitensi sono state effettuate nel Mar Cinese Meridionale, tra cui la più grande in quattro decenni, l '"Esercitazione su larga scala 21" , a cui hanno partecipato 25.000 persone operanti da tutta Europa e dall'Indo-Pacifico e a cui hanno preso parte anche Australia, Regno Unito e Giappone.

"Con una scala senza precedenti, un'ampia diffusione geografica e un'enorme varietà di armi utilizzate, l'esercitazione aveva lo scopo di dimostrare la capacità degli Stati Uniti di affrontare simultaneamente le sfide in diversi teatri operativi, con la chiara intenzione di scoraggiare Cina e Russia ", ha sottolineato Scspi.

Rischi crescenti

Hu Bo, direttore del Center for Maritime Strategy Studies dell'Università di Pechino e direttore dell'SCSPI, avverte che questo aumento delle operazioni delle forze armate. nel Mar Cinese Meridionale, rispetto al 2020, "presenta rischi sempre più elevati di attriti e conflitti tra Cina e Stati Uniti in aria e in mare".

Il rapporto conclude avvertendo che le attività militari statunitensi non solo sono aumentate notevolmente in frequenza e portata, ma sono anche diventate più preparate per il combattimento vero e proprio. Ciò sarebbe correlato alla nuova strategia di "deterrenza integrata" di Washington per rafforzare la sua presenza militare avanzata nella regione e svolgere attività specifiche per contrastare il presunto "eccesso della Cina”.

"In futuro, deterrenza e contro-deterrenza, provocazione e contro-provocazione saranno le strategie e le tattiche più importanti dell'interazione marittima USA-Cina", ha aggiunto Hu.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti