Attacchi ucraini in territorio russo: gli USA hanno perso il controllo del regime di Kiev?

Attacchi ucraini in territorio russo: gli USA hanno perso il controllo del regime di Kiev?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Non è un mistero che il regime di Kiev sia quantomeno eterodiretto da Washington, per non dire completamente controllato, in funzione antirussa. Adesso però negli Stati Uniti comincia a serpeggiare il dubbio che la creatura sia sfuggita dalle mani degli scienziati pazzi che l’hanno partorita. Così il mondo si avvicina pericolosamente al baratro di una guerra mondiale termonucleare. 

A tal proposito, scrive Ted Snider del The Libertarian Institute: “L'Ucraina sta perseguendo i propri interessi di sicurezza in un modo straordinariamente pericoloso per gli interessi di sicurezza degli Stati Uniti. E sembra che non tenga conto delle restrizioni statunitensi nel perseguirli. Mesi di permissivismo americano e l'incapacità di dire no all'Ucraina a ogni superamento di una linea rossa hanno apparentemente incoraggiato l'Ucraina a ignorare i limiti e le condizioni statunitensi sull'uso delle armi fornite dagli Stati Uniti.

Uno degli obiettivi principali dell'amministrazione Biden è quello di rimanere al fianco dell'Ucraina per tutto il tempo necessario a difendere la sua sovranità e integrità territoriale. Questa è la promessa di Joe Biden all'Ucraina. Ma un secondo obiettivo fondamentale è quello di evitare di essere trascinati in una guerra diretta tra la NATO e la Russia. Questa è la promessa di Joe Biden agli statunitensi. La recente ondata di attacchi ucraini sul territorio della Russia - non il Donbass o la Crimea, ma il territorio russo riconosciuto a livello internazionale - minaccia questa promessa e minaccia la sicurezza degli statunitensi.

L'Ucraina ha promesso da tempo di "non colpire il territorio russo con armi fornite dall'Occidente". Di recente ha ribadito questa promessa, affermando che i missili da crociera a lungo raggio Storm Shadow forniti dalla Gran Bretagna "saranno utilizzati solo all'interno del territorio sovrano ucraino e non all'interno della Russia", e ha fornito agli Stati Uniti "assicurazioni" che i cacciabombardieri F-16 non saranno utilizzati all'interno del territorio russo.

Ma l'Ucraina non ha mantenuto queste promesse. Nel perseguire i loro obiettivi - comprensibilmente, dal momento che gli Stati Uniti hanno insistito perché rinviassero tali obiettivi e continuassero a combattere l'esercito russo per perseguire gli obiettivi nordamericani - hanno oltrepassato la linea rossa dei limiti e delle condizioni statunitensi sull'uso di armi fornite dagli Stati Uniti e hanno colpito all'interno del territorio russo. Questa strategia militare di sfidante indipendenza sta aumentando il pericolo che gli Stati Uniti e la NATO possano essere trascinati in una guerra con la Russia.

E questo attacco è stato solo il più audace di una serie di recenti attacchi all'interno dei confini russi. Nello stesso mese, l'Ucraina ha colpito un campo di addestramento militare e una raffineria di petrolio in territorio russo. A dicembre, l'Ucraina ha effettuato due attacchi alla base aerea russa di Engels.

Il 23 maggio è stato effettuato un raid dal territorio ucraino verso la regione russa di Belgorod. Per due giorni, l'esercito russo li ha respinti oltre il confine. Le immagini dell'attacco suggeriscono che nel raid sono stati utilizzati veicoli blindati statunitensi.

L'Ucraina ha negato qualsiasi coinvolgimento nell'attacco. Denis Nikitin, che si fa chiamare anche Denis Kapustin, è il capo del gruppo che rivendica la responsabilità del raid. Il suo gruppo ha effettuato una precedente escursione in due città della regione russa di Bryansk, al confine con l'Ucraina, il 2 marzo. In quell'occasione, nonostante le analoghe smentite ucraine di sostegno o coinvolgimento, ha dichiarato che "il raid transfrontaliero che aveva condotto dall'Ucraina alla Russia aveva l'approvazione di Kiev". Ha dichiarato al Financial Times che le autorità ucraine hanno approvato l'attacco. "Sì, certo, questa azione è stata concordata", ha detto, "altrimenti non sarebbe potuta accadere". Ha poi aggiunto: "Se non l'avessi coordinata con nessuno [nell'esercito ucraino]... credo che saremmo stati semplicemente distrutti".

Nonostante la smentita pubblica, un funzionario militare ucraino ha ammesso privatamente di aver "collaborato" con gli aggressori.

Washington sembra esprimere frustrazione per l'apparente perdita di controllo su Kiev. Il presidente dello Stato Maggiore Mark Milley ha dichiarato che, pur non potendo "dire con precisione definitiva... se si tratta di attrezzature fornite dagli Stati Uniti o meno... posso dire che abbiamo chiesto agli ucraini di non usare attrezzature fornite dagli Stati Uniti per attacchi diretti in Russia". Il Dipartimento di Stato ha lamentato che "abbiamo chiarito agli ucraini che non consentiamo o incoraggiamo attacchi al di fuori dei confini ucraini". Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale John Kirby ha "accennato alla frustrazione di Washington", affermando: "Siamo stati molto chiari: non sosteniamo l'uso di attrezzature di fabbricazione statunitense per attacchi all'interno della Russia... siamo stati chiari su questo punto con gli ucraini".

Tuttavia, l'Associated Press riporta che il 27 maggio, nonostante i molteplici richiami pubblici di Washington, gli attacchi ucraini all'interno della Russia sono continuati. Diversi droni sarebbero stati abbattuti mentre si dirigevano verso la raffineria di petrolio di Ilsky, nella regione meridionale russa di Krasnodar. Due persone sarebbero state uccise dai bombardamenti ucraini sulla città di Almaznaya. I funzionari locali hanno dichiarato che, ancora una volta, Belgorod "è stata attaccata dalle forze ucraine sabato".

All'inizio della guerra, gli Stati Uniti hanno messo da parte gli interessi ucraini e hanno insistito affinché gli ucraini combattessero e morissero per perseguire gli obiettivi USA. L'ironico contraccolpo di questa situazione è che, quattordici mesi dopo, l'Ucraina sta perseguendo i problemi di sicurezza creati da questa insistenza in un modo che è in diretta contraddizione con i problemi di sicurezza degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti sembrano aver perso il controllo di Kiev e l'Ucraina sta ora perseguendo i propri obiettivi in un modo che ignora quelli nordamericani, aumentando il pericolo che la NATO possa essere coinvolta in una guerra con la Russia”.

Intanto però c’è chi invece si chiede se dietro gli attacchi del regime di Kiev in territorio russo ci siano gli Stati Uniti. Il quotidiano iraniano Farda scrive: “O gli Stati Uniti si sono lasciati ingannare dall'Ucraina, o hanno mentito alla Russia e al mondo. La seconda ipotesi è più probabile, riporta Farda. A quanto pare, l'Ucraina avrebbe attaccato il nemico sul suo territorio, nonostante le promesse fatte agli Stati Uniti. Inoltre, la Casa Bianca ha dichiarato che Washington stava aiutando Kiev a pianificare le operazioni.

In ogni caso, se il regime di Kiev non viene fermato dai suoi padrini occidentali, il mondo rischia una pericolosa escalation che potrebbe condurre a un confronto diretto tra Russia e NATO. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti