Cina, Russia, Algeria e Turchia ristrutturano il debito di Cuba

Cina, Russia, Algeria e Turchia ristrutturano il debito di Cuba

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Cina, Russia, Algeria e Turchia si sono impegnate a ristrutturare il debito di Cuba, a fornire nuovi finanziamenti per il commercio e gli investimenti e ad alleviare la crisi energetica dell'isola, secondo quanto reso noto dal Presidente Miguel Díaz-Canel.

Cuba deve riprendersi da un calo della produzione durante la pandemia e da problemi che vanno dai blackout alla carenza di cibo, medicine e carburante. Problemi derivanti dal criminale blocco economico e commerciale applicato dagli Stati Uniti contro Cuba da sessant’anni.

La situazione ha fatto lievitare il debito dell'Avana nei confronti di partner di joint venture e fornitori, spingendo alcuni investitori a smettere di fare affari con l'isola se non in contanti, secondo quanto riferito da fonti commerciali e diplomatiche straniere a conoscenza di recenti transazioni, riferisce l’agenzia Reuters.

L'attuale debito estero di Cuba attualmente non è noto. Prima della pandemia, nel 2019, la nazione caraibica faceva registrare un debito di 19,6 miliardi di dollari.

Abbiamo trovato azioni concrete per ristrutturare il debito che avevamo con questi Paesi, il che ci lascia con strutture di pagamento che ci permettono di andare avanti", ha detto Diaz-Canel alla televisione di Stato, e né Cuba né i quattro Paesi hanno fornito ulteriori dettagli.

Il presidente cubano ha affermato domenica che l'Algeria e la Russia hanno accettato di inviare forniture regolari di petrolio, oltre alle quantità provenienti da un paese stretto alleato come il Venezuela, ma non ha fornito cifre. Ha aggiunto di aver ottenuto accordi per riparare le centrali elettriche e per finanziare lo sviluppo dell'energia eolica e solare.

Jorge Piñón dell'Energy Institute in Texas ha affermato che gli accordi non cambiano il quadro. I problemi sono strutturali, il che richiede due cose che Cuba non ha: tempo e denaro, scrive il quotidiano messicano La Jornada.

Intanto continua la collaborazione con la Turchia per la produzione di energia elettrica. Da metà novembre è attraccata a Cuba, nella baia dell'Avana, una nuova centrale elettrica galleggiante per la generazione di energia elettrica, con una capacità installata di 110 megawatt (MW). 

L'arrivo dell'impianto mobile è il risultato di una delle azioni dell'Unión Eléctrica (UNE) per aumentare la capacità della SEN, che è stata limitata per diversi mesi a causa di una carenza di generazione.

Lázaro Guerra Hernández, direttore tecnico della UNE, ha dichiarato al quotidiano Granma che l'impianto è dotato di sei motori a olio combustibile e, una volta sincronizzato alla rete nazionale, alla fine di questo mese, dovrebbe fornire tra i 100 e i 105 MW.

Ha spiegato che questa è la settima patana di questo tipo che viene installata nel Paese - come vengono chiamate queste unità - dato che ce ne sono già tre nella stessa baia dell'Avana e altre tre nel porto di Mariel, nella provincia di Artemisa.

"Con questo nuovo impianto, Cuba raggiungerebbe una potenza di oltre 500 MW di capacità installata nella generazione mobile galleggiante", ha dichiarato Guerra Hernández, che ha aggiunto che il primo di questi impianti è in funzione sull'isola dal 2019, grazie a un accordo con la società turca Karadeniz Holding.

Un tour strategico

Il Presidente di Cuba, Miguel Díaz Canel, è reduce da un fruttuoso tour in Algeria, Turchia, Russia e Cina, Paesi strategici per le possibilità di accordi commerciali, economici e di altro tipo, tra cui importanti colloqui con Xi Jinping e Vladimir Putin, presidenti rispettivamente di Cina e Russia.

Durante il tour sono stati raggiunti accordi e riavvicinamenti molto importanti per Cuba, viste le difficili condizioni economiche interne che sta attraversando e le difficoltà nello sviluppo del commercio, della finanza e degli accordi in diversi settori a causa delle forti restrizioni imposte dal blocco statunitense che, tra l'altro, punisce le imprese e i consorzi che fanno affari con l'isola.

Agli incontri di Díaz-Canel con i capi di Stato e le autorità dei quattro Paesi visitati hanno partecipato ministri e rappresentanti del governo cubano, e si è appreso che sono stati raggiunti accordi molto positivi per l'isola in settori come la salute, l'energia, le fonti rinnovabili, l'alimentazione, l'industria medico-farmaceutica, la cultura, l'istruzione, la scienza e la tecnologia, i trasporti, la ristrutturazione del debito, lo zucchero, le joint venture e la cybersicurezza.

Si è anche raggiunto un accordo sulla politica estera e sulle posizioni sulla scena mondiale, soprattutto in relazione al mantenimento di posizioni di collaborazione e all'opposizione a blocchi e boicottaggi unilaterali dei Paesi.

Il mondo diplomatico e commerciale ritiene che il tour di Díaz-Canel è stato di livello strategico per Cuba e aprirà possibilità future.

Il viaggio del leader cubano si è svolto tra il 16 e il 27 novembre ed è stato considerato essenziale per rafforzare i legami di cooperazione dell'isola con Paesi importanti come quelli visitati.

Gli incontri sono stati un successo e hanno addirittura superato le aspettative, ha dichiarato il capo di Stato cubano, che ha approvato il fatto che siano stati raggiunti accordi e ne siano stati rafforzati altri, tutti con benefici per le parti coinvolte e con un impatto positivo per l'economia dell'isola, dal momento che riguardano settori come l'energia, la biotecnologia, la salute, le comunicazioni e l'industria, tra gli altri.

Incoraggiata da una filosofia che difende il multilateralismo e il diritto di ogni popolo a scegliere i propri percorsi di sviluppo, Cuba ha oltrepassato in questi giorni i suoi confini per esplorare aree di interesse comune, per prendere ciò che può aiutare lo sviluppo della sua società e per mostrare il potenziale che, anche se sotto un crudele assedio, è capace di forti balzi in avanti. 

Cuba ha mostrato ancora una volta che pur essendo collocata geograficamente nella sfera d’influenza dell’egemone unipolare statunitense (in declino), è pienamente inserita nel nuovo mondo multipolare a trazione eurasiatica in ascesa. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti