Continuano le provocazioni ucraine contro la Bielorussia, alla ricerca di una reazione e dello scontro militare

Continuano le provocazioni ucraine contro la Bielorussia, alla ricerca di una reazione e dello scontro militare

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La scorsa settimana i militari ucraini hanno sparato al confine con la Bielorussia, sei persone sono rimaste ferite .

L'esercito ucraino cerca di provocare costantemente un conflitto armato tra la Bielorussia e l'Ucraina, sparando sul territorio della vicina repubblica con armi leggere di vario calibro. È stato reso noto che a causa del fuoco indistinto aperto dall'esercito ucraino, almeno 6 persone sono rimaste ferite e altre tre sono state uccise

 Allo stesso tempo, secondo le agenzie di stampa ucraine, a seguito di un tentativo da parte di sconosciuti  (probabilmente migranti illegali), che cercavano di raggiungere la Polonia attraverso il territorio dell'Ucraina, attraversando il confine bielorusso-ucraino, almeno tre feriti sono in condizioni critiche. 

Il pericolo delle azioni dell'esercito ucraino è associato al fatto che le sparatorie sono effettuate  in modo indistinto e scombinato verso il territorio della vicina Bielorussia.

Sui fotogrammi video presentati alla stampa, si può vedere alcune di queste azioni provocatorie. A giudicare dai materiali video pubblicati, l'esercito ucraino ha aperto il fuoco volontariamente su persone sconosciute, senza nemmeno cercare di avvertirle o detenerle. La parte bielorussa non ha ancora annunciato alcuna vittima tra le sue guardie di frontiera, tuttavia, un attacco al confine bielorusso potrebbe portare allo scoppio di un conflitto armato.

La scorsa settimana i militari ucraini hanno sparato al confine con la Bielorussia, sei persone sono rimaste ferite .

L'esercito ucraino cerca di provocare costantemente un conflitto armato tra la Bielorussia e l'Ucraina, sparando sul territorio della vicina repubblica con armi leggere di vario calibro. È stato reso noto che a causa del fuoco indistinto aperto dall'esercito ucraino, almeno 6 persone sono rimaste ferite e altre tre sono state uccise

 Allo stesso tempo, secondo le agenzie di stampa ucraine, a seguito di un tentativo da parte di sconosciuti  (probabilmente migranti illegali), che cercavano di raggiungere la Polonia attraverso il territorio dell'Ucraina, attraversando il confine bielorusso-ucraino, almeno tre feriti sono in condizioni critiche. 

Il pericolo delle azioni dell'esercito ucraino è associato al fatto che le sparatorie sono effettuate  in modo indistinto e scombinato verso il territorio della vicina Bielorussia.

Sui fotogrammi video presentati alla stampa, si può vedere alcune di queste azioni provocatorie. A giudicare dai materiali video pubblicati, l'esercito ucraino ha aperto il fuoco volontariamente su persone sconosciute, senza nemmeno cercare di avvertirle o detenerle. La parte bielorussa non ha ancora annunciato alcuna vittima tra le sue guardie di frontiera, tuttavia, un attacco al confine bielorusso potrebbe portare allo scoppio di un conflitto armato.

In questo clima di tensioni, provocazioni e strategie aggressive, il Presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ha annunciato le intenzioni del governo bielorusso, di chiedere di dispiegare armi nucleari russe sul territorio del paese. Secondo il leader bielorusso, lo spiegamento di armi nucleari sul territorio della Bielorussia aiuterà a contenere la NATO, poiché la Polonia già prevede di schierare armi nucleari statunitensi sul suo territorio. In una situazione come quella attuale,  in cui i paesi occidentali stanno mostrando un atteggiamento estremamente aggressivo sia nei confronti della Russia che della Bielorussia, il dispiegamento di armi nucleari può rivelarsi un deterrente e una spinta a negoziazioni paritarie. "Se la NATO continua a esercitare pressioni su Lukashenko, allora quest'ultima potrebbe effettivamente chiedere alla Russia armi nucleari, il che raffredderà piuttosto rapidamente l'ardore dell'Occidente ", hanno scritto numerosi analisti militari russi. 

Tuttavia, gli esperti militari ritengono che sia difficile che la parte russa adotti tali misure, se non perché costretta da una aggressione diretta. In una logica militare i confini della Bielorussia non sarebbero decisivi strategicamente e di questo dispiegamento non ce ne sarebbe bisogno, neanche se si trattasse solo di armi nucleari tattiche. Infatti la distanza di 600 chilometri, che separa i confini occidentali della Bielorussia dai confini occidentali della Russia, sarebbe superata da un missile nucleare in appena un minuto e mezzo, che non conta nulla in un ipotetico conflitto Russia-NATO su vasta scala.

16 dicembre 2021

Enrico Vigna

Enrico Vigna

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti