Correa sull'ipocrisia USA: "Se Assange avesse denunciato Cina e Russia, avrebbe un monumento a Washington"

Correa sull'ipocrisia USA: "Se Assange avesse denunciato Cina e Russia, avrebbe un monumento a Washington"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In seguito alla recente liberazione di Julian Assange, il fondatore di WikiLeaks, l'ex presidente dell'Ecuador, Rafael Correa, ha espresso ai microfoni di RT il suo sollievo e la sua gioia, evidenziando l'ingiustizia subita dal giornalista australiano. "Credo che con la liberazione di Julian, il mondo è un po' meno ingiusto", ha dichiarato Correa.

L'ex presidente ha rimarcato come Assange sia stato vittima di una persecuzione per aver rivelato la verità. "Realmente questo è stato una follia. Gli hanno rubato 12 anni di vita per dire la verità", ha affermato Correa, sottolineando come i veri criminali di guerra siano rimasti impuniti mentre chi ha denunciato tali crimini è stato perseguitato. "I veri criminali di guerra sono rimasti impuniti. Colui che denuncia i crimini di guerra è stato perseguitato".

Correa ha ulteriormente sottolineato l'ingiustizia della detenzione di Assange, affermando che non avrebbe mai dovuto perdere la sua libertà. "Oggi siamo contenti perché è stato liberato, ma non avrebbe mai dovuto perdere la sua libertà. Al contrario, avrebbe dovuto essere riconosciuto per il suo coraggio e la sua capacità giornalistica di dire la verità", ha dichiarato.

Critiche al governo di Lenín Moreno

Rafael Correa non ha risparmiato critiche al governo di Lenín Moreno per il suo ruolo nel caso Assange. Ha definito le azioni del governo di Moreno "una vergogna mondiale che passerà alla storia". Secondo Correa, Moreno ha agito non solo contro l'istituzione secolare dell'asilo, ma anche contro la Costituzione ecuadoriana. "È il primo governo nella storia a dare permesso affinché una forza pubblica straniera entri nella sua ambasciata, in questo caso per arrestare un asilato politico", ha affermato Correa.

La doppia morale degli Stati Uniti e dei media

Correa ha anche criticato la doppia morale del sistema giudiziario statunitense e dei media occidentali. "Se i crimini denunciati da Julian Assange fossero stati crimini della Russia o della Cina, avrebbe già un monumento nel pieno centro di Washington. Ma erano crimini degli Stati Uniti, e questo è ciò che lo ha fatto seppellire vivo", ha dichiarato l'ex presidente ecuadoriano.

Ha anche evidenziato la codardia di certi giornalisti e media nel sostenere Assange. "Dov'era il giornalismo? Dove erano i media a difendere la libertà di espressione, a difendere la verità? Lo hanno lasciato solo. Negli ultimi tempi, alcuni sono tornati, ma credo che fosse già troppo tardi", ha detto Correa.

Julian Assange ha lasciato la prigione di massima sicurezza di Belmarsh dopo aver trascorso in reclusione 1.901 giorni. Il Tribunale Superiore di Londra ha concesso la libertà su cauzione al giornalista, che ha poi lasciato il Regno Unito. La sua detenzione a Belmarsh era iniziata nel 2019, dopo che il presidente ecuadoriano Lenín Moreno aveva permesso il suo arresto nell'ambasciata ecuadoriana a Londra, dove Assange era rimasto in asilo dal giugno 2012.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti