Aymeric Monville: "I francesi sono contrari all'incoscienza e alla belligeranza dei politici"

Aymeric Monville: "I francesi sono contrari all'incoscienza e alla belligeranza dei politici"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Jafar Salimov

Aymeric Monville, autore di saggi filosofici e politici, ha raccontato cosa pensano i francesi dell’idea di Emmanuel Macron di inviare soldati della NATO in Ucraina per combattere la Russia.

– Emmanuel Macron è stato il primo tra tutti i leader mondiali ad afferare pubblicamente l'idea di inviare truppe NATO in Ucraina per combattere la Russia. È stato il riflesso di una sorta di consenso tra le élite francesi? Oppure stava preparando l'opinione pubblica all'afflusso di bare dall'Est? O qualcos'altro?

– La mancanza di consenso è stata espressa dal fatto che persino i russofobi patentati hanno criticato il Presidente Macron per essersi negato la possibilità di mantenere la necessaria "ambiguità strategica", in breve di scoprire le sue carte. Ciò che colpisce, quindi, è che le sue dichiarazioni chiaramente non aiutano nemmeno la causa - antirussa - che pretendono di servire. Quanto sembra essere decisivo in questa vicenda, e questo sarebbe rassicurante perché dimostrerebbe che si tratta soprattutto di una questione di comunicazione, sono le scadenze elettorali, in particolare le elezioni europee del prossimo giugno. Di fronte alla perdita di legittimità, all'inflazione galoppante ed a un debito abissale, Emmanuel Macron sta quindi giocando la carta "regale" per opporsi, alla sua destra, al Rassemblement National e, alla sua sinistra, a La France Insoumise, che considera compiacente nei confronti della Russia. Bisogna capire che qui in Francia i media hanno abituato l'opinione pubblica all'idea che il Presidente Putin stia conducendo una guerra di conquista sempre più diretta a ovest, minacciando, dopo l'Ucraina, la Polonia, i Paesi baltici e poi l'intera Europa. Chiunque sia sano di mente, anche solo variando le proprie informazioni attraverso i media alternativi e i social network, sa che la Russia non ha né il desiderio né i mezzi per farlo, e che le ragioni dell'operazione speciale del 2022 sono semplicemente che non poteva tollerare la presenza di un governo ostile filo-NATO, filo-nazista e russofobo alle sue porte, installato al potere almeno dal 2014. Emmanuel Macron si affida quindi a un'opinione pubblica composta, statisticamente, da persone anziane, ancora molto abituate a recarsi alle urne per esprimere la propria opinione, ma che credono ancora che esistano media ufficiali rispettabili e che è lì che apprenderanno la verità. Diventano così il ricettacolo di una frenetica propaganda di guerra, che ora si identifica con il potere di Macron.


 – La Francia, che sta perdendo terreno in Africa, vuole davvero recuperare queste perdite a spese della Russia? I leader del Paese hanno una valutazione equilibrata dell'equilibrio di potere?

– Mi è difficile dire "Francia", perché non credo che il Presidente francese, lui stesso "young leader della French American Foundation", faccia ancora gli interessi della Francia. Penso che sia più una questione di realizzare quello che Macron sta sostenendo come un grande "salto federale europeo", in cui la Francia completerebbe la svendita di ciò che resta della sua sovranità offrendo, con il pretesto della cosiddetta sicurezza europea, i suoi gioielli di famiglia ai suoi vicini europei, vale a dire il suo potere nucleare e il suo seggio permanente nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. È vero che la Francia ha ancora in mano la carta militare per negoziare con i suoi vicini. È qui che si trova l'equilibrio di potere, perché il suo status di potenza vittoriosa dopo il 1945 le ha conferito poteri che la Germania istituzionalmente non ha. Ma per ottenere cosa? Una moratoria sul suo debito? Ripeto, non riesco nemmeno a vedere cosa potrebbe essere vantaggioso per il popolo francese. Per quanto riguarda il confronto con la Russia, tutti sanno che non c'è nulla da guadagnare da due potenze nucleari che si fanno la guerra a vicenda. 


 – I soldati francesi hanno "messo gli stivali a terra" in Russia almeno quattro volte. La prima volta, i cosacchi impiegarono solo due anni per conquistare Parigi. La seconda volta, la Francia vinse in Crimea, ma la Crimea rimase russa. Per la terza volta, la Russia sembrò essere una facile preda durante la rivoluzione. Infine, per la quarta volta, i volontari francesi indossarono le uniformi della Wehrmacht e combatterono contro la Russia sovietica, a fianco dei fascisti tedeschi e dei nazionalisti ucraini. C'è una ragione comune per queste lezioni storiche? La Francia ha approfittato della debolezza della Russia, ma a quale scopo? Quali interessi prevalsero - economici, politici, emotivi?


– Sono un po' deluso, caro amico, che Lei non menzioni il fatto eclatante che molti francesi hanno combattuto anche a fianco del popolo sovietico, nello squadrone Normandia-Niemen. Ai tempi dell'URSS, la gente conosceva bene questa storia. Vorrei ricordare che la Francia del dopoguerra è stata segnata principalmente, a sinistra, dal comunismo che era filo-sovietico, a destra dal gollismo, e non dimentichiamo che de Gaulle aveva riconosciuto il ruolo dei popoli sovietici nella liberazione del popolo francese. È vero che questa sensibilità è stata erosa dagli attacchi dei partiti filo-atlantici come il Partito socialista e la cosiddetta destra "orleanista", la borghesia d'affari per intenderci. Ma posso assicurarvi che la russofobia, pur essendo un'ideologia di Stato, non è condivisa dal popolo francese, per tutte le ragioni storiche che ho appena citato.

 – Gli altoparlanti americani affermano che i soldati francesi stanno già combattendo contro la Russia e in Ucraina. Fonti russe riferiscono che ci sono già state vittime tra i francesi. In che misura queste informazioni sono note in Francia?

- Non ne stiamo affatto parlando. Dovete sapere che la televisione russa, RT, è stata censurata dall'Unione Europea e che i media mainstream sono monolitici sulla questione ucraina. È innegabile, però, che per l'esercito ucraino ci siano addestratori francesi e britannici; è innegabile che all'epoca degli accordi di Minsk ci siano state dichiarazioni inaccettabili sul doppio gioco, che dimostrano la schiacciante responsabilità dei nostri leader, a partire almeno da François Hollande ma anche da Nicolas Sarkozy, che ha riportato la Francia nel comando integrato delle Nazioni Unite (da cui ci aveva sottratto il generale de Gaulle). Non voglio sorvolare su questa lunga e vergognosa storia a favore delle ultime, altrettanto vergognose, dichiarazioni del Presidente Macron. L'unica via d'uscita è che, così facendo, egli si posizionerebbe come negoziatore in futuro. Molti di noi dell'opposizione ritengono non solo che non avremmo dovuto sostenere il colpo di Stato fascista filo-statunitense a Kiev nel 2014, ma anche che avremmo dovuto negoziare con la Russia fin dall'inizio dell'operazione speciale sulla base del riconoscimento dei diritti dei russofoni vittime di un vero e proprio genocidio culturale. Tuttavia, dato il rischio di un crollo del fronte ucraino, non è escluso che anche i più accaniti oppositori della Russia si rendano conto che dovranno sedersi a negoziare. 

– Oserei dire che gli interessi dell'establishment francese non coincidono con gli interessi delle masse. Fino a che punto la società francese è pronta a resistere alle decisioni sconsiderate dei politici?

– L'opposizione è unanime nel condannare queste dichiarazioni guerrafondaie ed è sostenuta da un'ampia maggioranza del popolo francese. Credo che questo si vedrà alle urne. È anche possibile che si veda nelle strade, in una ripresa delle manifestazioni dei gilet gialli. Dobbiamo tenere conto di una realtà nazionale che a volte sfugge agli osservatori stranieri: i francesi non sono un popolo docile, hanno dato l'esempio con molte rivolte e rivoluzioni. In questo contesto, i nostri leader hanno l'abitudine di fare degli esperimenti, lanciando un'opzione per poi ritirarla subito dopo, quando vedono che la situazione è in stallo e che c'è il rischio che l'opinione pubblica si rivolti contro di loro. Oso sperare che questo sia il caso di queste sconsiderate e vergognose dichiarazioni guerrafondaie, vista l'evidente indignazione che hanno suscitato in Francia e nel mondo.

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene? di Alberto Fazolo Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene?

Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene?

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti