Contro i missili ipersonici russi e cinesi gli USA senza difese per i prossimi 10 anni

Contro i missili ipersonici russi e cinesi gli USA senza difese per i prossimi 10 anni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

 

Con l’avanzare di paesi come Russia e Cina nello sviluppo di missili ipersonici gli Stati Uniti si trovano per la prima volta senza difese. E a quanto pare lo saranno per ancora lungo tempo. Il capo della US Missile Defense Agency (MDA) ha recentemente affermato che il programma Glide Phase Interceptor (GPI), progettato per eliminare i missili ipersonici, potrebbe non essere pronto nemmeno nel prossimo decennio. 

“Abbiamo appena iniziato", ha affermato il viceammiraglio Jon Hill in un evento ospitato dal Center for Strategic and International Studies.

L'MDA sta lavorando su una vasta gamma di sensori di tracciamento missilistico e capacità di abbattimento per costruire una difesa "a strati" contro i missili balistici e ipersonici in arrivo.

Il GPI è uno di questi che dovrebbe prendere di mira i missili ipersonici durante la fase di planata del volo (una volta che un missile è rientrato nell'atmosfera terrestre e si sta dirigendo verso il suo obiettivo), il che è difficile da prevedere, poiché i missili viaggiano cinque volte oltre la velocità del suono mentre effettuano rapide manovre evasive.

Gli intercettori saranno integrati negli attuali cacciatorpediniere Aegis Ballistic Missile Defense della Marina degli Stati Uniti, il che comporterebbe il lancio dell'intercettore dal suo normale sistema di lancio verticale (VLS), collegato con il Baseline 9 Aegis Weapon System che rileva, traccia, controlla e ingaggia minacce ipersoniche.

Lo scorso anno, a novembre, Northrop Grumman, Lockheed Martin e Raytheon, selezionati dalla MDA, hanno progettato il Glide Phase Interceptor (GPI). Raytheon Missiles and Defense ha ricevuto $ 20,97 milioni, Lockheed Martin $ 20,94 milioni e Northrop Grumman $ 18,95 milioni. Ogni fornitore dovrebbe fornire concept design per i prototipi entro settembre 2022.

“Abbiamo tre grandi proposte e potremmo decidere di rimanere su tre, potremmo scendere a due, potremmo scendere a una. Quindi, dipende solo da come", ha spiegato Hill.

SM-6 Intercettore

Attualmente, l'unica capacità contro-ipersonica degli Stati Uniti è l'intercettore della serie SM-6, sebbene la versione specifica del missile non sia ancora nota. L'SM-6 può intercettare l'arma ipersonica nella sua fase terminale, nel suo approccio finale al bersaglio.

Considerando l'alta velocità delle armi ipersoniche, la copertura dell'intercettore SM-6 in fase terminale è semplicemente troppo bassa e, pertanto, il programma GPI dell'MDA è cruciale per il lavoro futuro dell'agenzia di difesa dalle minacce missilistiche ipersoniche, poiché prenderebbe di mira i missili ipersonici più lontano durante la fase di planata del volo.

L'analista militare colonnello Yuri Knutov - afferma la Pravda - ritiene che gli anti-missili statunitensi non sono in grado di manovrare in modo simile alle testate ipersoniche russe. Pertanto, l'SM-6 non sarà in grado di tenere il loro passo. Inoltre, per intercettare i missili in grado di accelerare a Mach 5, è necessario disporre di stazioni speciali per rilevare tali testate, ha osservato l'esperto.

I professionisti sanno che per colpire con successo un bersaglio, l'intercettore dovrebbe sviluppare una velocità doppia rispetto a quella del bersaglio. Il rapporto ideale a questo punto è 1:3 o anche più alto. Nel frattempo, l'SM-6, come detto, non è affatto un missile ipersonico: la sua velocità massima non supera Mach 3,5, che è una velocità del suono sotto la soglia ipersonica.

Inoltre, l'MDA e l'Agenzia per lo sviluppo spaziale stanno attualmente lavorando sui satelliti Hypersonic and Ballistic Tracking Space Sensor (HBTSS) in Low Earth Orbit (LEO) che assisterebbero gli attuali satelliti di allarme/tracciamento missilistici che potrebbero perdere missili ipersonici dopo la loro fase di boost.

L'HBTSS dovrebbe essere in grado di rilevare un lancio di missili, così come la separazione del primo, secondo e terzo stadio. Una volta che il GPI viene sparato dal sistema Aegis BMD su un cacciatorpediniere della Marina, sarebbe collegato all'HBTSS per i dati di tracciamento aggiornati e l'intercettore ucciderebbe la minaccia prima che si avvicini troppo al bersaglio previsto.

L'HBTSS dovrebbe essere lanciato in orbita il prossimo anno per una dimostrazione.

I missili ipersonici russi e cinesi

Negli ultimi tempi, gli Stati Uniti sono sempre più preoccupati per la minaccia rappresentata dalle armi ipersoniche di Cina e Russia.

Nel luglio dello scorso anno, la Cina ha testato il suo veicolo ipersonico a planata (HGV), scatenando una diffusa preoccupazione e panico tra i vertici dell'esercito statunitense. Secondo un rapporto della Defense Intelligence Agency (DIA) degli Stati Uniti, il veicolo di planata ha percorso circa 24.800 miglia (39.911 km) nello spazio prima di rientrare nell'atmosfera e colpire il bersaglio a terra.

Nel rapporto della DIA si legge che il test di volo è durato più di 100 minuti, rendendolo "la maggiore distanza percorsa e il più lungo tempo di volo di qualsiasi sistema d'arma terrestre cinese fino ad oggi".

La Cina è nota per avere un missile balistico a medio raggio (MRBM), noto come Dong Feng-17 (DF-17) che è in grado di trasportare il DF-ZF HGV. Il missile stesso può viaggiare a una velocità di Mach 5-10 e trasportare armi convenzionali o nucleari. Ha un'autonomia di 1.800-2.500 km e un peso al lancio di 15.000 kg.

Il DF-ZF HGV può viaggiare a velocità comprese tra Mach 5-10 ed è in grado di eseguire manovre evasive per affrontare le difese nemiche. Il DF-17 è un missile lanciato a terra; può essere sviluppata una versione lanciata dall'aria dal bombardiere Xian H-6N, l'ultima variante dei bombardieri della serie H-6 basata sui bombardieri a reazione bimotore Tupolev Tu-16 sovietici.

L'H-6N ha una portata di 8.000 km e, se armato con DF-17, la sua portata può estendersi fino a 10.000 - 11.000 km portando le principali installazioni nemiche attraverso l'intero Indo-Pacifico all'interno della sua portata.

Nel 2020 è emerso un video che mostrava l'atterraggio del bombardiere H-6N in un aeroporto sconosciuto trasportando un missile con una testata e una sezione booster sul fondo della sua fusoliera, che sembrava essere simile al missile ipersonico DF-17.

Nel frattempo, la Russia ha anche sviluppato l'Avangard HGV con un'autonomia di oltre 6.000 km, in grado di trasportare carichi utili sia nucleari che convenzionali. Secondo quanto reso noto dall’agenzia TASS, la testata nucleare dell'HGV è "più di due megatoni in equivalente di TNT".

Attualmente, l'Avangard è trasportato dal missile balistico SS-19 "Stiletto" (UR-100NUTTH), ma è previsto che sarà sostituito dall'R-28 Sarmat che è stato appena testato con successo ed è previsto sia schierato entro la fine dell'anno.

Secondo le affermazioni del presidente russo Vladimir Putin, l'HGV può navigare a velocità atmosferiche fino a 20 Mach e può manovrare per rendere imprevedibile la sua traiettoria per l'intercettazione da parte di sistemi di difesa aerea e missilistica. Inoltre, secondo quanto riferito, può implementare contromisure durante il volo per confondere i sistemi di difesa.

Parlando del sistema russo Avangard, non bisogna dimenticare che questa testata non è un missile, ma un aliante capace di manovre attive ad angoli inimmaginabili e irraggiungibili per qualsiasi missile. Volando a velocità fino a Mach 27, il sistema utilizza un'inerzia colossale e ha poche restrizioni di manovra. La manovra anti-missile si basa innanzitutto sul limite di carburante. Pertanto, inseguire l'Avangard o lo Zircon è una missione senza speranza.

Gli Stati Uniti sono attualmente senza difese contro una minaccia esterna per la prima volta nella storia. Sembra che anche molti altri paesi del mondo ne siano consapevoli, e si stanno preparando per una nuova era di relazioni internazionali, senza gli USA, a venire.

 

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO