Alastair Crooke - Perché Israele e l'Occidente si stanno disfacendo di pari passo?

Alastair Crooke - Perché Israele e l'Occidente si stanno disfacendo di pari passo?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Alastair Crooke - Strategic Culture

Alon Pinkas, ex diplomatico israeliano di alto livello (ben inserito alla Casa Bianca), dice ad alta voce la "realtà" su Israele che, sottolinea, non può essere ulteriormente nascosta:

"Ci sono ora due Stati [ebraici] con visioni contrastanti di ciò che dovrebbe essere la nazione. C'è un elefante nella stanza di Israele - e 'no': non è l'occupazione, anche se è la sua causa principale".

"L'elefante nella stanza è Israele che si sta gradualmente ma inesorabilmente dividendo [in uno Stato laico, liberale e ad alta tecnologia]... e in una teocrazia ultranazionalista e suprematista ebraica con tendenze messianiche e antidemocratiche che incoraggiano l'isolamento".

"Il sionismo... si è trasformato e mutato attraverso il movimento dei coloni e gli zeloti di estrema destra in una cultura politica simile a Masada, basata sul concetto di redenzione dell'antico regno nella terra ancestrale. (Masada era un culto dei Sicarii nel 73 CE)".

Pinkas prosegue:

"[In sostanza, in Israele è in corso una guerra civile. Non ha raggiunto i livelli di Gettysburg, ma lo scisma profondo e ampio sta diventando evidente. I due sistemi di valori politici non sono conciliabili. ‘Combattiamo gli arabi (o l'Iran) per la nostra esistenza’ rimane l'unico filo conduttore, ma si sta indebolendo. È una definizione negativa di identità nazionale: un nemico e una minaccia comuni, ma ben poco di ciò che ci unisce in termini di tipo di società e di Paese che vogliamo essere".

"Persino il racconto comune più fondamentale, la Dichiarazione d'Indipendenza, è ora messo in discussione e alcuni dei suoi principi fondamentali sono fonte di contesa politica".

Naturalmente, si può capire da quale parte della frattura Pinkas veda il suo mondo - tuttavia "al di là della riflessione sul 7 ottobre, c'è una crescente consapevolezza che "unità", "un solo destino" e "non abbiamo scelta e nessun altro Paese" sono diventati cliché vuoti e privi di significato. Al contrario, sempre più israeliani, da entrambe le parti, vedono il loro Paese essenzialmente diviso in due entità distinte (non conciliabili)". 

Vi suona familiare, anche se in un altro contesto?

Dovrebbe. Perché è una metafora dell'inesorabile divisione dell'Occidente. La guerra a Gaza ha fatto precipitare e acuito gli scismi latenti in Occidente. Anch'essa non può più essere nascosta. Da un lato, c'è un progetto di ingegneria sociale (illiberale) che si spaccia per liberalismo. Dall'altro, un progetto di recupero dei valori "eterni" (per quanto imperfetti) che un tempo erano alla base della civiltà europea.

Il conflitto in Medio Oriente ha messo in luce i parallelismi tra le due sfere in Occidente.

Anche in questo caso, i parallelismi e le somiglianze sono sconfortanti: Come dice Pinkas:

"Il divario è reale, si sta allargando e sta diventando incolmabile. I divari e le spaccature politiche, culturali ed economiche stanno crescendo, accompagnati da un vetriolo tossico che si maschera da discorso politico. Persino la più fondamentale delle narrazioni comuni, la Dichiarazione d'Indipendenza, è ora messa in discussione e alcuni dei suoi principi fondamentali sono fonte di contesa politica".

Si riferisce a Israele, ma lo stesso vale per gli Stati Uniti, dove i principi fondamentali della Costituzione (ad esempio la libertà di parola) sono fonte di contesa politica. Parla anche dell'affermazione della destra secondo cui Tel Aviv "è una bolla", ma aggiunge: "Per quanto riguarda l'affermazione della bolla, hanno ragione - ma New York è una bolla, Parigi e Londra sono bolle" - bolle geografiche, oltre che ideologiche. Eppure Pinkas non "capisce" il paradosso che crea: Non è forse questo il nocciolo del problema? Le "Techie-obsessed" Metro-Élites d'America contro il resto (cioè la "flyover America")? Le bolle sono il problema, non qualcosa da accantonare.

Oggi, decine di migliaia di studenti in Occidente protestano contro il massacro in corso di palestinesi, mentre i detentori del posto istituzionale sostengono pienamente l'annientamento di Hamas e di tutti i civili "complici" (che alcuni estendono a tutti coloro che vivono a Gaza).

Le due visioni del mondo non hanno una percezione comune. Rappresentano visioni contrastanti del futuro - e dell'essenza delle loro nazioni. Il 7 ottobre ha fatto esplodere il simulacro dello "status quo" in Israele e, allo stesso tempo, ha scardinato l'ordine politico in Occidente - come in Israele.

Ciò che è importante capire è che entrambe le visioni sono polari - quella della "storia" nazionale contesa e quella di un futuro comune - sono autentiche per ciascuna comunità. Le visioni hanno una loro legittimazione separata. Ciò significa che i semplici rimedi politici non liquideranno gli zeitgeist calcificati. Ogni parte deve prima accettare la legittimità dell'"altro" (pur rimanendo in disaccordo) perché la politica diventi possibile.

Pinkas - come metafora - ha un'applicazione più ampia: Dopo aver detto che "c'è un elefante nella stanza israeliana - e no, non è l'occupazione - anche se è la sua causa principale", Pinkas aggiunge più avanti nel suo pezzo che "Israele non occupa solo il territorio, ma circa 5 milioni di palestinesi. In effetti, da 57 anni Israele vive in un loop ricorrente del settimo giorno della Guerra dei Sei Giorni. Questa realtà, che negli anni '70 veniva definita "temporaneità prolungata", è diventata una caratteristica permanente dell'ecosistema politico e geopolitico di Israele".

È un quadro che è diventato la trappola di Israele.

Allora perché Israele e l’Occidente si stanno disfacendo insieme? Bene, in primo luogo perché sono diventati così interconnessi a livello di strutture di potere (sia negli Stati Uniti che in Europa) al punto che è difficile sapere chi abbia più peso all’interno di queste strutture di potere e dei media: Tel Aviv o la Casa Bianca.

Questo significa interdipendenza in termini di posizione internazionale di ciascuno e, per estensione, vulnerabilità a qualsiasi collasso della posizione globale.

Quindi, mentre oggi l’Occidente evidentemente evita il letterale colonialismo dei coloni (diverso da quello praticato da Israele), nondimeno ha perseguito una forma di colonialismo finanziarizzato e in cerca di rendita a partire dalla Seconda Guerra Mondiale. Questo processo è diventato anche un quadro permanente dell’ecosistema politico e geopolitico occidentale.

La conseguenza è che, mentre il colonialismo dei coloni a Gaza si manifesta in modo chiaro e oscuro, la maggioranza globale vede sia Israele che l’Occidente come esplicitamente coloniali. Non viene fatta alcuna distinzione: l’ordine basato sulle regole è visto solo come un’altra iterazione dell’ecosistema coloniale. Pertanto, gli eventi di Gaza, tra le altre cose, hanno scatenato una nuova ondata di sentimento anticoloniale in tutto il mondo.

Costituisce una dinamica che, trovando una forte risonanza tra gli studenti manifestanti occidentali (e tra molti dei loro anziani), sta fratturando le strutture di leadership occidentali – minacciando il percorso attentamente curato verso le elezioni presidenziali USA di novembre.

Infine, la stretta integrazione delle due "strutture" collegate si è riversata nello Zeitgeist della politica estera occidentale: come la risposta di Israele al 7 ottobre è stata quella di scagliarsi contro "Hamas" e Gaza, così l'Occidente, vedendo il proprio "ecosistema egemonico" messo in discussione da Russia e Cina, emula Israele nel considerare la forza militare come la chiave della propria deterrenza e del proprio primato globale.

Il presidente Putin – prefigurando le attuali tensioni con l’Occidente – ha criticato a Monaco nel 2007 in un discorso fondamentale quello che ha definito il dominio monopolistico degli Stati Uniti nelle relazioni globali, e il suo “uso eccessivo quasi incontrollato della forza nelle relazioni internazionali”.

Avrebbe potuto dire lo stesso di Israele nel contesto regionale.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene? di Alberto Fazolo Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene?

Autonomia differenziata: perché Mattarella non interviene?

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti