“Cuba-Venezuela, una sola bandiera”. A Caracas, manifestazione contro le ingerenze USA

“Cuba-Venezuela, una sola bandiera”. A Caracas, manifestazione contro le ingerenze USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Davanti all’ambasciata di Cuba, a Caracas, si sta svolgendo una dimostrazione di solidarietà e di ripudio ai tentativi destabilizzanti portati avanti dai “gusanos” con il sostegno dei media internazionali. “Cuba-Venezuela, una sola bandiera”, gridano i compagni e le compagne dando il loro contributo alla giornata mondiale “Giù le mani da Cuba”. Dietro la bandiera del Psuv, alcuni dirigenti del processo bolivariano – Tania Diaz, Asia Villegas, Maria Rosa Jimenez, Penelope Alsina, Rander Peña -, volti noti del movimento femminista, accompagnano l’ambasciatore di Cuba in Venezuela, Dagoberto Rodriguez Barrera, l’associazione di cubani residenti in Venezuela e il movimento di Amicizia e solidarietà mutua Venezuela-Cuba.

La deputata Tania Diaz, portavoce del Comando di Campagna Aristobulo Isturiz, ricorda quando, durante il colpo di Stato contro Chávez del 2002, il leader dell’opposizione Henrique Capriles, insieme all’attuale capo di Voluntad Popular, Leopoldo Lopez, hanno assaltato l’ambasciata cubana, incontrando la ferrea resistenza del personale all’interno. La stessa resistenza che il popolo cubano erge contro le ripetute aggressioni imperialiste, che oggi si attualizzano, cercando di applicare all’isola gli elementi della guerra ibrida scatenata in questi anni contro la rivoluzione bolivariana. Un laboratorio che, in pochi anni, ha concentrato le varie tipologie di aggressione che Cuba ha respinto nel tempo, dal 1969 a oggi.

 Insieme alla Piattaforma Continentale Latinoamericana e Caraibica, il movimento di Amicizia e Solidarietà Mutua Cuba-Venezuela, coordinato da Yhonny García Calles, ha organizzato una serie di attività, dal 12 al 17 novembre, per denunciare “la campagna scriteriata e opportunista” contro Cuba anche in questi tempi di pandemia. Un tentativo di sottomettere il popolo cubano strangolando l’economia, analogo a quello tentato contro “la nostra amata Venezuela”.

Dall’arrivo di Trump alla presidenza degli Stati Uniti – ricorda il movimento – contro Cuba sono state emesse 243 misure coercitive unilaterali, ratificate dall’attuale inquilino della Casa Bianca Joe Biden, in flagrante violazione ai diritti umani. “Quanto più il Governo di Cuba avanza nel campo della salute e della scienza – dice il comunicato del movimento – tanto più deve scontrarsi con la disinformazione e l’attacco straniero”.

Intanto, i tifosi di Miami, riuniti nel cosiddetto Movimento Arcipelago, per contrastare l’apertura al turismo internazionale, decisa per il 15 dal governo cubano, e il ritorno in classe di alunni e studenti, hanno deciso di prolungare le proteste, prorogando la «Giornata civica per il cambiamento» fino al 27 novembre. Una sceneggiata che il popolo cubano diserta e contrasta con marce allegre e con occhio vigile, ma che è allestita a uso e consumo del palcoscenico internazionale.

Molti sono gli elementi di analogia con le violenze destabilizzanti che, a diverse riprese, hanno cercato di innescare in Venezuela il modello delle “rivoluzioni colorate” e di “balcanizzare” il paese: dalle forme di protesta – la battitura di casseruole, i falsi scoop, l’uso distorto dei social network – alla battaglia simbolica. Un elemento che connota questa nuova fase di provocazioni, tesa a costruire all’estero – partendo dalla Spagna e dal sostegno del Parlamento Europeo, dov’è forte la presenza delle lobby anticastriste e antichaviste – di una finta rappresentanza, sul modello dell’autoproclamato Juan Guaidó in Venezuela.

Per questo, occorre dare una vernice “socialdemocratica” alle proteste, persino impadronendosi di simboli fondanti il socialismo e la rivoluzione cubana, e distorcerli, dando la stura alla solita retorica su “libertà e diritti umani” contro “la dittatura”. Come se i partiti della ex socialdemocrazia, in Europa, non avessero da tempo aderito ai programmi del grande capitale internazionale, abbandonando non solo una prospettiva socialista, ma anche quella di riforme capaci di garantire i diritti basici.

E così, ecco l’Arcipelago passare dalle “manitas blancas” alla rosa bianca in mano, alludendo al celebre poema di José Marti, padre dell’indipendenza cubana, “Cultivo una rosa blanca”, scritto a New York nel 1891. Una subdola operazione, particolarmente indignante per l’America Latina che ricorda, quest’anno, il sogno della Patria Grande di Simon Bolivar e non certo il ritorno al colonialismo e alle tutele nordamericane.  Una farsa che serve a nascondere chi siano i veri sponsor dei “gusanos”, il cui movimento più che un “arcipelago” evoca lo spettro di Guantanamo, l’isola rubata ai cubani e trasformata in un lager imperialista.

E, infatti, il condor sta cercando di planare sull’isola, impiantando i propri artigli in quella parte dell’America Latina che ancora continua a guardare a Washington e cerca di stroncare la nuova onda progressista che attraversa il continente, e di cui Cuba e Venezuela restano il cuore pulsante. Il nuovo progetto destabilizzante parte dall’Europa e dalla Spagna e ha come motore il partito di estrema destra Vox, che ha già messo radici in vari paesi dell’America Latina.

Ad appoggiare le proteste contro il governo cubano avrebbero voluto andare, infatti, anche due eurodeputati, l'italiano Carlo Fidanza di Fratelli d’Italia e Hermann Tertsch Del Valle-Lersundi di Vox, entrambi nel Gruppo dei Conservatori e dei Riformisti Europei. “Rosa è la figlia di Oswaldo Paya, leader dell'opposizione anti-comunista cubana, morto in circostanze misteriose nel 2012 – ha scritto Fidanza sul suo Fb - ha raccolto quel testimone e si batte per la libertà del suo popolo con una fede incrollabile. Oggi io e il collega Hermann Tertsch Del Valle-Lersundi avremmo dovuto volare con lei a L 'Avana per seguire le manifestazioni di protesta contro il regime, che però ‘democraticamente’ ci ha vietato l'accesso all'isola”.

I falchi del Pentagono, e gli avvoltoi che li assecondano, sono sempre in agguato anche in Venezuela, pronti a sabotare e “disconoscere” le mega-elezioni del 21 novembre. Un primo siluro lo hanno già lanciato con il sequestro e l’estradizione arbitraria del diplomatico Alex Saab, che ha portato all’interruzione del dialogo in Messico tra il governo bolivariano e l’opposizione. Ieri, davanti all’ambasciata cubana, c’era anche il comitato Free Alex Saab. Il sindacato dei “motorizados” ha accompagnato l’arrivo di Camilla Fabi, moglie di Saab, e gli interventi del giornalista Pedro Carvajalino e dell’analista internazionale Laila Tajeldine.

Geraldina Colotti

Geraldina Colotti

Giornalista e scrittrice, cura la versione italiana del mensile di politica internazionale Le Monde diplomatique. Esperta di America Latina, scrive per diversi quotidiani e riviste internazionali. È corrispondente per l’Europa di Resumen Latinoamericano e del Cuatro F, la rivista del Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV). Fa parte della segreteria internazionale del Consejo Nacional y Internacional de la comunicación Popular (CONAICOP), delle Brigate Internazionali della Comunicazione Solidale (BRICS-PSUV), della Rete Europea di Solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana e della Rete degli Intellettuali in difesa dell’Umanità.

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli