Al via firme contro l'invio di armi. Enzo Pennetta (Portavoce "Ripudia la guerra"): "Superare le distanze politiche. Lo chiede la maggioranza degli italiani"

Al via firme contro l'invio di armi. Enzo Pennetta (Portavoce "Ripudia la guerra"): "Superare le distanze politiche. Lo chiede la maggioranza degli italiani"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Enzo Pennetta, saggista e docente di scienze naturali, è il portavoce di Ripudia la Guerra, comitato promotore della campagna referendaria contro l'invio di armi in Ucraina e negli altri teatri di guerra. L'Antidiplomatico l'ha intervistato alla vigilia dell'avvio, domani 22 aprile, della raccolta firma su tutto il territorio nazionale.

 

Come nasce il comitato Ripudia la Guerra?

Ripudia la Guerra nasce per volontà di un gruppo di giuristi che si interroga da tempo sul fenomeno dell'invio delle armi, una deroga a una norma generale. L'idea è intervenire sulla legge che consente l'eccezione. E il comitato ha precisamente questo compito: creare le condizioni per mettere in collegamento tutte le realtà interessate a sostenere la causa. Hanno avviato un meccanismo pensato per essere  apartitico e rivolto ai cittadini, di cui io sono il semplice portavoce.

 

La legge che volete abrogare con il referendum - la 185/1990 che vieta “l’esportazione, il transito, il trasferimento di armi verso i Paesi in stato di conflitto armato, in contrasto con i principi dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite” -  non è già palesemente in contrasto con l’articolo 11 della Costituzione?

Nel nostro nome c'è già un chiaro riferimento all'articolo 11, ma l'obiettivo non è certo una dichiarazione di incostituzionalità. Dal punto di vista giuridico siamo testimoni di come l'interpretazione giuridica della Costituzione possa essere molto varia. Il principio del ripudio della guerra è di carattere assoluto oppure è lecito contraddirlo perché l'Ucraina si sta difendendo? Dipende dall'interpretazione. La mia idea è che l'Italia ripudi la guerra in toto. A meno che non ci siano di mezzo i trattati internazionali. Ma è un punto discutibile. Ciò che sappiamo per certo, invece, è che possiamo salvaguardare il principio dell'art. 11 chiedendo l'abrogazione di una legge nazionale. Andando cioè a colpire un articolo di una legge nazionale che è svincolato da qualunque Trattato. Il popolo con un referendum può abrogare qualunque legge. Ci potranno bloccare lo stesso ma non per quel motivo. Non serve far leva sull'incostituzionalità - che probabilmente c'è pure – ma promuovere un atto più diretto: l'abrogazione della norma.

 

Qualcuno sostiene che un referendum di questo tipo è estremamente rischioso perché sussiste la possibilità che non si raggiunga il quorum. In questo caso il governo avrebbe sostanzialmente mano libera per agire indisturbato.

Inizierei col dire che il governo sta già facendo quello che vuole. Non mi piace scommettere ma raccoglieremo le firme necessarie. E quando 500.000 cittadini dicono “no” è già un segnale fortissimo, che obbliga chi vuole agire diversamente a farlo in maniera sfacciata. Il mancato raggiungimento del quorum è un rischio che possiamo correre, perché se invece lo raggiungiamo la vittoria sarà schiacciante.

 

Eppure, anche difronte a vittorie inequivocabili, la volontà popolare espressa attraverso la consultazione referendaria potrebbe essere comunque ignorata, disattesa o aggirata con nuovi provvedimenti di legge in nome della ragion di Stato. È già accaduto al referendum italiano sull’acqua pubblica o a quello greco contro la Troika. Ti sembra una valida ragione per non imbarcarsi in questa avventura?

La possibilità certamente esiste, ma dobbiamo guardare la cosa con altri occhi. L'unico risultato utile non è che il referendum passi e la legge venga abrogata, quello è il risultato massimo. Ce ne sono altri, altrettanto importanti, che si ottengono strada facendo. Già oggi abbiamo ottenuto un risultato: l'informazione è obbligata a occuparsi del tema che solleviamo. La dissonanza tra decisione del parlamento e volontà della maggioranza della popolazione è già posta alla loro attenzione, mentre magari sarebbe più comodo fare finta di niente. E sarà così per ogni fase successiva. I banchetti per strada sono una presenza fisica che infastidisce i media, specialmente se l'intenzione è condizionare l'opinione pubblica. E il referendum è uno strumento straordinario, perché anche le persone più distratte si accorgono che sta succedendo qualcosa. Per assurdo se anche ci fermassimo adesso - per il solo fatto che tanta gente ne sta parlando e ha iniziato ad aggregarsi in un corpo solo che non vorrebbero che ci fosse, perché scardina la propaganda e la manipolazione mediatica - ne sarebbe già valsa la pena.

 

Pochi giorni fa Michele Santoro ha fatto appello per una staffetta contro le armi. Quanto è importante allargare il più possibile il fronte contro la guerra?

Serve allargarlo il più possibile. Tutti possono sostenere Ripudia la guerra senza temere che qualcuno se ne intesti i meriti. Quindi non c'è motivo di valutare le opportunità o le alleanze. Certo, se si presentasse una formazione palesemente delinquenziale starebbe certamente fuori. Ma nell'ambito delle forze politiche, per quanto fra loro molto distanti, il problema non si pone. Restano eventualmente in conflitto ma convergono sulla questione specifica. La pluralità non può che essere un valore aggiunto, d'altronde ci serve il sostegno della maggioranza della popolazione italiana. Un risultato possibile solo coinvolgendo realtà molto differenti.

 

La quarta marcia per la pace (la Perugia-Assisi del 1985 organizzata in concomitanza con la cosiddetta “crisi degli euromissili”) segnò una discontinuità dalle precedenti perché aveva sin dal titolo un preciso obiettivo politico: il blocco delle spese militari italiane. Aderirono a quella campagna le confederazioni sindacali, il PCI e le ACLI, (che garantirono alla marcia una presenza massiccia, quasi 50.000 persone). Dove sono oggi i sindacati e i partiti di massa? Perché abbiamo fatto tanti passi indietro

I sindacati sono tristemente diventati una scatola vuota. Già dalla legge Fornero, quando si arresero dopo quattro ore di sciopero. Si sono vaporizzati. A differenza di quello che vediamo accadere in questi giorni in Francia, dove stanno approvando una riforma molto meno feroce. I grandi partiti, poi, dopo tangentopoli sono diventati contenitori senza idee forti, che inseguono il voto attraverso i sondaggi. Cosa che paradossalmente dovrebbe pure preoccuparli, almeno in questo caso, ma evidentemente subentrano meccanismi superiori. O peggio ancora inseguono la narrazione della stampa, facendo a gara a riposizionarsi sulla base di ciò che essa dice. Ragion per cui è impossibile aspettarsi che un partito dica o faccia qualcosa di dissonante rispetto a quanto la stampa dice di fare. Quarant'anni fa partiti e sindacati avevano alle spalle ben altro tipo di realtà, era un altro mondo.

 

A proposito di mass media e maggioranza. Uno degli argomenti utilizzati più di frequente è che smettere di fornire armi all’Ucraina significa “abbandonarla all’invasore russo”.

Seguendo questa logica ci si pone come unico obiettivo la sconfitta militare della Russia. In pratica ci stanno chiedendo la terza guerra mondiale. E noi non possiamo accettarlo. Il che non significa abbandonare l'Ucraina al proprio destino. Ciò che un argomentazione simile tende a occultare è che sospendere la fornitura di armi significa aprire l'unico, concreto spiraglio per un cessate il fuoco e l'inizio di un negoziato. Noi non diamo più armi all'Ucraina ma in cambio chiediamo un cessate il fuoco. Cosa che, tanto per cominciare, servirebbe a fermare la perdita di vite umane. Sostenere di voler trattare solo dopo aver fatto rientrare la Russia nei suoi confini equivale a voler trattare solo dopo la capitolazione di Mosca. E quando c'è un nemico sconfitto non c'è nemmeno alcuna trattativa. Ecco perché continuare a inviare armi ha come unico sbocco la tragedia per tutti. Non si dimentichi che la Russia è una superpotenza nucleare. E in un caso del genere quello che potrebbe essere un principio condivisibile, quantomeno in astratto, in pratica significa dire che poiché abbiamo ragione siamo pronti a incenerire il mondo. Ma noi non sappiamo che farcene di un mondo incenerito, neanche in nome della ragione.

 

In chiusura, domani parte ufficialmente la raccolta firme: perché è importante venire ai banchetti a firmare già dal primo giorno?

La firma è un segnale per gli altri. L'entusiasmo è contagioso e ci può portare lontano.

Antonio Di Siena

Antonio Di Siena

Direttore editoriale della LAD edizioni. Avvocato, blogger e autore di "Memorandum. Una moderna tragedia greca" 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti