Cina e la globalizzazione delle "fake proteste"

Cina e la globalizzazione delle "fake proteste"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Declan Hayes - Strategic Culture


Il sito di notizie dell'MI5 della BBC ha recentemente pubblicato la non-storia secondo cui i manifestanti cinesi chiedono le dimissioni del presidente Xi. Com'è conveniente, con il crollo delle proteste dell'MI5 a Hong Kong, che questi gabbiani agiscano inconsapevolmente come quinta colonna per la Royal Navy e la Settima Flotta statunitense, che sorvegliano lo Stretto di Taiwan! Ci si chiede quando gli Stati Uniti armeranno questi manifestanti pacifici, così come hanno precedentemente armato i loro confratelli in Siria, Iran e Hong Kong.

Il governo cinese ha i due problemi fondamentali della moltiplicazione e della divisione. Temono che un problema piccolo e localizzato, se replicato in tutta la Cina, diventi rapidamente insormontabile e il problema della divisione li spinge a dividere la loro torta nazionale, così com'è, in 1,42 miliardi di modi, pur mantenendo i loro 1,42 miliardi di cittadini felici e speranzosi per il loro futuro. Una gestione delle risorse umane, in altre parole, su scala biblica.

I perenni problemi di moltiplicazione e di divisione della Cina, alimentati dalla Perfida Albione e dai suoi altrettanto infidi alleati, sono un grattacapo poco invidiabile con cui i leader cinesi devono fare i conti. Basti pensare alla nevicata che ha ricoperto tutta la Cina qualche capodanno cinese fa, quando più di 100.000 lavoratori migranti bloccati nella stazione ferroviaria di Guangzhou sfogarono la loro ira su quegli sfortunati soldati che ebbero la peggio e dovettero spiegare a queste orde inferocite che la neve aveva reso impraticabili migliaia di chilometri di binari e che, di conseguenza, tutti loro, insieme ad altri milioni di lavoratori migranti bloccati, non potevano compiere il pellegrinaggio annuale verso i loro villaggi rurali.

Compatite i gelidi soldati cinesi che videro il loro Capodanno rovinato non solo dalla neve, ma anche dalla comprensibile incapacità del governo di spiegare a centinaia di milioni di cittadini cinesi che non si potevano spostare i miliardi e miliardi di tonnellate di neve che avevano rovinato le loro vacanze. Ora tornate al sito di notizie della BBC dell'MI5 e chiedetevi perché le autorità cinesi permettano alla BBC di sfruttare questi problemi scegliendo chi intervistare in Cina, dove la BBC chiaramente non è di casa.

Fate un salto in Iran, i cui cittadini stanno ancora festeggiando la vittoria della loro squadra contro il Galles e chiedete perché la BBC non mette in evidenza le centinaia di soldati e cittadini iraniani che i loro manifestanti pacifici hanno deliberatamente ucciso.

A proposito di Coppa del Mondo, Carlos Queiroz, allenatore dell'Iran, ha chiesto perché la BBC tende agguati ai suoi giocatori con domande a sfondo politico, ma non rivolge mai domande politiche agli allenatori e ai giocatori dell'Inghilterra o degli Stati Uniti, i cui Paesi sono sinonimo di violazioni dei diritti umani in tutto il mondo. E visto che l'Arabia Saudita e il Qatar, che ospitano il torneo, non sono da meno in fatto di violazioni dei diritti umani, perché non sono anch'essi bersaglio delle ire della BBC?

Sebbene la squadra tedesca abbia protestato a nome dei colleghi transgender, non è strano che questi buffoni tedeschi non abbiano avuto nulla da dire su chi ha fatto esplodere il gasdotto Nordstream, condannando così migliaia di anziani tedeschi a un inverno freddo e a una tomba precoce? Forse i tedeschi sono bravi solo a fare vacue dimostrazioni di virtù e non molto di più. Sembra proprio di sì.

Se i buffoni della squadra di calcio tedesca avessero voluto davvero protestare, avrebbero potuto rovistare nella base aerea di Al Udeid del Qatar, che ospita decine di migliaia di marines e paracadutisti statunitensi, britannici e australiani. Ma sarebbe stato haram. La triste realtà è che non solo il Qatar, ma l'intero Medio Oriente è tappezzato di basi militari statunitensi e sono permesse solo le proteste che sostengono l'egemonia angloamericana.

Anche se la Coppa del Mondo, come tutti i tornei simili, deve tornare alle sue radici apolitiche, gli Stati Uniti e i suoi alleati sono gli elefanti nella stanza, le mosche nell'unguento, le madri di tutti i guastafeste. Indipendentemente dal modo in cui la NATO, i buffoni della squadra di calcio tedesca e i loro apologeti della BBC lavano i propri crimini, mentre elogiano i loro squadroni della morte nazisti ucraini o i loro criminali siriani finanziati dal Qatar, la marea cambierà presto quando le loro finte proteste faranno il loro corso e diventeranno solo bersaglio di scherno e derisione. Sebbene questo processo sia già iniziato in Moldavia, nei Paesi Bassi e persino nella stessa Germania, ossessionata dalle tematiche LGBTQ++, si accelererà nei prossimi mesi, quando la distruzione dell'Europa Occidentale porterà al proprio contraccolpo esplosivo.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti