Canada, quando la toppa è peggio del buco...

Canada, quando la toppa è peggio del buco...

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Alberto Fazolo

Ha destato sdegno in tutto il mondo quanto avvenuto al Parlamento canadese. Riunitosi per accogliere Zelensky, ha dedicato una standing ovation a un novantottenne indicato come “eroe” distintosi nella lotta per l’indipendenza ucraina contro i russi (cioè i sovietici). Trattasi ovviamente di un nazista, già volontario delle SS.

Non si può accettare di derubricare la vicenda ad una svista incolpando un singolo capro espiatorio, come sta provando a fare il Canada, il problema è estremamente grave. Ci sono sia un aspetto qualitativo che uno quantitativo a vanificare gli sforzi per cercare di recuperare a questa brutta vicenda.

Troppo comodo che un singolo si sacrifichi per deresponsabilizzare -e quindi, salvare- tutti gli altri, la responsabilità è collettiva di tutti i presenti e delle istituzioni canadesi. Dire che nessuno sapeva che quella persona che ha lottato contro i sovietici fosse un nazista, è patetico. Dovremmo davvero credere che i deputati canadesi non sappiano quali fossero gli schieramenti della Seconda Guerra Mondiale?

Se così fosse, la situazione sarebbe ancora più grave, emergerebbe un problema qualitativo sulle competenze dei politici e funzionari ucraini. Sicuramente questi hanno dimostrato di non avere un grande acume spingendosi così oltre nella riabilitazione dei nazisti, però non possono dire di non sapere. Il motivo quantitativo che vanifica i tentativi di recuperare alla figuraccia fatta è insito nella composizione etnica del Canada: in un paese da trentotto milioni di persone, circa un milione e trecentosessanta mila hanno origini ucraine, cioè un terzo della popolazione. Buona parte degli immigrati ucraini (ma non tutti) sono proprio i nazisti che scapparono dall’Unione Sovietica alla fine della Seconda Guerra Mondiale in quanto collaborazionisti di Hitler.

Per questo in Canada sanno tutti benissimo come sia andata la Seconda Guerra Mondiale e quale fu il ruolo di certi ucraini. Non si possono accettare i tentativi di dire che si tratti di una vicenda di tanti anni fa in un paese remoto e sconosciuto.

Il problema di fondo è che la situazione politica canadese è degenerata da dopo l’intervento russo in Ucraina, cioè da quando la propaganda guerrafondaia ha alimentato una sorta di isteria collettiva in tutti i paesi NATO. Se altrove questa ha fatto significativi danni, in Canada è andata ben oltre, perché è stata intercettata dalla macchina organizzativa dei rifugiati nazisti ucraini che da ottanta anni aspettano una rivincita. Quanto successo al Parlamento canadese è la dimostrazione che lì i nazisti ucraini hanno preso il sopravvento e oggi determinano le scelte politiche del paese.

Il paradosso è che durante la Seconda Guerra Mondiale il Canada diede un significativo contributo nella sconfitta del nazismo, ma ora -sull’onda dell’isteria anti russa- il paese che aveva quei valori sta morendo per via dei morsi avvelenati della serpe che si è covata in seno per tutti questi anni.

In Canada stanno vincendo i nazisti contro cui il Canada aveva combattuto.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti