Coronavirus, l'imbarazzante minuto di Renzi alla CNN

Coronavirus, l'imbarazzante minuto di Renzi alla CNN

Coronavirus, dopo Salvini a El Pais è la volta di Renzi insultare l'Italia all'estero

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Francesco Erspamer


Imbarazzante. Vergognoso. Un narcisista a livelli patologici, del tutto incapace di capire che esistono momenti in cui ci sono cose più importanti della sua soddisfazione di sentirsi al centro dell'attenzione, in cui ostentare incompetenza e improvvisazione è offensivo, in cui attaccare il proprio paese è tradimento.

Capisco bene che CNN lo abbia invitato; con la sua banalità e supponenza, il suo balbettio travestito da empatia da cabaret, il suo inglese patetico che solamente rivela l'arroganza di credere di poterlo parlare, Renzi conferma la narrazione che da settimane l'establishment americano dà dell'Italia: un paese inaffidabile, pasticcione, indisciplinato e disorganizzato, dunque da colonizzare per salvarlo da sé stesso, altro che invidiarne lo stile e la qualità della vita, come stava avvenendo (perché negli Stati Uniti l'Italia è da qualche anno di moda e solo gli italiani non se ne sono accorti e stanno mancando un'occasione storica di penetrazione culturale e commerciale; succede, quando si dia retta a La Repubblica).



In un minuto Renzi ha vanificato settimane di lavoro di Conte, mesi di lavoro di quelli che, come me, promuovono la cultura italiana nelle università americane. È sempre stata la sua funzione: distruggere tutto quello che tocca. È un anti-italiano, un disfattista. Vi prego, fermatelo.

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti