Canada, indagini sui militari dopo le accuse di addestramento ai neonazisti ucraini

Canada, indagini sui militari dopo le accuse di addestramento ai neonazisti ucraini

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Colpito dalle accuse secondo cui le sue truppe avrebbero addestrato neonazisti in Ucraina, il dipartimento della difesa canadese ha avviato una revisione del processo di controllo sui suoi programmi di "mentoring" e "costruzione di capacità" per il personale militare straniero.

In risposta alle accuse bomba, il portavoce del dipartimento della difesa Dan Le Bouthillier ha rivelato che il mese scorso era iniziata una revisione interna che "guarderà in modo olistico a tutte le missioni" in cui le forze armate canadesi (CAF) sono coinvolte con personale militare straniero.

Tuttavia, ha osservato che alcuni dettagli rimarrebbero segreti poiché "le specifiche del processo mediante il quale il CAF verifica l'idoneità dei candidati alla formazione sono soggette a restrizioni di sicurezza operativa".

Il Canada, che è in Ucraina dal 2015 come parte della task force congiunta "Operazione UNIFIER", fornisce supporto e formazione alle forze di sicurezza ucraine. Secondo i media, da allora l'alta dirigenza militare canadese – incluso l'ex ministro della Difesa Harjit Sajjan – ha in gran parte ignorato gli avvertimenti sugli elementi di estrema destra all'interno delle forze ucraine.

Nel giugno 2018, i diplomatici canadesi e gli ufficiali delle forze armate si sono incontrati e hanno posato per delle fotografie con i membri del battaglione neonazista Azov, nonostante abbiano espresso preoccupazione per l'incontro trapelato ai media. Il battaglione Azov ha quindi utilizzato il servizio fotografico per scopi di propaganda, secondo un rapporto di Ottawa Citizen, che ieri  ha rivelato documenti in merito.

Secondo il giornale, il tenente colonnello Fraser Auld, allora comandante della task force, aveva avvertito che una copertura negativa della stampa avrebbe potuto suscitare domande sull'incontro da parte del governo canadese. Nel 2017, gli ufficiali della task force erano stati apparentemente informati che "molti membri di Azov si sono definiti come nazisti". Tuttavia, non c'è stata alcuna condanna da parte dei vertici.

Il documento ha rivelato un altro incontro precedentemente non segnalato nel dicembre 2018 a cui ha partecipato l'allora comandante dell'esercito canadese, il tenente generale Jean-Marc Lanthier e membri del battaglione Azov. Di nuovo, nessuna denuncia delle sue simpatie radicali. Invece, Chris Henderson, all'epoca viceministro per gli affari pubblici, avrebbe inviato un'e-mail a più di 20 funzionari delle pubbliche relazioni del dipartimento della difesa sulla "necessità di essere pronti" per il controllo dei media.

A settembre, uno studio sull'estrema destra nell'esercito ucraino aveva rivelato per la prima volta che "Military Order Centuria", un gruppo neonazista di soldati all'interno dell'Accademia dell'esercito nazionale del paese legato al movimento Azov, si era vantato online di aver ricevuto addestramento dal Canada e altri paesi della NATO.

Le Bouthillier aveva precedentemente notato che i funzionari militari canadesi non erano a conoscenza di coloro che avevano partecipato all'incontro del 2018, apparentemente organizzato dalle autorità ucraine. Ha aggiunto che il Canada "non ha, non fornisce e non fornirà supporto ad Azov e alle entità affiliate".

Nonostante la revisione annunciata, i critici hanno ribadito al giornale che il CAF non conduce direttamente il controllo delle truppe straniere che addestra, lasciando invece la responsabilità alla nazione che fornisce le truppe.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano di Michelangelo Severgnini Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano

Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano

I giornali preparano la (solita) trappola mortale di Pasquale Cicalese I giornali preparano la (solita) trappola mortale

I giornali preparano la (solita) trappola mortale

I Sonnambuli di oggi  di Giuseppe Masala I Sonnambuli di oggi

I Sonnambuli di oggi

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente