Con l'omologazione e la paura non c'è libertà (e nulla da festeggiare)

Con l'omologazione e la paura non c'è libertà (e nulla da festeggiare)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Da sempre, l’umanità avverte l’esigenza di interrompere il quotidiano con momenti di festa, fatti di ritualità codificate e ripetute nel tempo, in cui gongolare alla ricerca di un senso di appartenenza e sicurezza.

In questo clima in cui, come scrisse Freud, “l’eccesso è permesso”, e in cui l’aspettativa implicita sembra quella di essere felici, il mio pensiero va non a chi celebra, ma a chi, spesso solo, resiste.

Ai giornalisti, che pagano con la detenzione il prezzo di un’informazione indipendente; ai dissidenti, che sopportano le violenze di sistemi liberticidi; ai rifugiati, che fuggono da guerre; ai lavoratori, che lottano per un’occupazione all’insegna della dignità e non di un algoritmo.

Il mio pensiero va a anche a chi un lavoro non ce l’ha, a chi prova sdegno per ingiustizie e sfruttamento, a chi si batte per una sanità che guardi all’individuo, a chi crede nella scienza, ma non alla scienza del profitto.

Il mio pensiero va a chi studia, si informa, fa ricerca, a chi crea, a chi lotta, a chi si oppone all’industria culturale e all’omologazione delle idee; a chi critica e non si rassegna, a chi resiste alle semplificazioni, a chi non rinuncia al confronto ma, soprattutto, a chi non teme la tirannia di chi ci vorrebbe conformi, ma divisi.

Con l’omologazione e la paura, non potrà mai esserci nessuna libertà.

Né, alcunché da festeggiare.

Buone feste, dunque, a chi resiste.

Sara Reginella

Sara Reginella

Psicologa a indirizzo clinico e giuridico, psicoterapeuta, regista e autrice di reportage di guerra. I suoi lavori integrano l’interesse per le dinamiche psicologiche con l’attenzione per l’attualità e uno sguardo che mai dimentica le frange socialmente più vulnerabili.

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti