"Costruire un futuro condiviso": la Cina presenta il Libro bianco per un mondo più giusto

"Costruire un futuro condiviso": la Cina presenta il Libro bianco per un mondo più giusto

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il governo cinese ha pubblicato un libro bianco per presentare la base teorica, la pratica e lo sviluppo di una comunità globale con futuro condiviso, poiché presentando la visione della Cina sul percorso dello sviluppo umano, contrasta il pensiero egemonico di certi paesi (occidentali) che cercano la supremazia e vorrebbero mantenere la loro ormai superata egemonia a livello mondiale.

Il libro bianco, intitolato "Una Comunità Globale dal Futuro Condiviso: Proposte e Azioni della Cina", ha introdotto il contesto in cui la Cina ha sollevato il concetto di una comunità globale di futuro condiviso, poiché il mondo sta vivendo cambiamenti su una scala mai vista in un secolo con vari problemi che pongono sfide senza precedenti per la società umana. Il gioco a somma zero è destinato al fallimento, afferma il libro bianco. Tuttavia, alcuni paesi si aggrappano ancora a questa mentalità, perseguendo ciecamente la sicurezza assoluta e i vantaggi monopolistici, il che non farà nulla per il loro sviluppo a lungo termine ma creerà una minaccia importante per il mondo.

È sempre più evidente che l'ossessione per la forza superiore e la mentalità a somma zero sono in conflitto con le esigenze dei nostri tempi, afferma il libro bianco, sottolineando che la nuova era richiede nuove idee e il contributo di tutti i paesi del mondo, in particolare del cosiddetto Sud Globale.

Costruire una comunità globale dal futuro condiviso significa perseguire l'apertura, l'inclusione, il mutuo beneficio, l'equità e la giustizia, afferma il libro bianco. L'obiettivo non è sostituire un sistema o una civiltà con un altro. Invece, si tratta di paesi con diversi sistemi sociali, ideologie, storie, diritti condivisi e responsabilità condivise negli affari globali.

La visione di una comunità globale dal futuro condiviso si pone dalla parte giusta della storia e dal lato del progresso umano. Introduce un nuovo approccio alle relazioni internazionali, fornisce nuove idee per la governance globale, apre nuove prospettive per gli scambi internazionali e traccia una nuova visione per un mondo migliore, secondo il libro bianco.

Una visione così importante supera le ormai antiquate mentalità come il gioco a somma zero, la politica del potere e le politiche di confronto della Guerra Fredda. È diventata l'obiettivo generale della diplomazia della Cina come grande paese nell'era nuova, e un grande stendardo che guida la tendenza dei tempi e la direzione del progresso umano.

Il concetto di una comunità globale con futuro condiviso ha radici profonde nella ricca eredità culturale della Cina e nella sua esperienza unica di modernizzazione. Porta avanti le tradizioni diplomatiche della Cina e attinge ai notevoli successi di tutte le altre civiltà, afferma il libro bianco. Manifesta anche le tradizioni storiche della Cina, le caratteristiche distintive dei tempi e una ricchezza di valori umanistici.

Il libro bianco evidenzia inoltre la direzione e il piano per costruire una comunità globale di futuro condiviso, compreso il progresso di un nuovo tipo di globalizzazione economica in cui i paesi devono perseguire una politica di apertura ed esplicitamente opporsi al protezionismo, alla costruzione di recinzioni e barriere, alle sanzioni unilaterali e alle tattiche di massima pressione, al fine di collegare le economie e costruire congiuntamente un'economia mondiale aperta.

Alcuni paesi cercano di staccarsi dalla Cina, chiudendosi in "cortili piccoli e alte recinzioni", il che alla fine avrà solo un effetto contrario, afferma il libro bianco. Inoltre, alcune persone enfatizzano eccessivamente la necessità di "ridurre la dipendenza" e "ridurre i rischi", creando essenzialmente nuovi rischi.

La direzione e il piano includono anche il perseguimento di un piano di sviluppo pacifico, la promozione di un nuovo tipo di relazioni internazionali, la pratica di un vero multilateralismo e la promozione dei valori comuni dell'umanità.

Nell'ultimo decennio, la Cina ha contribuito con forza alla costruzione di una comunità globale di futuro condiviso con ferma convinzione e azioni solide.

Ad esempio, entro luglio 2023, più di tre quarti dei paesi del mondo e oltre 30 organizzazioni internazionali avevano firmato accordi di cooperazione sulla Belt and Road con la Cina. La BRI ha avuto origine in Cina, ma le opportunità e i risultati che crea appartengono al mondo intero. È un'iniziativa di cooperazione economica, non di alleanze geopolitiche o militari, ed è un processo aperto e inclusivo che non mira né esclude alcuna parte, afferma il libro bianco.

Tra questi progetti della BRI, ad esempio, la Ferrovia Cina-Laos è entrata in funzione il 3 dicembre 2021, con 167 tunnel e 301 ponti costruiti in 11 anni lungo una lunghezza totale di 1.035 chilometri. La costruzione della ferrovia ha creato più di 110.000 posti di lavoro locali e ha contribuito a costruire circa 2.000 chilometri di strade e canali per i villaggi lungo la ferrovia, beneficiando la popolazione locale.

Oltre alla BRI, le Iniziative per lo Sviluppo Globale, la Sicurezza Globale e la Civiltà Globale si sono trasformate in un pilastro cruciale per la costruzione di una comunità globale di futuro condiviso, offrendo soluzioni cinesi alle principali sfide legate alla pace e allo sviluppo dell'umanità.

Affrontando costanti focolai di tensioni, la Cina si è impegnata a svolgere il suo ruolo di grande paese responsabile, spingendo per la risoluzione dei punti critici internazionali e regionali, come la Penisola Coreana, la Palestina, la questione nucleare iraniana, la Siria e l'Afghanistan, afferma il libro bianco.

Sulla questione dell'Ucraina, la Cina ha promosso attivamente colloqui per la pace, presentato quattro punti, quattro cose che la comunità internazionale dovrebbe fare insieme e tre osservazioni, e ha reso nota la posizione della Cina sulla soluzione politica della crisi ucraina e ha inviato il rappresentante speciale del governo cinese per gli affari eurasiatici a interagire e scambiare opinioni in modo esteso con le parti interessate sulla soluzione politica della crisi ucraina.

Inoltre, attraverso la mediazione della Cina, l'Arabia Saudita e l'Iran hanno raggiunto una storica riconciliazione all'inizio di quest'anno, dando un buon esempio per i paesi della regione nella risoluzione di dispute e divergenze e nel conseguimento di relazioni di buon vicinato attraverso il dialogo e la consultazione, catalizzando una ondata di riconciliazione in Medio Oriente.

La Cina ha anche proposto una serie di iniziative regionali e bilaterali sulla costruzione di comunità con futuro condiviso e sta lavorando con le parti interessate per raggiungere un consenso ed espandere la cooperazione, contribuendo così in modo costruttivo alla promozione della pace e dello sviluppo regionali. Promuove inoltre la cooperazione internazionale in svariati campi.

Nell'ultimo decennio, la visione di una comunità globale con futuro condiviso ha ottenuto un sostegno sempre più ampio. Sempre più paesi e persone hanno compreso che questa visione serve gli interessi comuni dell'umanità, rappresenta appelli popolari per la pace, la giustizia e il progresso e può creare la massima sinergia tra tutte le nazioni per costruire un mondo migliore, afferma il libro bianco.

Idee nuove per il mondo multipolare

Il contributo della Cina allo sviluppo di una comunità globale con futuro condiviso si intreccia e sviluppa con l’emergere del nuovo mondo multipolare. che richiede nuove idee.

“Questa è un'epoca - si legge nel libro bianco - in cui il mondo sta subendo rapidi cambiamenti quasi ogni giorno. Non possiamo più interpretare la realtà in cui viviamo o trovare soluzioni soddisfacenti agli enigmi che stiamo affrontando attraverso gli approcci tradizionali alle relazioni internazionali. È sempre più evidente che l'idea che "tutti i Paesi forti cercheranno l'egemonia", l'ossessione per la forza superiore e la mentalità a somma zero sono in conflitto con le esigenze del nostro tempo. L'umanità ha un grande bisogno di nuove idee che generino sviluppi positivi e si conformino a tendenze storiche positive.

Non esiste una legge ferrea che imponga che una potenza in ascesa cerchi inevitabilmente l'egemonia. Questo assunto rappresenta il tipico pensiero egemonico e si basa sul ricordo delle catastrofiche guerre tra potenze egemoniche del passato. La Cina non ha mai accettato che un Paese, una volta divenuto abbastanza forte, cerchi invariabilmente l'egemonia. La Cina comprende la lezione della storia: l'egemonia prelude al declino. Perseguiamo lo sviluppo e la rivitalizzazione attraverso i nostri sforzi, piuttosto che con l'invasione o l'espansione. E tutto ciò che facciamo ha lo scopo di garantire una vita migliore al nostro popolo, creando al contempo maggiori opportunità di sviluppo per il mondo intero, e non per soppiantare o sottomettere gli altri.

Il forte che preda il debole non è un modo per far coesistere gli esseri umani. Se la legge della giungla viene imposta alla società umana e prevale l'idea che "il potere rende giusto", il principio dell'uguaglianza sovrana sarà fondamentalmente minato e la pace e la stabilità mondiale saranno gravemente minacciate. Nell'era della globalizzazione, tutti i Paesi sono interdipendenti e interconnessi. Pertanto, la legge della giungla e la mentalità del "chi vince prende tutto" non porteranno da nessuna parte: lo sviluppo inclusivo a beneficio di tutti è la strada giusta da percorrere. La Cina ha sempre sostenuto l'equità e la giustizia e rimane impegnata in una cooperazione amichevole con gli altri Paesi, sulla base dei Cinque Principi della Coesistenza Pacifica, al fine di far progredire la democrazia nelle relazioni internazionali.

Il gioco a somma zero in cui si vince facendo perdere gli altri è destinato a fallire. Tuttavia, alcuni Paesi si aggrappano ancora a questa mentalità, perseguendo ciecamente la sicurezza assoluta e i vantaggi monopolistici. Ciò non gioverà al loro sviluppo nel lungo periodo, ma creerà semplicemente una grave minaccia alla pace e alla prosperità mondiale. Nessun Paese dovrebbe sperare che gli altri falliscano. Dovrebbe invece collaborare con gli altri Paesi per il successo di tutti. La Cina allinea costantemente il proprio sviluppo con quello globale e gli interessi del popolo cinese con quelli comuni di tutti i popoli del mondo. Quando il mondo prospera, la Cina prospera e viceversa”.

Quindi secondo la visione di Pechino “la pratica isolazionista ed esclusiva del confronto basato sulle alleanze è in contrasto con la tendenza al multipolarismo e con l'evoluzione delle relazioni internazionali nell'era post-Guerra Fredda. Soprattutto con l'ascesa di un gran numero di Paesi emergenti e in via di sviluppo, l'attuale ordine internazionale è sempre meno al passo con i tempi che cambiano. ‘Di che tipo di mondo abbiamo bisogno e come costruirlo’ è diventata una questione vitale, con il futuro dell'umanità in gioco.

La risposta della Cina a questa domanda dei tempi è la costruzione di una comunità globale dal futuro condiviso. Ciò significa che, con i loro destini strettamente interconnessi, tutte le nazioni e i Paesi dovrebbero restare uniti, condividere il bene e il male, vivere insieme in armonia e impegnarsi in una cooperazione reciprocamente vantaggiosa. L'idea si basa su un disegno ragionevole per le relazioni tra Stati. Riflette il consenso generale e le aspettative comuni della comunità internazionale e dimostra il senso del dovere della Cina come grande Paese responsabile.

In questo villaggio globale, tutti gli esseri umani sono una grande famiglia. Con i loro interessi intrecciati e i loro futuri intrecciati, i Paesi si stanno trasformando in una comunità dal futuro condiviso. Questa visione si eleva al di sopra delle regole esclusive della politica dei blocchi, della nozione di "might makes right" e dei "valori universali" definiti da una manciata di Paesi occidentali. È conforme alla tendenza dei tempi, fa eco alla richiesta di cooperazione globale e contribuisce a un ordine internazionale più giusto ed equo”.

Ragion per cui “un nuovo tipo di relazioni internazionali dovrebbe essere costruito sui principi del rispetto reciproco, dell'equità e della giustizia e della cooperazione reciprocamente vantaggiosa”.

Relazioni che vanno sviluppate sulla base della cooperazione win-win: “La cooperazione reciprocamente vantaggiosa significa che i Paesi devono rifiutare la massimizzazione dell'interesse personale, affrontare le legittime preoccupazioni degli altri Paesi pur perseguendo i propri interessi e promuovere lo sviluppo comune di tutti i Paesi accanto al proprio”.

Visione audace e cooperativa per le future relazioni internazionali

In conclusione, il libro bianco del governo cinese, intitolato "Una Comunità Globale dal Futuro Condiviso: Proposte e Azioni della Cina", offre una visione audace e cooperativa per il futuro delle relazioni internazionali e dello sviluppo globale. I punti chiave di questa importante pubblicazione possono essere riassunti nei seguenti concetti fondamentali:

- Una Visione di Futuro Condiviso: La Cina promuove una visione basata sull'apertura, l'inclusione, il mutuo beneficio, l'equità e la giustizia come fondamenta per le relazioni internazionali. Questa visione mira a superare la mentalità del gioco a somma zero e il desiderio di supremazia da parte di alcune nazioni occidentali.

- Radici Culturali e Storiche: La visione cinese è radicata nella ricca eredità culturale e nella storia della Cina, ma è aperta a contributi da tutte le civiltà. Questo approccio riflette l'importanza di rispettare le tradizioni culturali mentre si abbracciano nuove idee per affrontare le sfide globali.

- Cooperazione Win-Win: La cooperazione reciprocamente vantaggiosa è al centro di questa visione. La Cina sottolinea che perseguire il proprio interesse non dovrebbe avvenire a spese degli altri, ma dovrebbe contribuire allo sviluppo comune di tutte le nazioni.

- Un Nuovo Tipo di Relazioni Internazionali: La Cina propone la costruzione di relazioni internazionali basate sul rispetto reciproco, sull'equità e sulla giustizia. Queste relazioni dovrebbero superare la mentalità di confronto e competizione per favorire la cooperazione e lo sviluppo condiviso.

- Responsabilità Globale: La Cina si impegna a svolgere un ruolo responsabile nella risoluzione delle crisi internazionali e nella promozione della pace e dello sviluppo. Ciò include il suo coinvolgimento in questioni come il conflitto in Ucraina, la riconciliazione in Medio Oriente e la cooperazione globale su questioni al centro dell’agenda internazionale.

In sintesi, il libro bianco riflette la volontà della Cina di contribuire a un ordine internazionale più equo e giusto, basato su principi di cooperazione e comprensione reciproca. Questa visione sfida le concezioni tradizionali di potere e supremazia, ponendo l'accento sulla coesistenza pacifica e sulla prosperità condivisa di tutte le nazioni. La Cina si propone come un attore globale responsabile, impegnato a promuovere la pace e lo sviluppo per il bene comune dell'umanità.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti