Caitlin Johnstone - Le 10 volte che i manager dell'impero ci hanno mostrato che vogliono controllare i nostri pensieri

Caitlin Johnstone - Le 10 volte che i manager dell'impero ci hanno mostrato che vogliono controllare i nostri pensieri

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Caitlin Johnstone

 

L'unico aspetto più trascurato e sottovalutato della nostra società è il fatto che persone immensamente potenti lavorano continuamente per manipolare i pensieri che elaboriamo sul mondo. Che tu la chiami propaganda, psyops, gestione della percezione o pubbliche relazioni, è una cosa reale che accade costantemente e succede a tutti noi.

E le sue conseguenze modellano il nostro intero mondo.

Questo dovrebbe essere al centro della nostra attenzione quando esaminiamo notizie, tendenze e idee, ma non viene quasi mai menzionato. Questo perché la manipolazione psicologica su vasta scala sta avendo successo. La propaganda funziona solo se non sai che sta succedendo.

Per essere chiari, non sto parlando di una sorta di stravagante teoria del complotto infondata qui. Sto parlando di un fatto di cospirazione. 

Che subiamo la propaganda da persone che hanno autorità su di noi non è seriamente contestato da nessun attore in buona fede ben informato ed è stato ampiamente  descritto e documentato per molti anni.

Inoltre, i gestori dell'impero centralizzato statunitense che domina l'Occidente e gran parte del resto del mondo ci hanno mostrato chiaramente che ci propagandano e vogliono propagandarci di più. 

Qui ci sono solo alcune di quelle volte.

 

  1. Operazione Mockingbird

Cominciamo con forse l'esempio più noto. Nel 1977 Carl Bernstein pubblicò un articolo intitolato "The CIA and the Media" in cui riferiva come la CIA si era infiltrata di nascosto nei più influenti organi di informazione d'America  e aveva oltre 400 giornalisti che considerava una risorsa in un programma noto come Operazione Mockingbird .

È stato un grande scandalo, ed è giusto che sia così. I media hanno lo scopo di riferire in modo veritiero su ciò che accade nel mondo, non manipolare la percezione pubblica per soddisfare le agende di fantasmi e guerrafondai.

Ma da lì è solo peggiorato.

 

  1. Gli agenti dell'intelligence ora lavorano apertamente nei media

 

Al giorno d'oggi la collaborazione con la CIA avviene allo scoperto e la gente è troppo propagandata per riconoscerlo come scandaloso. I media immensamente influenti come il New York Times  trasmettono acriticamente la disinformazione della CIA che viene poi  trasformata come un fatto dagli esperti di notizie via cavo . Il Washington Post si è costantemente rifiutato di rivelare il fatto che il suo unico proprietario era un appaltatore della CIA  quando riferiva sulle agenzie di intelligence statunitensi secondo il protocollo giornalistico standard. I mass media ora impiegano apertamente  veterani delle agenzie di intelligence  come John Brennan, James Clapper, Chuck Rosenberg, Michael Hayden, Frank Figliuzzi, Fran Townsend, Stephen Hall, Samantha Vinograd, Andrew McCabe, Josh Campbell, Asha Rangappa, Phil Mudd, James Gagliano, Jeremy Bash, Susan Hennessey, Ned Price, Rick Francona , Michael Morell, John McLaughlin, John Sipher, Thomas Bossert, Clint Watts, James Baker, Mike Baker, Daniel Hoffman, David Preiss, Evelyn Farkas, Mike Rogers e Malcolm Nance, come sono note risorse della CIA   Ken Dilanian della NBC, così come la  CIA stagisti,  Anderson Cooper e candidati della CIA  come Tucker Carlson.

L'operazione Mockingbird mostrava le azioni della CIA sui  media. Quello che stiamo vedendo ora è che la CIA agisce apertamente come  media. Qualsiasi separazione significativa tra la CIA e i media, in effetti anche qualsiasi pretesa di separazione, è stata abbandonata.

 

  1. Osservazioni CFR di Richard Stengel sulla propaganda

 

L'ex funzionario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ed editore del Time Magazine Richard Stengel ha espresso il suo pieno sostegno all'uso della propaganda sia sul pubblico straniero che nazionale durante un evento del 2018 organizzato dall'influente think tank Council on Foreign Relations.

"Fondamentalmente ogni paese crea la propria storia narrativa", ha detto Stengel. "Il mio vecchio lavoro al Dipartimento di Stato era quello che la gente usava scherzare come capo della propaganda. Non sono contrario alla propaganda. Ogni paese lo fa e deve farlo alla propria popolazione. E non penso necessariamente che sia terribile.”

È interessante notare che anni prima, durante la sua permanenza al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti sotto l'amministrazione Obama, Stengel ha effettivamente fornito la propria definizione di cosa intende esattamente con la parola "propaganda", e non è così innocuo come ha fatto sembrare per il suo pubblico del CFR.

"La propaganda è la deliberata diffusione di informazioni che si sa essere false o fuorvianti al fine di influenzare un pubblico", ha scritto Stengel nel 2014 .

Queste sono due posizioni molto interessanti per un manager dell'impero da ricoprire contemporaneamente, in particolare uno che ha appena servito nella squadra di transizione presidenziale dell'attuale presidente.

 

  1. Funzionari statunitensi e la diffusione della disinformazione sulla Russia per vincere una guerra dell'informazione contro Putin

 

Il mese scorso NBC News ha pubblicato un articolo citando diversi funzionari statunitensi, a condizione di anonimato, i quali hanno affermato che l'amministrazione Biden ha rapidamente diffuso notizie di "intelligence" sui piani della Russia in Ucraina a "bassa fiducia" o "basata più su analisi che su prove concrete", o addirittura semplicemente false, per combattere una guerra dell'informazione contro Putin.

Nell’articolo si ritiene che a tal fine il governo degli Stati Uniti ha deliberatamente diffuso affermazioni false o poco evidenti su imminenti attacchi con armi chimiche, sui piani russi di orchestrare un attacco sotto falsa bandiera nel Donbass per giustificare un'invasione, sui consiglieri di Putin che lo hanno informato male e sulla Russia in cerca di forniture di armi dalla Cina.

Quindi hanno mentito. Possono ritenere di aver mentito per una nobile ragione, ma hanno mentito. Hanno fatto circolare consapevolmente informazioni che non avevano motivo di credere fossero vere, e quella bugia è stata amplificata da tutti i media più influenti del mondo occidentale.

Che ciò sia accaduto mentre i mass media sfornano continuamente rapporti che avvertono il pubblico sui pericoli della "disinformazione" è un'ironia che è andata persa quasi da tutti.

 

  1. Senatori ai rappresentanti della Silicon Valley: è loro compito manipolare il pensiero pubblico per prevenire il dissenso

 

 

Nel 2017 i rappresentanti di Google, Facebook e Twitter sono stati chiamati davanti alla commissione giudiziaria del Senato  e hanno ribadito che dovevano "respingere le ribellioni dell'informazione" e sono stati incaricati di presentare una dichiarazione di intenti che esprimesse il loro impegno a "prevenire la fomentazione della discordia" sulle loro piattaforme.

"Dobbiamo agire tutti ora sul campo di battaglia dei social media per reprimere le ribellioni dell'informazione che possono portare rapidamente a scontri violenti e trasformarci facilmente negli Stati Uniti d'America divisi", ha detto ai giganti della tecnologia Clint Watts, un think tanker ed ex agente dell'FBI, aggiuntgendo: "L'arresto dello sbarramento di artiglieria di false informazioni sugli utenti dei social media arriva solo quando i punti vendita che distribuiscono storie fasulle vengono messi a tacere: silenziare le armi e lo sbarramento finirà".

Quando le società miliardarie monopolistiche devono far fronte alle richieste di un organo legislativo che potrebbe facilmente rendere la loro vita molto più difficile e molto meno redditizia agendo, fino a includere casi importanti di antitrust , viene loro fatta un'offerta che non possono rifiutare. Ciò è stato ampiamente chiarito dalla senatrice Dianne Feinstein durante le udienze del 2017 nella sua minaccia di intervenire se tali società non fossero riuscite a ridurre la diffusione di informazioni non autorizzate online.

"Devi essere quelli che fanno qualcosa al riguardo, o lo faremo", ha detto Feinstein alle piattaforme online .

 

  1. Il "Comitato per la governance della disinformazione" del Dipartimento per la sicurezza interna

 

Il controverso Disinformation Governance Board del Department of Homeland Security, che i critici hanno non ingiustamente etichettato come un Ministero della Verità gestito dal governo, ha "messo in pausa" le sue operazioni in attesa di una revisione alla luce della protesta pubblica. Quella recensione sarà guidata dai mostri della palude imperiale corrotti Michael Chertoff e Jamie Gorelick, tra tutti.

Nessun ente governativo ha alcuna attività che si autodefinisce l'autorità di separare le informazioni dalla disinformazione per conto del pubblico, perché gli enti governativi non sono divinità imparziali e onniscienti che possono essere incaricate di servire il pubblico come arbitri oggettivi della realtà assoluta. Con assoluta certezza finirebbero per fare distinzioni tra informazione e disinformazione in qualunque modo serva ai loro interessi, indipendentemente da ciò che è vero, esattamente come farebbe qualsiasi regime autoritario.

Qualunque cosa accada con quella recensione, possiamo essere sicuri che la missione del consiglio continuerà, sia sotto il suo nome attuale che sotto qualche altra iterazione più accuratamente mascherata. L'impero sta esprimendo fin troppo entusiasmo per un controllo sempre maggiore sul pensiero pubblico per lasciarsi sfuggire questo.

 

  1. Lo Smith-Mundt Modernization Act del 2012

 

Nel dicembre del 2012 il congresso degli Stati Uniti ha approvato una revisione dello Smith-Mundt Act come parte dell'NDAA del 2013 che secondo i critici ha posto fine alle restrizioni messe in atto per impedire al governo di fare propaganda per i cittadini statunitensi.

La legge è stata evidenziata per la prima volta  in un articolo di BuzzFeed News del giornalista Michael Hastings, che l'anno successivo sarebbe morto in un incidente d'auto piuttosto sospetto mentre, secondo quanto riferito, stava lavorando a una storia importante.

"Rimuove la protezione per gli americani", ha detto a Hastings un funzionario del Pentagono a condizione di anonimato. “Rimuove la supervisione da parte delle persone che vogliono pubblicare queste informazioni. Non ci sono controlli e contrappesi. Nessuno sa se le informazioni sono accurate, parzialmente esatte o del tutto false".

Il rapporto di Hastings ha suscitato polemiche online , con molti che concordano con la sua analisi di quello che sarebbe diventato noto come lo Smith-Mundt Modernization Act del 2012 e altri che affermano che le preoccupazioni erano infondate. Ad ogni modo, con tutto quello che è successo negli ultimi dieci anni, è chiaro ora che gli americani avevano ragione a preoccuparsi di una drammatica escalation della propaganda interna.

 

  1. Le operazioni psicologiche di Reagan

 

Il defunto Robert Parry scrisse numerosi articoli per Consortium News sulle operazioni di manipolazione psicologica su vasta scala dell'amministrazione Reagan, che si riferivano direttamente all'ampio lavoro di Parry sull'affare Iran-Contra in quel periodo.

Parry ha descritto come Reagan e i suoi scagnozzi neocon fossero ossessionati dal contrastare la stanchezza della guerra pubblica e la sfiducia nell'interventismo statunitense che seguì la guerra del Vietnam al fine di ottenere più consenso per i programmi depravati che l'amministrazione stava lavorando per attuarli in America Latina. Al centro di questo obiettivo di produzione del consenso, che la Casa Bianca chiamava "diplomazia pubblica" in pubblico e "gestione della percezione" in privato, c'era uno spettro dal suono particolarmente odioso di nome Walter Raymond Jr.

In un articolo intitolato " The Victory of 'Perception Management' ", Parry ha scritto quanto segue:

Durante la sua deposizione Iran-Contra, Raymond ha spiegato la necessità di questa struttura di propaganda, dicendo: "Non eravamo configurati in modo efficace per affrontare la guerra delle idee".

Una delle ragioni di questa mancanza era che la legge federale proibiva che i soldi dei contribuenti venissero spesi per la propaganda interna o per fare pressioni di base per fare pressione sui rappresentanti del Congresso. Naturalmente, ogni presidente e la sua squadra disponevano di vaste risorse per presentare la propria causa in pubblico, ma per tradizione e legge erano limitati a discorsi, testimonianze e persuasione individuale dei legislatori.

Ma le cose stavano per cambiare. In una nota del 13 gennaio 1983, il consigliere dell'NSC Clark prevedeva la necessità di denaro non governativo per portare avanti questa causa. "Svilupperemo uno scenario per ottenere finanziamenti privati", scrisse Clark. (Solo cinque giorni dopo, il presidente Reagan accolse personalmente il magnate dei media Rupert Murdoch nello Studio Ovale per un incontro privato, secondo i documenti in archivio presso la biblioteca Reagan.)

Quando i funzionari dell'amministrazione si misero in contatto con ricchi sostenitori, le linee contro la propaganda interna furono presto superate poiché l'operazione mirava non solo al pubblico straniero ma all'opinione pubblica statunitense, alla stampa e ai democratici del Congresso che si opponevano al finanziamento dei Contras nicaraguensi.

 

  1. Leader militari canadesi che utilizzano le normative Covid come opportunità per testare le tecniche psyop sui civili

 

L'anno scorso  Ottawa Citizen ha riferito  che l'esercito canadese ha usato l'epidemia di Covid come scusa per testare  le effettive tecniche militari psyop  sulla propria popolazione civile con la scusa di garantire il rispetto delle restrizioni pandemiche.

Alcuni estratti:

  • "I leader militari canadesi hanno visto la pandemia come un'opportunità unica per testare le tecniche di propaganda su un pubblico ignaro", conclude un rapporto delle forze armate canadesi appena pubblicato".
  • “Il piano ideato dal Canadian Joint Operations Command, noto anche come CJOC, si basava su tecniche di propaganda simili a quelle impiegate durante la guerra in Afghanistan. La campagna prevedeva "modellare" e "sfruttare" le informazioni. CJOC ha affermato che lo schema delle operazioni di informazione era necessario per scongiurare la disobbedienza civile dei canadesi durante la pandemia di coronavirus e per rafforzare i messaggi del governo sulla pandemia.
  • “Un'iniziativa separata, non collegata al piano CJOC, ma supervisionata da ufficiali dell'intelligence delle forze armate canadesi, ha raccolto informazioni dagli account dei social media pubblici in Ontario. I dati sono stati raccolti anche sui pacifici raduni di Black Lives Matter e sui leader del BLM".
  • "'Questa è davvero un'opportunità di apprendimento per tutti noi e un'opportunità per iniziare a inserire le operazioni di informazione nella nostra routine (CAF-DND)', ha affermato il contrammiraglio".
  • “Ancora un'altra recensione incentrata sul ramo degli affari pubblici delle forze armate canadesi e sulle sue attività. L'anno scorso, la filiale ha lanciato un piano controverso che avrebbe consentito agli ufficiali delle pubbliche relazioni militari di utilizzare la propaganda per cambiare gli atteggiamenti e i comportamenti dei canadesi, nonché per raccogliere e analizzare le informazioni dagli account dei social media pubblici".
  • "Il piano avrebbe visto il personale passare dai tradizionali metodi governativi di comunicazione con il pubblico a una strategia più aggressiva di utilizzare la guerra dell'informazione e tattiche di influenza sui canadesi".

Quindi i manager dell'impero non stanno solo impiegando operazioni psicologiche su vasta scala sul pubblico, le stanno testando e  imparando  da loro.

 

  1. Il governo degli Stati Uniti finanzia i media "indipendenti" in Ucraina

 

Infine, c'è il fatto che il famigerato pacchetto di guerra per procura da 40 miliardi di dollari inviato all'Ucraina include fondi stanziati per "contrastare la disinformazione e le narrazioni di propaganda russe, promuovere la responsabilità per la violazione dei diritti umani russi e sostenere attivisti, giornalisti e media indipendenti per difendere la libertà di espressione ."

Quindi guerra dell'informazione. Il governo degli Stati Uniti sta finanziando la guerra dell'informazione per manipolare la percezione pubblica di questa guerra e coprendo quelle manipolazioni chiamandole attivismo, giornalismo e media indipendenti.

Dato che la stampa occidentale tradizionale ha riportato acriticamente anche le storie più stravaganti provenienti dall'Ucraina senza uno straccio di prova, possiamo aspettarci che questa propaganda finanziata dal governo si diffonda in tutto il mondo occidentale.

*Fonte: https://caitlinjohnstone.substack.com/p/ten-times-empire-managers-showed?s=w

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra