Corridoio Nord-Sud. Putin e Raisi firmano un accordo per la ferrovia Rasht-Astara: "Potrà competere con il Canale di Suez"

Corridoio Nord-Sud. Putin e Raisi firmano un accordo per la ferrovia Rasht-Astara: "Potrà competere con il Canale di Suez"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oggi, mercoledì 17 maggio, il presidente iraniano Ebrahim Raisi e il suo omologo russo Vladimir Putin hanno firmato un accordo tramite collegamento video per finalizzare la costruzione della ferrovia Rasht-Astara, potenziamento necessario del corridoio internazionale di trasporto nord-sud (INSTC) che collega l'Asia meridionale e il nord Europa.

“Questa ferrovia attirerà investimenti e stimolerà le esportazioni. Credo fermamente che il corridoio nord-sud dovrebbe essere costruito alla massima velocità", secondo Putin, aggiungendo che la ferrovia Rasht-Astara "diventerà parte, contribuirà a diversificare in modo significativo i flussi di traffico globali".

Il presidente russo ha anche ricordato che la ferrovia di 162 km lungo la costa del Mar Caspio aiuterà a collegare i porti russi sul Mar Baltico con i porti iraniani nell'Oceano Indiano e nel Golfo. "Senza dubbio, questo accordo è un passo importante e strategico nella direzione della cooperazione tra Teheran e Mosca", ha affermato il presidente iraniano.

"La rotta Nord-Sud sarà utile per tutti i Paesi della regione e costituirà una manifestazione di amicizia, convergenza e cooperazione commerciale per l'Asia orientale fino alla regione del Caucaso e al Nord Europa", ha aggiunto Raisi.

L'accordo è stato firmato di persona dal ministro iraniano per le strade e lo sviluppo urbano Mehrdad Bazrpash e dal ministro dei trasporti russo Vitaly Savelyev. Funzionari russi hanno spiegato che la ferrovia Rasht-Astara potrebbe competere con il Canale di Suez come principale rotta commerciale globale.

Il vice primo ministro russo Alexander Novak, che ieri si è recato nella capitale iraniana, ha affermato che una volta implementato il progetto, “avremo un percorso di passaggio per la possibilità di consegnare prodotti in Europa, sia di importazione che di consegna in Russia o nel Golfo Persico.”

“In effetti, si tratta di un cambiamento globale nei percorsi di trasporto e logistica. Questo è solo l'inizio. Abbiamo concordato che il nostro fatturato del trasporto merci ferroviario ammonterà a 15 milioni di tonnellate all'anno. E questo vale solo per le merci in transito. In futuro, espanderemo le capacità corrispondenti", ha precisato Novak.

Novak ha incontrato il ministro del petrolio iraniano Javad Owji e ha anche visitato diverse società di attrezzature per petrolio e gas e ha discusso le prospettive di cooperazione bilaterale nei settori del carburante, dell'energia e dei trasporti, si legge in una nota del Cremlino.

“L'industria del petrolio e del gas è una spina dorsale per le economie dei nostri paesi. Rafforzare la cooperazione bilaterale in questo settore aumenterà senza dubbio la sostenibilità economica di Russia e Iran", ha detto Novak ai giornalisti.

Le due parti hanno anche discusso della cooperazione nel campo dell'energia elettrica e nucleare, nonché delle fonti energetiche rinnovabili.

La Russia e l'Iran hanno notevolmente rafforzato la cooperazione dall'inizio della guerra in Ucraina. Le due nazioni hanno anche rafforzato i legami con varie nazioni del Sud del mondo che stanno cercando di allontanarsi dal sistema economico occidentale egemonico.

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti