Cuba denuncia i danni climatici causati dalla NATO

Cuba denuncia i danni climatici causati dalla NATO

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

"Il cambiamento climatico sta rendendo il nostro mondo più pericoloso", ha dichiarato il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg in occasione di una tavola rotonda su Clima, Pace e Stabilità alla COP26 del 2021. "Quindi, il cambiamento climatico è importante per la NATO perché è importante per la nostra sicurezza, e la NATO sta affrontando queste sfide". Dopo la COP26, la NATO ha concordato l'agenda NATO 2030, che pone il cambiamento climatico accanto a minacce come il terrorismo e gli attacchi informatici e cerca di posizionare la NATO come leader globale nell'azione per il clima.

C’è però chi invece denuncia come la NATO contribuisca fortemente all’inquinamento globale, anche se nelle dichiarazioni ufficiali il bocco militare occidentale afferma di agire in favore dell’ambiente. 

Il ministro degli Esteri di Cuba, Bruno Rodríguez, ha avvertito che mentre gli Stati membri dell'Organizzazione del Nord Atlantico (NATO) stanno aumentando i loro contratti per l'acquisto di armi più letali e costose, al contempo limitano i loro impegni in termini di finanziamenti per il clima e l'ambiente.

Attraverso il suo account su X, il ministro degli Esteri della nazione caraibica ha riflettuto sul fatto che l'industria degli armamenti è l'unico grande beneficiario dell'elevata spesa militare della NATO.

Recentemente, il capo della diplomazia dell'isola ha dichiarato sullo stesso social network che l'impronta di carbonio militare dell'organizzazione transatlantica è aumentata da 196 milioni di tonnellate metriche di anidride carbonica (C02) nel 2021 a 226 milioni nel 2023.

Questi numeri superano le emissioni di gas serra dell'80% dei Paesi del mondo, ha evidenziato.

La NATO raggiungerà un altro livello record di spesa militare nel 2024, sei volte superiore a quello del 2014, ha annunciato a febbraio il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, nonostante l'allarme internazionale per l'aumento degli armamenti.

Stoltenberg ha dichiarato che l'aumento è in risposta alle proiezioni di 18 Stati membri di spendere il 2% del loro prodotto interno lordo per la difesa.

Dal 2014, i membri del blocco militare hanno aumentato i loro bilanci militari di 600 miliardi di dollari, e lo scorso anno si è registrato un aumento senza precedenti dell'11% negli alleati europei e in Canada.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti