Cina-Zimbabwe: uniti contro l'unilateralismo occidentale

Cina-Zimbabwe: uniti contro l'unilateralismo occidentale

Tradizionalmente, il Ministro degli Affari Esteri della Repubblica Popolare Cinese viaggia all'inizio di un nuovo anno sul suolo africano, una tradizione che non è cambiata negli ultimi trent'anni. Ma al di là dell'aspetto tradizionale di tali visite, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha rilasciato diverse importanti dichiarazioni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Fonte Articolo
 
Il fatto che l'Africa rappresenti una delle principali priorità della politica estera di Pechino è una cosa nota. Tra i principali partner del Medio Impero nel continente troviamo ovviamente lo Zimbabwe. Le relazioni bilaterali non risalgono a tempi recenti, sapendo che la Cina aveva partecipato, come ai suoi tempi l'URSS, a sostenere la lotta del popolo dello Zimbabwe contro il neocolonialismo britannico.


 
Parlando in una conferenza stampa con il suo omologo dello Zimbabwe Sibusiso Moyo http://french.xinhuanet.com/afrique/2020-01/13/c_138701227.htm , l'alto rappresentante cinese oltre a ricordare la lunga storia di cooperazione e L'amicizia che collega la Cina all'Africa, e in particolare allo Zimbabwe, non ha mancato di fare dichiarazioni che probabilmente non piaceranno all'establishment occidentale.
 
A partire dall'invito a porre fine alle sanzioni unilaterali occidentali contro lo Zimbabwe (principalmente sanzioni americane e britanniche), esprimendo così solidarietà con Harare e gli altri paesi africani che hanno partecipato a questa chiamata. "Le sanzioni unilaterali imposte allo Zimbabwe da alcuni paesi e istituzioni non hanno basi nel diritto internazionale e minano i legittimi diritti e gli interessi di sviluppo dello Zimbabwe", ha affermato Wang.
 
Ma non è tutto. Il consigliere di stato cinese e il ministro degli Esteri Wang Yi hanno anche attaccato "unilateralismo, potere politico e mentalità della guerra fredda" di alcuni stati. Aggiungendo che era importante rafforzare la comunicazione e il coordinamento sino-africani, dimostrare il potere della solidarietà e generare una sola voce per preservare i legittimi diritti del popolo cinese e africano al fine di opporsi al interferenze esterne, perseguire l'equità e la giustizia e ottenere una vita migliore.
 
Ciò che è interessante notare in queste dichiarazioni del capo della diplomazia cinese, è che d'ora in poi Pechino fa sentire la sua voce non solo sulle questioni economiche che la legano fortemente con gli Stati africani, ma è presente con una voce politico-diplomatica di prim'ordine, incentrata sulla difesa della multipolarità, sul sostegno ai suoi alleati e sull'opposizione aperta e ufficiale alle politiche di un certo numero di capitali, che senza dubbio si riconosceranno.
 
E conoscendo tutto il peso e il potere del paese che rappresenta, sia demograficamente, economicamente, politicamente e militarmente parlando, è molto improbabile che queste chiamate passino inosservate. Né dalla parte dei paesi occidentali. Né dalla parte dei paesi africani che attribuiscono grande importanza alle dichiarazioni provenienti da Pechino, che è già diventato per diversi anni il principale partner economico e commerciale del continente.
 
Per tornare ora alla questione delle sanzioni, comprese quelle che colpiscono in particolare lo Zimbabwe (ma non solo), l'Occidente politico - che ha amato dalla fine dell'URSS per parlare della sua capacità di isolare gli Stati disobbedienti - non corre il rischio di ritrovarsi isolato?
 
Niente è impossibile in questa nuova era. Rappresentare non più del 10% della popolazione terrestre, sapendo tanto più che un certo numero di cittadini dei paesi occidentali è lungi dall'essere solidale con i rispettivi governi, con opposti cosiddetti poteri "emergenti" che già superano e in diversi settori Nelle cosiddette economie "sviluppate", le élite occidentali farebbero molto meglio a saltare nell'ultimo vagone del treno multipolare già in movimento. 
 
Soprattutto di fronte al duo russo-cinese al Consiglio di sicurezza dell'ONU e alla stragrande maggioranza dei paesi al di fuori del mondo occidentale. L'Africa da sola rappresenta più di cinquanta paesi membri delle Nazioni Unite, molti dei quali oggi assumono piena indipendenza e sovranità.
 

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti