Cubadebate - La Rivoluzione e noi

Cubadebate - La Rivoluzione e noi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Arleen Rodríguez Derivet - Cubadebate

La Rivoluzione compie 65 anni e io con lei, anche se con una differenza a suo favore: mentre invecchio inesorabilmente per legge della vita, proprio nell'anno ideale per andare in pensione, lei potrebbe essere in fase di rinnovamento. Così sia.

Abbiamo sempre avuto un bel rapporto, la Rivoluzione ed io. Forse perché siamo nati nello stesso anno, o forse perché le devo più della metà di ciò che sono, cerco di capirla e spiegarla a coloro che un giorno l'hanno amata con la stessa passione e ora la rinnegano, "perché li ha ripagati male".

Non accetto questa frase. Suona egoista, oltre che irrazionale e assurda. La Rivoluzione non è altro che noi stessi. La facciamo meglio o peggio ognuno di noi e tutti contemporaneamente. I suoi errori sono i nostri errori, così come i suoi successi ci appartengono. Parlo, ovviamente, di coloro che credono in essa e la difendono a oltranza, a volte senza altri argomenti che questa fede.

Non includo in questo "noi" coloro che non l'hanno mai voluta e si sforzano di distruggerla, ma non hanno potuto e non potranno mai farlo, come disse Fidel nel suo discorso all'università nel Giorno dello Studente del 2005, affermando che solo i rivoluzionari potrebbero uccidere la Rivoluzione.

Comprendere la sua avvertenza non è così semplice, anche se lo sembra. A mio parere, si tratta di smettere di considerare i problemi della Rivoluzione come questioni altrui, in nome della nostra condizione di rivoluzionari, abusiamo del dovere (e spesso del piacere) di criticare prendendo le distanze.

"La colpa, la dannata colpa", di solito ha un nome e cognome e, ovviamente, circostanze che la alleviano o la aggravano. Quello terribile è concentrarsi nel giudicare e chiedere punizione per colpevoli senza nomi o cognomi, quando l'urgenza è rettificare, creare, progredire.

Il problema è quella critica astratta che fa sentire tutti un po' colpevoli, ma che paralizza anche per paura di un altro errore. Abbiamo maltrattato un po' tutti la Rivoluzione permettendo e non permettendo ciò che avremmo potuto fare.

In "La Edad de Oro" ci sono due idee che Martí scrisse per i bambini. Martí afferma che "le cose buone dovrebbero essere fatte senza chiamare l'universo affinché qualcuno ci veda passare. Si è buoni perché sì, e perché dentro di sé si sente un piacere quando si è fatta una cosa buona o si è detto qualcosa di utile agli altri. Questo è meglio che essere principi: essere utili".

E dice anche: "I bambini dovrebbero piangere quando passa un giorno senza imparare qualcosa di nuovo, senza servire a nulla". Anche gli adulti, e i rivoluzionari, doppiamente.

Questo lunedì inizia un altro anno di sfide per la Rivoluzione, anche se, ripetendola così spesso, abbiamo svuotato di significato la parola "sfida". Tornerà la prova a muoversi tra l'errore e l'acume e torneranno coloro che godono nel sentirsi dire "lo sapevo" o "l'avevo detto". Ma rettificare non è vietato. Fa parte della sfida.

Quando rivedo le notizie del giorno, penso alla fortuna della Rivoluzione cubana, che è padrona dell'incertezza, ma anche della ricetta che applica, in un clima di pace che altrove nel mondo si desidera.

Mi dispiace quindi il giudizio irrazionale contro tutto ciò che viene deciso o spiegato. Come se si ignorassero gli ostacoli e le insidie che lo Stato (che non è la Rivoluzione, ma la rappresenta) deve superare per scegliere la strada.

In questo momento mi chiedono di scrivere sui 65 anni della Rivoluzione e penso che presto avrò la stessa età. In quel istante, la Rivoluzione si materializza, mi fa male ciò che le fa male e mi entusiasma ciò che la rigenera.

Anche se entriamo in un anno in cui forse io andrò in pensione e lei potrebbe essere in fase di rinascita. Dipenderà da ognuno di noi e da tutti che il parto sia un successo. Lei non è qualcosa che accade al di fuori di ciò che facciamo; lei è ciò che siamo e ciò che facciamo. Brindo per me nell'ora del suo necessario rinascimento.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti