Cosa cambia in Libano dopo le elezioni

Cosa cambia in Libano dopo le elezioni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le prime elezioni in Libano dopo le tensioni vissute con la crisi finanziaria e l’esplosione al porto di Beirut hanno dato un responso che potrebbe essere scontato, ma nei fatti non lo è.

La crisi economica e l’esplosione al porto di Beirut erano state l’occasione per risvegliare gli appetiti coloniali dell’occidente, in particolare della Francia. Le campagne contro le forze della Resistenza, in particolare contro Hezbollah, dai dati ufficiali pubblicati poche ore fa non sembrano avere rispettato il proposito dell’Occidente. C’è stato un calo, ma sostanzialmente hanno tenuto.

La novità assoluta è l’ingresso nel parlamento libanese di candidati cosiddetti indipendenti.

Dai dati del ministero dell'Interno libanese, al momento, né il blocco "Lealtà alla Resistenza" né i partiti sostenuti dall'Occidente hanno ottenuto voti sufficienti per formare un governo di maggioranza.

 

Nel risultato finale emerge la novità dei 13 candidati indipendenti e 15 candidati in rappresentanza di gruppi della società civile eletti al parlamento, ribaltando il tradizionale equilibrio di potere nella nazione levantina.

Il movimento di resistenza libanese Hezbollah ha ottenuto 16 seggi, mentre i suoi alleati nel Movimento Amal e nel Movimento Patriottico Libero (FPM) hanno ottenuto rispettivamente 17 e 18 seggi.

Compresi altri partiti alleati, il blocco di resistenza ha acquisito un totale di 58 seggi, non raggiungendo i 65 necessari per formare un governo di maggioranza.

Il partito delle ‘Forze Libanesi’(LF) sostenuto da Stati Uniti e Arabia Saudita ha ottenuto 19 seggi parlamentari, quattro in più rispetto alle elezioni del 2018. 

Il partito delle LF ha basato la sua campagna elettorale sul disarmo di Hezbollah, sostenendo che molti dei problemi che affliggono la nazione colpita dalla crisi sono il risultato della forza del movimento di resistenza.

Prima del voto del 15 maggio, i media israeliani avevano apertamente sostenuto la vittoria della LF e del suo leader, Samir Geagea.

Altri partiti sostenuti dall'Occidente come il Partito socialista progressista (PSP) e Kataeb hanno ottenuto rispettivamente nove e cinque seggi in parlamento.

Le votazioni sono state anche le prime dopo decenni a svolgersi senza il più grande partito sunnita del paese, il Movimento Futuro. Il suo leader, l'ex primo ministro Saad Hariri, si è dimesso dalla politica all'inizio di quest'anno.

Alcuni dei suoi sostenitori hanno appoggiato il boicottaggio, mentre alcuni dei suoi alleati hanno lasciato il partito per partecipare alle elezioni, ottenendo un totale di sei seggi.

In totale, i partiti che godono del sostegno di Washington e Riyadh hanno ottenuto un totale di 41 seggi in parlamento.

Sotto il complesso sistema di voto confessionale del Libano, i 128 seggi del parlamento sono divisi in due gruppi: 64 musulmani e 64 cristiani. Le posizioni di primo ministro, presidente e presidente del parlamento devono essere ricoperte rispettivamente da membri delle comunità sunnite, cristiane e sciite.

Senza una chiara alleanza di maggioranza in parlamento, gli esperti stanno esaminando le prossime mosse dei parlamentari indipendenti e di quelli che rappresentano i gruppi della società civile.

In particolare, gli indipendenti hanno condotto una campagna sulla scia delle proteste antigovernative del 2019, che hanno visto ampie porzioni della società libanese insorgere contro la corruzione dilagante e la cattiva gestione.

Dodici di questi legislatori non avevano mai fatto politica precedentemente e molti di loro hanno estromesso dai loro distretti elettorali i parlamentari di lunga data dell'establishment.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti