Alessandro Orsini - I 5 fatti che dimostrano il terrorismo dello stato di Israele

Alessandro Orsini - I 5 fatti che dimostrano il terrorismo dello stato di Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Alessandro Orsini*

Questa è una sfida alla mefitica lobby israeliana, basata in Italia, che sostiene il massacro dei bambini palestinesi a Gaza raccogliendo firme per chiudermi la bocca. Io sono ancora qui. Non siete ancora riusciti a silenziarmi, a ottenere il mio licenziamento dall’Università, la chiusura dei miei social e la mia espulsione dalla televisione. Dato l’impegno profuso in questo senso e la violenta campagna diffamatoria, condita da minacce e insulti violentissimi che ricevo tutti i giorni, io sono autorizzato ad affermare che la tanto temuta mefitica lobby israeliana, basata in Italia, altro non è che un gruppo di falliti.

Diecimila contro uno mi fanno un baffo. Quindi, a partire da oggi, mi riferirò a questi falliti con la seguente locuzione: "Mefitica lobby israeliana di falliti totali”. Infatti questi gran falliti corrotti sostenitori del governo terrorista d’Israele se ne torna a casa con la coda tra le gambe mentre io continuo a dire che l’esercito israeliano è una cloaca per i seguenti 5 fatti documentati attraverso il metodo scientifico:

1) L’esercito israeliano è un esercito cloaca perché, prima dell’attacco di Hamas del 7 ottobre, sparava in testa ai bambini palestinesi di tre anni nei territori occupati come Mohammed Haitham al-Tamimi, cui l’esercito feccia ha sparato un proiettile nel cranio il 5 giugno 2023 in Cisgiordania dove Hamas non c'è (vedi video qui sotto). Dal 1° gennaio al 5 giugno 2023, i soldati israeliani avevano già ucciso 20 bambini palestinesi e, secondo le proiezioni statistiche, erano avvviati a superare il record di bambini palestinesi massacrati nel 2022.
 
2) L’esercito israeliano è un esercito cloaca perché, dall'8 ottobre a oggi, ha massacrato più di 10.000 bambini musulmani a Gaza lasciando altri mille bambini di Gaza con gli arti amputati.

3) L’esercito israeliano è un esercito cloaca perché il medico-chirurgo britannico-palestinese Abu-Sittah ha testimoniato di avere dovuto amputare i bambini a Gaza senza anestesia perché il governo terrorista d’Israele ha ridotto gli ospedali di Gaza al collasso causando persino la morte dei bambini palestinesi nelle incubatrici.

4) L’esercito israeliano è un esercito cloaca perché sta sparando intenzionalmente sui civili palestinesi. I soldati israeliani hanno sganciato più di 29.000 bombe su Gaza in tre mesi, di cui la metà circa sono bombe non guidate, tra cui le potentisisme bombe MK-84.

5) L’esercito israeliano è un esercito cloaca perché difende un governo che include un ministro razzista come Ben-Gvir, ammiratore del terrorista Baruch Goldstein, l’autore della strage contro la moschea di Hebron del 1994, di cui Ben-Gvir ha sfoggiato il poster nel proprio salone di casa per anni, rimosso soltanto per assumere incarichi di governo (vedi video qui sotto)

Io non ho paura della feccia. È per questo che la sfido e la irrido perché la società libera, senza il coraggio degli studiosi, è morta.
Solidarietà con Gaza.

Abbasso l'esercito cloaca d'Israele.

P. S.

1) Questo è il video del funerale di Mohammed Haitham al Tamimi, due anni e mezzo, ucciso con un colpo alla testa dai soldati israeliani il 5 giugno 2023

2) Questo è il video sul ministro razzista d'Israele Ben-Gvir che sfoggia il poster del terrorista Baruch Goldstein nel salone di casa. Potrete vedere il poster feccia al minuto 03:44
https://www.youtube.com/watch?v=OplM9oNmTfQ


* Post Facebook del 4 gennaio 2023

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti