Alessandro Orsini - Il massacro dei palestinesi raccontato da Bruno Vespa

Alessandro Orsini - Il massacro dei palestinesi raccontato da Bruno Vespa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Alessandro Orsini*

Razione quotidiana: sette neonati uccisi nell'ospedale Shifa. Bruno Vespa non condanna Israele per i suoi crimini contro l'umanità? Eppure Vespa ha sempre avuto la condanna morale facile contro la Russia. Israele ha ucciso 4000 bambini però Vespa ha pronunciato zero condanne morali.

Quattromila a zero, bravo Vespa!

Viene quasi da pensare che Vespa abbia condannato la Russia perché è un Paese nemico degli Stati Uniti ma che non condanni Israele perché è un Paese amico della Casa Bianca.

Figuriamoci!

Vespa è un fulgido esempio di autonomia di giudizio e indipendenza dal potere politico.

Io invece condanno eccome quel volgare criminale di guerra di Netanyahu a capo di un governo pieno di ministri razzisti come Ben-Gvir che sono la negazione di ogni forma di democrazia liberale.

Bruno Vespa invita sempre a Porta a Porta qualche diplomatico israeliano piangi-piangi del tipo: "Nghe, nghe, Israele ha massacrato soltanto 11.000 palestinesi in un mese. Nghe, nghe, avevamo pianificato di ammazzarne 100.000... Nghe nghe, noi israeliani siamo delle povere vittime... Nghe nghe, che cosa abbiamo fatto di male prima del 7 ottobre 2023? Nghe nghe abbiamo soltanto sparato sistematicamente nel cranio dei bambini palestinesi come Mohammed Haitham al Tamimi, il 5 giugno 2023... Nghe nghe e abbiamo sparato nei loro crani in casa loro, nelle loro terre, dove noi israeliani rubiamo l'acqua e il cibo ai palestinesi con il sostegno dell'Unione europea".

Bruno Vespa, uomo compassionevolissimo, guarda il diplomatico con gli occhi pieni di lacrime e pensa: "Che mondo ingiusto".
Poi dà ordini alla sua squadra di programmare un nuovo invito per la puntata successiva e urla: "Ma insomma, me lo trovate o no un diplomatico israeliano che pianga bene! Questo piange senza singhiozzi!".

Poi Vespa, dietro le quinte, sempre più arrabbiato, spiega ai suoi collaboratori come si pianga veramente e inizia il canto.

I suoi collaboratori: "Ma, caro Vespa, il pianto finto fa ridere".


*Due post Facebook del 13 novembre 2023

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti