Consiglio sicurezza russo, Putin annuncia decisione nella prossime ore su riconoscimento Donetsk e Lugansk

Consiglio sicurezza russo, Putin annuncia decisione nella prossime ore su riconoscimento Donetsk e Lugansk

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Terminata la riunione del Consiglio di sicurezza russo, il presidente Vladimir Putin annunciato che una decisione sul riconoscimento delle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk sarà presa nelle prossime ore. 

"Cari colleghi, ho ascoltato la vostra opinione. La decisione verrà presa oggi. Voglio ringraziarvi per questo incontro”, ha affermato il presidente al termine del vertice. 

Oltre a Putin, vi hanno preso parte anche il ministro degli Esteri Sergei Lavrov, il ministro della Difesa Sergei Shoigu, il primo ministro Mikhail Mishustin, il segretario del Consiglio di sicurezza Nikolai Patrushev, il Presidente del Consiglio della Federazione Valentina Matvienko e altri membri del Consiglio.

Il Primo Ministro di Mosca si è chiaramente schierato per il riconoscimento dei territori russofoni del Donbass: “La nostra posizione è chiara, e se non ci sono progressi... vanno riconosciute le Repubbliche popolari del Donbass”. 

Il massimo diplomatico del paese, il ministro degli Esteri Sergey Lavrov, ha anch’egli sostenuto le richieste di affermare la sovranità di Donetsk e Lugansk, sostenendo che gli Stati Uniti e vassalli europei stanno alimentando la crisi. "Non vedo altro modo", ha detto. "Per quanto riguarda l'offerta all'Occidente di due o tre giorni per rinsavire, è una questione di gusto, naturalmente, ma certamente non cambierà la sua posizione".

Il Presidente della Duma Volodin ha accusato Kiev di non rispettare i suoi impegni: “Vediamo che la situazione non è cambiata in otto anni, con Kiev che sabota tutti i suoi precedenti impegni”. 

Sulla stessa frequenza è sintonizzata Valentina Matvienko, Presidente del Consiglio della Federazione Russa: “Kiev non ha cercato in alcun modo di rispettare gli accordi che erano stati raggiunti”. 

Il conflitto nell'Ucraina orientale dura da otto anni, durante i quali, secondo le Nazioni Unite, più di 13.000 persone sono rimaste vittime e circa 44.000 altre sono rimaste ferite. La riduzione dell'escalation viene discussa durante le riunioni del gruppo di contatto. 

Vengono presi come base gli accordi di Minsk, che prevedono una riforma costituzionale, un cessate il fuoco e il ritiro delle armi pesanti dalla linea di contatto.

Le tensioni nel Donbass sono alimentate dagli Stati Uniti e da altri paesi della NATO, che stanno imbottendo di armi l’Ucraina e inviando a regime di Kiev istruttori militari. Mosca ha ripetutamente chiesto l'interruzione della fornitura di armi, poiché questa condotta potrebbe portare Kiev a gettarsi in avventure militari. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti