Bennett ha chiesto all'Ucraina di "arrendersi alle richieste russe" (HAARETZ)

Bennett ha chiesto all'Ucraina di "arrendersi alle richieste russe" (HAARETZ)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

Nei giorni scorsi, un alto funzionario del governo ucraino ha criticato aspramente lo sforzo del primo ministro israeliano Naftali Bennett di mediare la crisi con la Russia, secondo il quotidiano Haaretz.

Dire che sia controversa questa mediazione è poco, lo stesso funzionario ha spiegato, venerdì scorso, che Bennett sta "usando la mediazione come scusa per giustificare il fatto che Israele sta evitando di trasferire aiuti militari all'Ucraina o di aderire alle sanzioni schiaffeggiate alla Russia".

È lecito porsi delle domande ed escludere l'ipotesi di un ruolo di mediatore di pace da parte di Israele. Probabile che Tel Aviv non lo faccia per filantropia ma per i suoi interessi in Medio Oriente dove la Russia con l'intervento in Siria nel 2015, su richiesta di Damasco, ha notevolmente rafforzato il suo ruolo nella Regione.

Il funzionario ha precisato che Bennett funge da cassetta delle lettere tra Ucraina e Russia e che il primo ministro israeliano ha fatto pressioni sul presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy affinché accettasse  le condizioni del presidente russo Vladimir Putin per porre fine alla guerra.   

Precedentemente, Bennett aveva incontrato Putin a Mosca per discutere della crisi ucraina, seguito da una telefonata con Zelenskyy.

I due leader si sono incontrati per tre ore. Meno di 24 ore dopo il loro incontro a Mosca, Bennett e Putin hanno parlato di nuovo al telefono. Secondo una dichiarazione della Presidenza del Consiglio, Bennett ha parlato anche con il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il presidente francese Emmanuel Macron dopo la telefonata con Putin. 

Il funzionario ha ricordato che mediazione non significa passare messaggi tra le parti, aggiungendo che un mediatore deve presentare un compromesso praticabile, "per raggiungere un risultato. Se ciò dovesse accadere te ne saremo grati. Altre contee possono fornire servizi di posta e La posizione naturale di Israele" non ha alcun vantaggio in queste circostanze.    

Nella sua ultima telefonata con Zelenskyy, Bennett ha cercato di convincere il presidente ucraino ad accettare l'offerta di Putin, ha ribadito il funzionario.

"Quando Bennett gli ha detto che avrebbe dovuto accettare la posizione russa, Zelenskyy ha risposto: 'Ti ho sentito, grazie'", ha raccontato il funzionario, aggiungendo che Bennett vuole che l'Ucraina si arrenda. 

Una fonte dell'ufficio di Bennett ha smentito la versione di Zelenskyy definendola non veritiera.

"Il primo ministro non ha raccomandato a Zelenskyy di accettare l'offerta di Putin, poiché Israele non sa quale sia tale offerta. In ogni caso Bennett non intende dare a Zelenskyy raccomandazioni o consigli su come agire in nessuna fase", hanno replicato le fonti da Tel Aviv .

Secondo la fonte, il colloquio tra Bennett e Zelenskyy ha avuto successo. "Gli sforzi del primo ministro sono diretti a una cosa: fermare lo spargimento di sangue in Ucraina e le sofferenze inutili", ha aggiunto l'ufficio del primo ministro.     

Zelenskyy è interessato a parlare davanti al parlamento israeliano la prossima settimana. Se il presidente della Knesset Mickey Levy non gli permette di parlare davanti al plenum, o garantisce che un numero significativo di legislatori partecipi, ha in programma di parlare davanti al memoriale israeliano dell'Olocausto Yad Vashem o di trasmettere il suo discorso al pubblico israeliano a Rabin Square a Tel Aviv. "Zelenskyy è esausto dalle conversazioni con i leader, vuole parlare al pubblico", hanno spiegato i funzionari. Dopo le manifestazioni di sabato scorso, in Italia, sappiamo cosa voglia dire: NO fly zone e altre armi, tradotto: terza guerra mondiale

Nel frattempo, l'ambasciata israeliana ha iniziato a mappare le 20 principali compagnie israeliane che operano in Russia, nel tentativo di convincerle ad aderire volontariamente alle sanzioni la prossima settimana, come hanno fatto altre compagnie internazionali.

Il governo israeliano ha precisato che non esiste una legislazione che gli consenta di costringere le società private a interrompere o limitare i legami con la Russia.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti