Chi ha ragione tra il paese di Formiconi e Mangiabuffo? La politica monetaria nella zona euro for dummies

Chi ha ragione tra il paese di Formiconi e Mangiabuffo? La politica monetaria nella zona euro for dummies

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Giuseppe Masala

 

Sentite io odio parlare di macroeconomia prendendo l'argomento dal punto di vista monetario e dei flussi finanziari. Ma siccome qui si oscilla tra i neanderthaliani che parlano di moneta come bene scarso e i trogloditi che parlano di Elicopter Money immaginando che dalle banche centrali si alzino davvero gli elicotteri che buttano soldi nelle città mi trovo costretto a dire due piccole cose, spiegate semplici (almeno ci provo, e mi perdonino i cultori della moneta).
 

Allora, facciamo un esempio: esistono due paesi, quello di Mangiabuffo e quello dei Formiconi.

I due paesi condividono la stessa moneta ma hanno politiche fiscali diverse (cioè tassano come vogliono e spendono come vogliono indipendentemente).

Il paese di Mangiabbuffo ha 1000 di debito (pubblico e privato) e 700 di risparmi.

Mentre il paesi di Formiconi ha 1300 di debito e 1600 di risparmi.

Ovviamente avendo i due paesi un unica moneta i capitali possono spostarsi liberamente tra il paese di Mangiabuffo e quello di Formiconi.

Come s'allocano i capitali?

Semplice. Avendo il paese di Formiconi un eccesso di risparmio pari a 300 e Mangiabuffo un deficit di risparmio pari a 300 semplicemente i Formiconi prestano i loro 300 in più ai Mangiabuffo che - guarda che combinazione - hanno bisogno di 300 in più di risparmi.

E tutti vissero felici e contenti: i Formiconi incassavano gli interessi dai Mangiabuffo e questi ultimi si ritrovano con quei 300 di risparmi che gli abbisognavano per tenere a galla il sistema. Un giorno venne una brutta epidemia che costrinse la gente dei due paesi in quarantena.

Niente lavoro, niente guadagno. Ma gli impegni nei due paesi c'erano.

Bel problema. Il paese di Formiconi (ricordo che i due paesi hanno politiche fiscali indipendenti e moneta comune) decise nell'ambito delle sue politiche fiscali di lanciare un piano di salvataggio da 300 per la sua economia, ovvero di portare il suo debito da 1300 a 1600. Da dove prendono i risparmi i Formiconi per coprire questo nuovo debito in più di 300? Semplice pensarono: "Ritiriamo i nostri 300 che abbiamo imprestato ai Mangiabuffo".

E qui il casino.

I Mangiabuffo iniziarono a urlare, perchè oltre a dover salvare la loro economia dai danni dell'epidemia a causa del piano di salvataggio dei Formiconi si vedrebbero aprire un ulteriore buco di 300 nei loro conti.

E cosa urlavano i Mangiabuffo?

Semplice, urlavano: "La banca Nazionale Comune deve acquistare miei titoli di debito per 300 oltre a tutti quelli che dovrò emettere per salvare la mia economia dall'epidemia".

E i Formiconi risposero: "Con il cavolo, e noi che siamo scemi ad aver risparmiato anzichè consumare come avete fatto voi? Ora paga un interesse più alto (a limite ti aiuto su questo punto), e inizia a risparmiare fino a quando i tuoi risparmi non raggiungeranno il livello dei tuoi debiti".

E quegli altri cosa rispondevano: "Ma se risparmio adesso che ho bisogno di spendere per salvare la mia economia mi rovino, consumando di meno dovrò chiudere molte attività perchè diminuendo i consumi è inutile che producano".

Ecco fate voi i vostri conti su chi abbia ragione tra i Formiconi e i Mangiabuffo.

Questo è quello che sta succedendo in Europa. Tenete però conto che l'Italia non è ne un Mangiabuffo nè un Formiconi, ma ha sostanzialmente risparmi pari ai suoi debiti (pubblici e privati). I Mangiabuffo sono gli Spagnoli i Portoghesi e gli Irlandesi.

Fuori dalla metafora volevo anche dire che è una questione di equilibrio ed armonia.

E come si valuta in economia (dal lato monetario e finanziario) questo equilibrio?

Si valuta con i tassi di interesse (che sono il prezzo della moneta). Ciò che conta non è la quantità di moneta stampata (mi riferisco sia a quelli che la considerano un feticcio che non si può stampare, sia a quelli che vorrebbero si stampasse a carriolate): ciò che conta è la variazione del prezzo della moneta cioè del tasso d'interesse.

Altra cosa da dire (che è strettamente legata al prezzo della moneta) è che la quantità di nuova moneta stampata (QE) è infatti direttamente proporzionale a quantità di moneta impiegata.

Per esempio, la Banca centrale giapponese ha deciso di stampare più di 1000 mld di dollari (ovviamente in Yen) e immediatamente oggi il Governo giapponese ha lanciato un piano da 1000 mld di dollari (sempre l'equivalente in Yen) perchè ovviamente avendo la banca centrale aumentato la quantità disponibile c'è spazio per aumentare di una quantità equivalente la spesa senza che il prezzo della moneta (i tassi) subiscano variazioni.

Oppure, la Fed si calcola che per la fine dell'anno "stamperà" 4000 mld di dollari in più e immediatamente Trump ha prima varato un piano da 2200 mld e ora ne sta preparando un altro da 2000 per nuove infrastrutture. C'è più moneta, questo ne abbasserebbe troppo i tassi (ovvero il prezzo della Moneta) facendo fuggire i capitali esteri che tornerebbero nei paesi d'origine regalando spazio di spesa a paesi esteri e subito il governo americano per evitarlo impiega tutto quello che la Fed ha messo a disposizione senza rischiare di far variare i tassi.

Chi ha ragione tra il paese di Formiconi e quello di Mangiabuffo fate voi. L'importante è che non si consideri la moneta né un feticcio né una cosa che si può stampare a piacimento.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti